Condividi la notizia

Codice Penale

Dal 1 gennaio in vigore il reato di autoriciclaggio

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre la legge n. 186/2014 in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all'estero nonche' per il potenziamento della lotta all'evasione fiscale.

Dal 1 gennaio 2015 entra in vigore il nuovo reato di autoriciclaggio introdotto con la legge 15 dicembre 2014, n. 186 che ha aggiunto al codice penale il nuovo articolo 648-ter.1

Il reato consiste nel reimpiegare denaro, beni od altre utilità, per impedire che l'autorità ne accerti la loro provenienza delittuosa.

Tale nuova fattispecie penale si aggiunge a quella prevista dall'art. 648-bis di "riciclaggio" reato che, appunto, viene integrato quando su somme di denaro o su altri beni di origine illecita si compiono delle attività tali da "ripulirli", impedendo così che l’autorità ne accerti la loro provenienza delittuosa.

La differenza tra le due figure delittuose risiede sostanzialmente nella circostanza che nell'autoriciclaggio non è necessario l'intervento di un altro soggetto che ricicla in quanto colui che ricicla e lo stesso soggetto che ha realizzato il reato cosiddetto presupposto ovvero quello da cui derivano i proventi illeciti da "ripulire".

Carcere da 1 a 4 anni e multa da euro 2.500 a euro 12.500 se il denaro, i beni o le altre utilità provengono dalla commissione di un delitto non colposo punito con la reclusione inferiore nel massimo a cinque anni, negli altri casi si va da 2 a 8 anni di reclusione e multa da euro 5.000 a euro 25.000.

Aumenti di pena sono previsti quando i fatti sono commessi nell'esercizio di un'attivita' bancaria o finanziaria o di altra attivita' professionale.

Sconti di pena fino alla metà sono stati, invece, introdotti per chi si adoperi "efficacemente" per evitare che le condotte siano portate a conseguenze ulteriori o per assicurare le prove del reato e l'individuazione dei beni, del denaro e delle altre utilita' provenienti dal delitto.

In particolare la nuova norma dispone espressamente che:

"Si applica la pena della reclusione da due a otto anni e della multa da euro 5.000 a euro 25.000 a chiunque, avendo commesso o concorso a commettere un delitto non colposo, impiega, sostituisce, trasferisce, in attivita' economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculative, il denaro, i beni o le altre utilita' provenienti dalla commissione di tale delitto, in modo da ostacolare concretamente l'identificazione della loro provenienza delittuosa.

Si applica la pena della reclusione da uno a quattro anni e della multa da euro 2.500 a euro 12.500 se il denaro, i beni o le altre utilità provengono dalla commissione di un delitto non colposo punito con la reclusione inferiore nel massimo a cinque anni.

Si applicano comunque le pene previste dal primo comma se il denaro, i beni o le altre utilità' provengono da un delitto commesso con le condizioni o le finalita' di cui all'articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203, e successive modificazioni.

Fuori dei casi di cui ai commi precedenti, non sono punibili le condotte per cui il denaro, i beni o le altre utilita' vengono destinate alla mera utilizzazione o al godimento personale.

La pena e' aumentata quando i fatti sono commessi nell'esercizio di un'attivita' bancaria o finanziaria o di altra attivita' professionale.

La pena e' diminuita fino alla meta' per chi si sia efficacemente adoperato per evitare che le condotte siano portate a conseguenze ulteriori o per assicurare le prove del reato e l'individuazione dei beni, del denaro e delle altre utilita' provenienti dal delitto.
Si applica l'ultimo comma dell'articolo 648
".

Scarica la legge n. 186/2014

Enrico Michetti

La Direzione

(17 dicembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

6 dicembre 2014
Senato | Padoan: "non è un condono in quanto l'imposta dovuta si paga per intero".

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2014
Finanziamenti alla Sanità | Sono 134.747 i lavoratori stranieri occupati irregolarmente in Italia che nel corso del 2012 hanno usufruito della procedura di emersione e relativamente ai quali il Ministero del Lavoro ha provveduto a distribuire alle Regioni nuovi finanziamenti alla Sanità

 
 
Condividi la notizia

3 maggio 2014
Riforma | Atti osceni, immigrazione clandestina, falsità in atti, danneggiamento e molti altri delitti diventeranno semplici illeciti amministrativi, in Gazzetta Ufficiale la legge per trasformare i reati in sanzioni e messa in prova degli imputati.

 
 
Condividi la notizia

10 febbraio 2016
Dipartimento del Tesoro | Online il rapporto in lingua italiana sull'efficacia delle azioni di contrasto del sistema Italia

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Codice Penale | Entra in vigore il 18 aprile il nuovo art. 416-ter del codice penale

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2015
Riforme | Il testo della norma appena pubblicata sulla G.U. prevede la non punibilità nei reati per i quali è prevista una pena non superiore a 5 anni, ma con importanti eccezioni.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2016
Riforma | La Camera dei deputati ha approvato in via definitiva i nuovi delitti.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2017
Corte di Cassazione | Lente d'ingrandimento sulla trattativa privata. Va esclusa l'esistenza di una gara solo quando la P.A. resti libera di valutare, in mancanza di precisi criteri di selezione.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Corte di Cassazione | Prostitute socialmente pericolose? Quando il questore può emettere il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio. E i clienti commettono reato?

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2018
Giustizia | Il diritto di critica nell'esercizio del diritto di difesa. La causa di non punibilità di cui all'art. 598 codice penale.

 
 
Condividi la notizia

19 agosto 2014
Corte di Cassazione | La raccomandazione, anche se effettuata da un Comandante dei Carabinieri o da un parlamentare, non integra il reato di abuso d'ufficio se avviene al di fuori delle funzioni.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Ecoreati | Il Senato ha approvato in via definitiva la norma che introduce nel codice penale il Titolo VI-bis sui delitti contro l'ambiente.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Parlamento | Introdotti gli arti.589 bis e 590 bis del codice penale. Sì definitivo al Senato con con 149 voti favorevoli, 3 contrari e 15 astenuti.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.