Condividi la notizia

Riforma della P.A.

Un pensionato puo' fare l'assessore solo a titolo gratuito

La norma e' stata scritta per favorire il "ricambio generazionale", ma si registrano effetti "distorsivi" che forse andrebbero meglio approfonditi.

Al culmine delle polemiche tra le parti contrapposte in tema di riforme istituzionali ed elettorali, bisogna tener presente -come segnalato nei giorni scorsi dal  Quotidiano della P.A. nell’articolo che affrontava la questione del pericolo di “ingorgo” in Parlamento- che tra poche settimane scadrà il termine per l’approvazione dei disegni di legge di conversione di alcuni decreti legge approvati dal Governo Renzi il mese scorso.

Tra questi, visto l’interesse e le polemiche che ha trasversalmente provocato, va ricordato il Decreto Legge n. 90/2014, sulla Riforma della P.A., pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 giugno ed entrato in vigore il  giorno dopo. Attualmente è in corso alla Camera l’esame degli emendamenti.

Leggendo il testo del decreto mi sono soffermato, in particolare, sull’articolo 6, che tratta del “divieto di incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza” e che, modificando la norma contenuta in un decreto convertito del 2012, ora stabilisce  il divieto per le amministrazioni pubbliche -esclusi gli organi costituzionali- di conferire ai soggetti in quiescenza (sia del settore pubblico, che di quello privato) “incarichi dirigenziali o direttivi o cariche in organi di governo delle amministrazioni di cui al primo periodo. Sono comunque consentiti gli incarichi e le cariche conferiti a titolo gratuito”.

La norma, nelle intenzioni del Governo, vuole favorire il c.d. “ricambio generazionale”, ma con la modifica dell’ultimo decreto legge comporta, ad esempio, che un pensionato, sia pubblico che privato, che può contare su un assegno di 1.000-1.200 euro, non può diventare assessore di un comune, a meno che non lo faccia a titolo gratuito.

La cosa, a prima vista, potrebbe anche incontrare consensi generalizzati, ma approfondendo tutti i casi specifici, risulta qualche anomalia difficilmente giustificabile.

Passi per chi è andato in quiescenza potendo contare su assegni sostanziosi. Ma se una persona, dopo aver lavorato tutta la vita  mantenendo la sua famiglia con uno stipendio modesto, ad un certo punto decide di impegnarsi nella vita pubblica, occupandosi della sua comunità e decide di farlo praticamente a tempo pieno, proprio perché è in pensione; per quale motivo non dovrebbe avere diritto ad incassare le poche centinaia di euro di indennità prevista per gli amministratori dei comuni; anche quelli con diverse decine di migliaia di abitanti.

Si dà sempre per scontato, sbagliando, che tutti quelli che si occupano di amministrazione pubblica lo facciano per fare i propri interessi o “per rubare soldi pubblici”. Sono evidenti e numerosissimi i casi di corruzione di cui si occupano le cronache, ma non è con questi tagli lineari, generalizzati e suggeriti da motivazioni vagamente moralistiche, che si potrà sperare di “moralizzare” la vita pubblica o risanare i conti pubblici.

La corruzione va combattuta con tutti i mezzi consentiti, ma non c’entrano nulla i modesti emolumenti degli assessori di comuni piccoli e medio piccoli. Oltretutto, per quale motivo un soggetto che non è in pensione ha diritto all’indennità di assessore, mentre chi lo è deve farlo gratuitamente? Dove sta la ratio di questa strana norma? Si vuole favorire il ricambio generazionale? Ma questa cosa non c’entra nulla.

Il ricambio generazionale deve avvenire dappertutto con modalità caratterizzate da equilibrio e buonsenso, anche per non disperdere il patrimonio di esperienza della gran parte dei lavoratori, pubblici e privati, che hanno sempre fatto il loro dovere con impegno, onestà e dedizione.

