Condividi la notizia

Social Network

L'esperimento sugli utenti di Facebook finanziato dal Dipartimento della Difesa USA

Nuove rivelazioni sul test del 2012 nel corso del quale Facebook ha manipolato gli account di circa 700.000 utenti a livello globale. Spunta la mano dell'esercito USA.

Nuove inquietanti rivelazioni in merito test effettuato su circa 700.000 utenti di Facebook nel 2012 e di cui si è venuti a conoscenza solo grazie alla pubblicazione dello studio da parte della Cornell University e della University of California. In un comunicato stampa rilasciato inizialmente dalla Cornell University è stato infatti precisato che: "lo studio è stato finanziato in parte dalla James S. McDonnell Foundation e dall'Ufficio di Ricerca dell'Esercito". 

Successivamente il comunicato è stato corretto, specificando che lo studio non sarebbe stato finanziato dall'Esercito statunitense. Difficile credere al comunicato rivisitato, specialmente se si tiene conto che Jeffrey Hancock, Professor of Communication and Information Science presso la Cornell University e coautore dello studio, è anche un autorevole collaboratore del Minerva Initiative, un programma di ricerca militare.

Nei suoi recenti studi finanziati dal Dipartimento della Difesa, Hancock ha collaborato, tra l'altro, ad uno studio intitolato: "Modeling Discourse and Social Dynamics in Authoritarian Regimes". Si tratta nello specifico dell'elaborazione di un modello di diffusione di "dinamiche sociali" nei regimi autoritari, in breve un utile sistema di previsione della diffusione di un'idea, di una notizia, di uno "stato d'animo" attraverso i social network. Pensiamo in particolare alle "primavere arabe" e all'intenso uso dei social network per condizionare il crollo dei vari regimi mediorientali. Ma anche all'uso della disinformazione nei conflitti in Libia ed Ucraina, ampiamente coadiuvato dalla diffusione di video ed immagini sui social network.

Di più, nell'ambito del Minerva Initiative viene finanziato un altro studio della Cornell University curato sempre dal professor Hancock, dal titolo ancor più inquietante: "Tracking Critical-Mass Outbreaks in Social Contagions" (Tracciare gli sviluppi di crisi di massa nel contagio sociale). Lo studio dunque cercherebbe di sviluppare un modello di "contagio" sociale in caso di ribellioni di massa o rivolte civili. Così veniamo a sapere che gli stessi ricercatori che hanno ricevuto il supporto attivo di Facebook per manipolare gli aggiornamenti di stato dei profili di 700.000 utenti nel mondo, stanno studiando attivamente metodi di condizionamento e di sviluppo di rivolte civili per conto dell'esercito USA.

Siamo ben oltre la violazione della privacy degli utenti dei social network. Appare così sempre più chiaro che oltre ad essere delle potenti macchine pubblicitarie che macinano miliardi di dollari, i social network, grazie al loro accesso ai dati quotidianamente aggiornati di milioni di esseri umani, costituiscono un agile strumento di studio delle masse e dei loro comportamenti al fine, naturalmente, di condizionarli con sempre maggiore efficacia.

Francesco Colafemmina

(2 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 giugno 2014
Social | Oltre un miliardo di "amici" non bastano. La richiesta di brevetto per aprire il social network ai bambini con l'ok dei genitori che gestiranno i contenuti.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
PRIVACY E WEB | Una sorta di backup di tutto quello che ci riguarda postato da noi o da altri, le chat, i luoghi da cui abbiamo effettuato l'accesso. Tutto in un file .zip facilmente ottenibile nella sezione "Impostazioni" del social network.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Cassazione Penale | La Suprema Corte equipara gli utenti dei social media a giornalisti.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Smartphone e social network | Vademecum del Garante per proteggere la privacy propria e altrui durante le vacanze estive.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2016
Garante Privacy | Per la modifica della privacy policy effettuata a fine agosto che prevede la messa a disposizione di Facebook di alcune informazioni.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Corte di Cassazione | Non e' solo la descrizione poco lusinghiera "Mangio solo cibi spazzatura e bevo birra...quando mi ubriaco vado fuori giri" ad integrare il reato, quanto l'utilizzo dei servizi del sito con la falsa identità.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2015
Unione Europea | Dichiarata invalida la decisione della Commissione Europea che aveva attestato che gli Stati Uniti garantiscono un adeguato livello di protezione.

 
 
Condividi la notizia

25 maggio 2014
Privacy | La guida del Garante Privacy per non rimanere intrappolati nelle 'reti sociali'

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2014
Dipartimento della Gioventù | Un sito web, una pagina Facebook, spot radiotelevisivi per diffondere il messaggio del movimento lanciato dal Consiglio d'Europa.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Pubblica sicurezza | Non occorre un obiettivo ed accertato abuso delle armi, ma è sufficiente la sussistenza di una o più circostanze che dimostrino come il soggetto non sia del tutto affidabile al loro uso.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Università italiane | Il Consiglio di Stato blocca i tentativi di eludere i test d'ingresso alle Università italiane con corsi di studio avviati all'estero.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Pubblica Sicurezza | Sì all'espulsione dal territorio italiano se c'è propaganda su Facebook a favore dello Stato islamico.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2014
Sicurezza Nazionale | I Garanti europei della privacy, riunitisi a Bruxelles, chiedono ai Governi maggiore trasparenza

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Codice di deontologia | I chiarimenti del Garante privacy sul Codice per il credito al consumo

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2014
Gas | Rivelato dal Washington Post un documento a firma del Consiglio Europeo che invita gli USA a cancellare le restrizioni per l'esportazione di gas e petrolio. Restano i dubbi sulla convenienza di una simile operazione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.