Condividi la notizia

Giustizia

Per la Cassazione il magistrato può essere offeso, ma non calunniato

Il diritto di critica nell'esercizio del diritto di difesa. La causa di non punibilità di cui all'art. 598 codice penale.

Quanti sperano che il proprio avvocato nell’esecuzione dell’incarico si impegni in modo da trattarlo come se fosse il “casus belli” che cambierà le sorti del mondo. Quanti ancora auspicano che il proprio legale nel gestire la causa in Tribunale abbia il medesimo fervore, ardore, zelo e solerzia che solitamente anima e fa trascorrere notti insonni al cliente.

A volte accade, come nella vicenda in esame, che un avvocato, insoddisfatto dell’esito del processo, sia stato addirittura condannato, sia in primo che in secondo grado, per diffamazione,  avendo accusato il magistrato - in plurimi scritti indirizzati al Consiglio Superiore della Magistratura, all’Associazione Nazionale Magistrati e al Tribunale - di aver abusato delle sue funzioni, svolte peraltro con negligenza, al fine di danneggiare l'imputato. L'avvocato descrive il magistrato come un soggetto incapace e in mala fede, in quanto dedito a favorire interessi privati piuttosto che pubblici.

Più precisamente l'avvocato aveva fatto riferimento ad una querela presentata dalla moglie, assistita del medesimo, in relazione ad abusi edilizi consistenti nella realizzazione di opere su un lotto destinato a verde attrezzato e quindi non edificabile, contiguo a quello di proprietà della querelante. Il silenzio serbato dal PM a fronte delle numerose denunce presentate avrebbe indispettito l'avvocato che avrebbe evidenziato un intento persecutorio del giudice unito anche ad una condotta faziosa, irresponsabile ed incapace. 

Per l'avvocato si sarebbe trattato soltanto di legittime manifestazioni di pensiero consistenti in alcune critiche all'operato del giudice sollevate a fronte dei gravi danni subiti dalla sua assistita.

La Corte di Cassazione, Quinta Sezione Penale, con sentenza n. 47505 depositata in data 18 ottobre 2018 non ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato in quanto ha ritenuto le affermazioni gravemente offensive della reputazione della persona offesa, in quanto estranee ad ogni limite di continenza.

Più precisamente, sia per gli avvocati che per le parti del giudizio, è prevista dal codice penale all'art. 598 una causa di non punibilità per le offese inerenti ai fatti di causa contenute in scritti e discorsi pronunciati davanti all’Autorità, purché il diritto di critica venga esercitato pur sempre mediante l'uso di termini riconducibili ad espressioni ordinarie e non di per se diffamatorie.

La Cassazione conclude che la giustificazione prevista dal codice penale non si applica alle espressioni calunniatrici, limitandosi a dichiarare la non punibilità esclusivamente per le offese al magistrato poste in correlazione con l'esercizio del diritto di difesa.

Enrico Michetti

 

 

 

La Direzione

(24 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Offesa all'onore di consiglieri comunali. La scriminante dell'esercizio del diritto di critica politica. La sentenza della Suprema Corte del 10.2.2017.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Reati contro la P.A. | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Poesia di agosto | di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2015
Argentina | Poesia di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2016
Corte di Cassazione | Nel linguaggio comune la frase è sinonimo di persona eccentrica ovvero irascibile. La sentenza n. 21021/2016.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2016
Diffamazione | La sentenza della Cassazione n. 32791 del 27 luglio 2016 sulle problematiche derivanti dall'utilizzo dei Social e sulla dichiarazione di non doversi procedere in caso di condotta riparatoria.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2016
Suprema Corte | Le frasi incriminate "Fattucchieri, maghi e guaritori" "ve la faccio pagare" e "vi lancio i vasi dal balcone".

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2016
Corte di Cassazione | Ogni singolo elettore può promuovere l'azione penale, può costituirsi, in qualità di persona offesa, parte civile nei processi e può opporsi alla richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero. La sentenza della Terza Sezione Penale n. 33040 del 28 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Diritto di satira | Assolto il condomino che distribuiva volantini con la caricatura in Pinocchio dell'amministratore condominiale. La sentenza della Corte di Cassazione n. 41785 del 5.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.