Ho sentito parlare di iniziative per modificare questa distorsione, ma non ne ho trovato traccia tra gli emendamenti. Se effettivamente questo è l’effetto che si voleva ottenere, a mio parere si finisce con il dare un segnale sbagliato; scoraggiando indirettamente tante brave ed oneste persone, che trovandosi in quella situazione potrebbero anche sentirsi spinti a non impegnarsi, proprio perché -mettendo sullo stesso piano chi ha redditi da pensione oltre i 100.000 euro e chi si deve accontentare di cifre attorno ai ventimila euro l’anno- si finisce per compiere un’ingiustizia e, tutto sommato, anche con il rendersi un po’ ridicoli.

Ma il Governo voleva veramente ottenere questo effetto? Devo dire, peraltro, che nei pareri forniti dalle varie associazioni sentite prima dell’approvazione del decreto legge, non ho trovato traccia di voci contrastanti su questa materia. Debbo, quindi, pensare, che sia sfuggito questo tipo di “effetto pratico”, oppure che non sia ritenuto un “risultato distorsivo” rispetto alla ratio della norma.

Ma se è così, per quale motivo “non si applica agli incarichi e alle cariche presso organi costituzionali”?

 

 

 

 

Moreno Morando

(23 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 giugno 2014
Ancora sulla Riforma della P.A. | Il progetto complessivo di Riforma della P.A. prevede 26 articoli; tra le proposte all'esame anche l'accorpamento delle scuole di formazione e la banca dati delle societa' partecipate

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2014
Pubblica Amministrazione | Il Presidente del Consiglio nella conferenza stampa che ha fatto seguito alla riunione dell'Esecutivo ha annunciato una serie di provvedimenti per cambiare e snellire la pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2014
Riforma della P.A. | Dopo aver chiesto per tre volte la fiducia in una settimana, il Governo incassa il via libero definitivo sulla prima parte della riforma.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
Funzione Pubblica | Renzi:"Madia mi ha portato il report delle consultazioni sulla riforma della P.A.". "Ci siamo"

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
RIFORMA DELLA P.A. | "Gli over 70 devono andare in pensione, serve il ricambio". Alla Camusso: "Basta polemiche decideranno Parlamento e cittadini"

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2016
Agevolazioni alle imprese | In Gazzetta Ufficiale n. 39 del 17.2.2016 il decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2014
Pubblica Amministrazione | In vista delle decisioni del Governo nella riunione fissata per il 13 giugno, il ministro Madia ha convocato le OO.SS. di categoria, aggiungendo ai 44 punti gia' oggetto di consultazione anche il tema del rinnovo del contratto.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2014
Riforma della P.A. | Cantone potra' chiedere il commissariamento anche dei concessionari. Lunedi' il decreto sulla riforma della P.A. all'esame dell'Aula di Montecitorio

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2015
MIPA | Il Ministero pubblica sul sito istituzionale una sintesi della Legge che ha appena avuto il via libera dalle Camere.

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2016
Generazione Campolibero | Obiettivo favorire il ricambio generazionale, sostenendo il comparto e creando nuovi sbocchi occupazionali.

 
 
Condividi la notizia

15 aprile 2016
Legge di Stabilità 2016 | Firmato il decreto dai Ministri Dario Franceschini e Marianna Madia.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
Attività del Parlamento | Il Senato ha approvato in via definitiva, con 145 voti favorevoli e 97 contrari, il ddl delega presentato dal Governo.

 
 
Condividi la notizia

23 maggio 2014
Funzione Pubblica | Per l'enormità dei dati arriva in soccorso l'Universita La Sapienza di Roma con algoritmi e modelli matematici. Analizzati e resi pubblici i dati della metà delle lettere.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Riforma della P.A. | Nell'incontro di ieri il ministro per la PA ha illustrato alle OOSS i tratti fondamentali della Riforma che sara' portata all'esame del Cdm. Smentita la mobilita' entro 100 km

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2015
Gazzetta ufficiale | Pubblicata nella G.U. n. 187/2015 la norma che contiene le “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.