Condividi la notizia

Suprema Corte

Cassazione: urlare di notte è reato

Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

La Pulce e il Prof Locandina
Ascolta La Pulce e il Prof sull'argomento
L'Urlatore Notturno - Puntata 081 - Stagione II
 

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una ondata di depenalizzazioni che ha travolto molti reati, tale sorte non ha colpito, tuttavia, il reato di disturbo della quieta pubblica previsto dell'art. 659 del codice penale nonostante il principio di depenalizzazione di tale reato, fosse incluso nella legge delega n. 67 del 2014.

Tale depenalizzazione, infatti, non ha trovato attuazione ad opera del legislatore delegato in quanto il decreto legislativo 15 gennaio 2016, n. 8, emanato in attuazione della delega della menzionata legge, non include la contravvenzione di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone tra le fattispecie penali trasformate in illeciti amministrativi.

Chiarito il quadro normativo vigente, la Corte di Cassazione Penale Sez. 3 con sentenza pubblicata il 14 febbraio 2017 (Presidente: CARCANO Relatore: ROSI - Data Udienza: 26/10/2016) ha confermato ad un "urlatore notturno" - riconosciuto il vizio della infermità parziale di mente - la pena inflitta dai giudici di merito di euro 110 di ammenda per avere, appunto in ora notturna ed in evidente stato di alterazione psico-fisica derivante dall'abuso di sostanze alcoliche, turbato il riposo delle persone urlando frasi e parole farneticanti, dapprima affacciato alla finestra della propria abitazione e poi in strada.

Inutile è stato il ricorso proposto dall'urlatore notturno dinanzi alla Suprema Corte che ha rigettato, per le ragioni sopra esposte, il motivo con il quale si sosteneva l'avvenuta depenalizzazione del reato ed altrettanto inutile è stato il tentativo di farsi riconoscere la non punibilità prevista dall'art. 131 bis del codice penale per la particolare tenuità del fatto.

La Suprema Corte - dopo aver premesso che il reato tutela la pubblica quiete e l'idoneità e l'incidenza delle condotte poste in essere ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone costituisce un accertamento di fatto che non può che essere rimesso all'apprezzamento del giudice di merito - ha evidenziato come la condotta del ricorrente si era sviluppata per un consistente arco temporale alle due di notte ed aveva comportato l'intervento di due pattuglie dei Carabinieri, per cui il giudice ha valutato la stessa certamente idonea a superare, per natura, intensità e collocazione cronologica, la normale tollerabilità e ad arrecare disturbo alla quiete di un numero indeterminato di persone.

Inoltre è stata esclusa la sussistenza della causa di esclusione della punibilità della particolare tenuità del fatto, collegando tale giudizio proprio alla consistenza dell'allarme provocato nei vicini e all'intervento di due pattuglie, resosi necessario per riportare alla calma l'imputato e farlo rientrare nell'abitazione, con successivo piantonamento della stessa, con la conseguenza che la condotta del ricorrente era risultata, a parere del giudice di merito, "concretamente lesiva" del riposo alle persone.

Fonte: Massimario Gazzetta Amministrativa

Enrico Michetti

La Direzione

(21 febbraio 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2016
Depenalizzazione | La sentenza della Suprema Corte n. 36867 del 6.9.2016. I presupposti per l'applicazione dell'illecito amministrativo anche alle pregresse violazioni.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 36866 del 6.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di cassazione | Il reato è consumato anche se la vittima agisce come agente provocatore. La sentenza del 20 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza della Prima Sezione Penale n. 26776/2016.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quinta Sezione nella sentenza n. 42337 del 6.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza delle Sesta Sezione Penale del 20 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

11 ottobre 2016
Corte di Cassazione | L'assegnazione del codice di triage all'atto dell'accettazione vale soltanto a definire un ordine di visita fra più pazienti in attesa. Rifiuto di atti di ufficio. L'età e le richieste di intervento dell'infermiera nella sentenza n. 40753/2016.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.