Condividi la notizia

Innovazione

I ritardi nell'uso della tecnologia digitale ci "costano" 10 milioni di euro al giorno

Una ricerca del centro Studi Censis rivela il nostro grave "gap tecnologico" rispetto alla media europea ed alle economie piu' avanzate, con un "costo" quantificabile in oltre tre miliardi e mezzo l'anno

Una ricerca del centro studi Censis, pubblicata sul “Diario della transizione”, rivela che il grave ritardo nell’uso delle nuove tecnologie “costa” al nostro Paese oltre tre miliardi e mezzo di euro ogni anno. La segnalazione arriva dal “ilfattoquotidiano.it”, con un articolo di redazione che riporta i dati più significativi dello screening.

Per il Censis, “se l’Italia recuperasse i ritardi nell’uso delle nuove tecnologie per informarsi, fare acquisti, interagire con La Pubblica Amministrazione, fino a raggiungere gli standard europei”  e si riuscisse finalmente a mettere in atto “un ragionevole progetto di razionalizzazione delle diverse banche dati della P.A. (sono 1.520)”, si otterrebbe “un netto miglioramento della qualità dei servizi e una conseguente disponibilità per nuovi investimenti in innovazione”.

Stiamo parlando di cifre che, nelle stime dei ricercatori del Censis, sfiorano i 10 milioni di euro al giorno, che “potrebbero essere utilizzate per nuovi investimenti in reti, tecnologie e servizi innovativi”.

Naturalmente il problema sta anche nella nostra scarsa propensione all’uso delle tecnologie digitali. Il Censis, infatti, sottolinea che in Italia solo il 58% delle persone con età compresa fra i 16 ed i 74 anni utilizza internet; a fronte dell’ 82% della Francia, dell’84 della Germania e del 90% del Regno Unito, con una media europea che si attesta sul 75%. In pratica, siamo indietro rispetto a tutte le economie più avanzate; e non solo rispetto a quelle, purtroppo.

Nel nostro Paese solo un terzo degli utenti usa internet per contattare la P.A.; ovviamente, non è solo colpa dei cittadini. A parte la già accennata questione delle numerosissime e diverse banche dati, pesa moltissimo anche il grave ritardo negli investimenti in reti di nuova generazione, rispetto a Francia, Regno Unito e Germania.

Tutto questo costituisce una gravissimo “gap tecnologico” che contribuisce a frenare sviluppo e crescita. Siamo un po’ come un atleta che pretende di partecipare ad una gara di corsa con i pesi attaccati alle gambe, mentre gli altri concorrenti corrono liberi da freni di ogni genere.

Il Censis lo chiama “spread”, ma non c’entra con i nostri titoli di Stato e quelli tedeschi. E’ la differenza con le economie più avanzate, che si traduce in “costi” dovuti ai ritardi del nostro Paese anche in questo campo, che comprende anche quello nell’uso dei mezzi tecnologici per effettuare i pagamenti.

Si pensi che in Italia, secondo il centro studi autore della ricerca di cui stiamo parlando, l’82,7% dei pagamenti viene fatto in contanti, mentre in Europa la media è del 66,6%. Da noi in un anno la media pro-capite dei pagamenti con carte di credito o simili è solo di 28. In Gran Bretagna siamo a 167 ed in Francia a 129. Con tutto quel che ne consegue, ovviamente, in termini di controllo del “nero”.

E non servirà certo a migliorare la situazione “l’obbligo”, imposto dal primo luglio ad una serie di categorie professionali ed imprenditoriali, di utilizzare il “pos” per i pagamenti sopra i 30 euro. La norma, infatti, non prevede alcun tipo di sanzione per chi non la rispetta.

Insomma, una cosa un po’ alla “vogliamoci bene”, del tipo : “fate voi, lasciamo la decisione al vostro senso di responsabilità”.

 

Moreno Morando

(6 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 novembre 2014
Agenda Digitale Europea | Conclusa l'indagine conoscitiva Antitrust-Agcom. Proseguire celermente con la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Reti in fibra ottica, “esigenza prioritaria”. Per gli investimenti, “privati anche in forme di joint venture”.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2014
Telecomunicazioni | Dal Rapporto della Commissione Europea sul mercato delle tlc nel periodo 2012-2013 emerge chiaramente che l'Italia si muove a ritmo inferiore rispetto alla media UE

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2014
Digitalizzazione P.A. | Dopo anni di attesa il futuro digitale del Paese si avvicina. Alla Funzione Pubblica il compito di pianificare e sorvegliare lo sviluppo.

 
 
Condividi la notizia

18 dicembre 2014
Istat | Secondo l'Istituto Nazionale di Statistica nel 2014 le famiglie che dispongono di una connessione internet da casa sono aumentate del 3,3%. Gli utenti che accedono ai siti delle P.A. sono il 29,8% degli utenti internet.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Basilicata digitale | Con questo secondo modulo di intervento, finanziato con fondi FEASR per circa 5 milioni di euro, saranno raggiunti dal servizio altri 11 comuni in aree rurali.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2015
Basilicata Digitale | Per il Presidente Pittella, in quelle aree 'può costituire una speranza di rinascita, un'opportunità di giovani e imprese per riconnettersi al mondo'.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2016
Digital divide | Nel periodo 2016-2022 porterà l'accesso veloce a internet in aree in cui non è al momento disponibile. Valore del piano 4 miliardi.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
Giustizia Europea | La Corte di Giustizia Europea sul problema della violazione del diritto d'autore nell'ambito dei siti internet.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Camera dei deputati | Per la prima volta in Italia si istituisce in sede parlamentare una Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet.

 
 
Condividi la notizia

30 ottobre 2014
digitalizzazione | Le proteste dei cittadini non si fermano per il progetto di legge "internet tax" da molti giudicato "antidemocratico".

 
 
Condividi la notizia

19 settembre 2016
Privacy | La decisone del Garante che ha vietato a un'università il monitoraggio massivo delle attività in Internet dei propri dipendenti.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2014
Internet.org | Dopo un anno di lavoro vede finalmente la luce il progetto di Facebook & co. che trasforma internet in un diritto umano: si parte dallo Zambia.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2014
Antitrust | L'Authority chiede di consentire ai cittadini di utilizzare accanto alla modalità storica del bollettino di Poste Italiane anche MAV, bonifici, lottomatica, SISAL, pagamenti on line con carte di credito.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2015
AgID | Il settore del 'Machine to Machine' (M2M), detto anche 'internet of things', include una vastissima ed eterogenea gamma di servizi di comunicazione elettronica.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
AgID | L'Agenzia per l'Italia Digitale annuncia l'avvio del percorso per l'applicazione di un'identità visiva coerente su tutti i siti istituzionali.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.