Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Licenziato chi parla male dell'azienda sui social network

Per la Suprema Corte la diffamazione sui social network nei confronti del proprio datore di lavoro è giusta causa di licenziamento.

Si può erroneamente pensare che utilizzare espressioni offensive e diffamatorie sui social network contro il proprio datore possa non avere ripercussioni sulla propria stabilità lavorativa.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10280 del 27 aprile 2018, ha posto un punto fermo sulla questione: le critiche offensive del lavoratore postate sulla propria bacheca facebook creano un grave danno all’immagine aziendale ed hanno natura diffamatoria tale da giustificarne il licenziamento.

Facebook deve essere considerato come una spazio virtuale idoneo a raggiungere una serie indefinita di destinatari ed è quindi importante adottare tutte le necessarie cautele per evitare di incorrere in errori che possano pregiudicare le nostre vite.

Difatti, la lavoratrice era andata ben oltre il giusto contegno da adottare sui social network, scrivendo sulla propria bacheca face book frasi gravemente offensive e di disprezzo verso l’azienda e verso il proprio datore (anche se non era esplicitato il suo nome).

Questo, per la Corte, integra un ipotesi di diffamazione, ex art. 595 c.p., proprio per la potenzialità del mezzo di raggiungere una moltitudine di persone.

Il comportamento è di natura colposa, dato che la lavoratrice non presentava fondati elementi di disequilibrio sul posto di lavoro, e, pertanto, “può risultare idoneo a determinare una lesione del vincolo fiduciario così grave ed irrimediabile da non consentire l'ulteriore prosecuzione del rapporto (Cass. 1.7.2016 n. 13512)”

Quindi, con la sentenza in questione, è stato affermato che la natura altamente offensiva e diffamatoria del commento pubblicato sui social e l’idoneità di raggiungere un gran numero di persone determinano il venir meno del rapporto di fiducia tra datore e lavoratore, tale da essere giusta causa di recesso, ex art. 2119 c.c., per inadempimento contrattuale.

È comunque compito del giudice valutare la gravità dei comportamenti tenuti dal lavoratore e la proporzionalità fra tali fatti e la sanzione inflitta, per stabilire se la lesione dell'elemento fiduciario, su cui si basa la collaborazione del prestatore di lavoro, sia tale, in concreto, da giustificare la massima sanzione disciplinare, quale evento "che non consente la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto".

 

Marilù Fiore

(27 giugno 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 maggio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Sezione Lavoro nella sentenza n. 10842 del 25.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2014
Corte di Cassazione | Rivoluzionaria sentenza della Cassazione. Per l'ammissibilità della domanda di condanna al pagamento dei contributi, oltre al datore di lavoro, è necessario citare anche l'Inps. È escluso il pagamento dei contributi in favore del lavoratore.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2014
licenziamento e reintegrazione | La Suprema Corte con sentenza n. 23669/2014 indica i nuovi regimi di tutela del lavoratore illegittimamente licenziato.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Licenziamento ritorsivo. La diffusione sul web. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Prevenzione e sicurezza | Il principio sancito dalla Corte di Cassazione sul rischio nuovo od esorbitante.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2016
Sanzioni disciplinari | Il caso di un dipendente comunale licenziato per due giorni di assenza non giustificata. La proporzionalità nella sentenza n. 17355 del 25 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2016
Diffamazione | La sentenza della Cassazione n. 32791 del 27 luglio 2016 sulle problematiche derivanti dall'utilizzo dei Social e sulla dichiarazione di non doversi procedere in caso di condotta riparatoria.

 
 
Condividi la notizia

13 dicembre 2014
Privacy e Ispettorato | Una sentenza del Consiglio di Stato impedisce la conoscibilità, al datore di lavoro, delle dichiarazioni e dell'identità dei lavoratori contenute negli atti ispettivi.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

25 gennaio 2016
INPS | Pubblicati i moduli per il lavoratore distaccato e per chi svolge la propria attività di lavoro in più Stati UE.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Cassazione Penale | La Suprema Corte equipara gli utenti dei social media a giornalisti.

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2015
Tutela del terzo | La Suprema Corte rinforza la responsabilità del datore di lavoro nella sentenza n. 44793/2015.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2016
Suprema Corte | Le frasi incriminate "Fattucchieri, maghi e guaritori" "ve la faccio pagare" e "vi lancio i vasi dal balcone".

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Corte di Cassazione | No al file-sharing, al porno e all’utilizzo della posta elettronica per scopi personali. Gli ermellini chiariscono definitivamente la vicenda di un licenziamento disciplinare.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.