Condividi la notizia

reati in materia di immigrazione

Extracomunitari: condanne per false regolarizzazioni

Associazione a delinquere e falso in atto pubblico, la Corte di Cassazione chiarisce le modalità di calcolo della pena.

Nel territorio pratese, dove giungono ormai migliaia di cittadini extracomunitari con la speranza di pervenire a condizioni di vita più agiate che nel loro paese, vi è una rete di personaggi che sfrutta le necessità di queste persone.

Dopo tre gradi di giudizio, con la sentenza della Cassazione 45504, depositata il 4 novembre, si è chiusa la partita per alcuni di loro, con parziale prescrizione dei reati ascritti, dato il fatto che le condotte in questione risalivano agli anni 2002 - 2004. Sono importanti tuttavia i chiarimenti della Suprema Corte per quanto riguarda situazioni simili.

Il gruppo nutrito (ben sei persone), ognuno con ruoli diversi, formava e produceva presso le prefetture e le questure di Prato, Firenze e Pistoia dichiarazioni e documenti falsi attestanti falsamente la preesistenza di rapporti di lavoro e di sistemazioni abitative, nonché la cessazione dei rapporti di lavoro stessi, ingannavano i pubblici ufficiali addetti agli uffici indicati, inducendoli ad attivare la procedura che si concludeva con il rilascio di permessi di soggiorno ideologicamente falsi perché basati su presupposti inesistenti, a molteplici cittadini stranieri.

Da tutto ciò traevano profitto spesso anche attraverso il reclutamento di datori di lavoro (anch’essi senza scrupoli).

La loro attività di associazione a delinquere (per alcuni di loro) era infatti diretta a favorire l’ingresso, o comunque la permanenza nel territorio italiano di cittadini stranieri in violazione delle norme di legge inducendo lo Stato a ritenere che quei rapporti di lavoro fossero esistenti, ci fossero idonee sistemazioni abitative, il tutto al fine di attivare le procedure di regolarizzazione degli stranieri.

Un numero indeterminato di delitti contro l’immigrazione e delitti di falso documentale, commessi utilizzando come base operativa lo studio professionale di uno degli imputati.

In particolare, attraverso la presentazione di fittizie pratiche di sanatoria, di false dichiarazioni di emersione, di indebiti pagamenti di contributi Inps da parte degli stessi lavoratori extracomunitari, di falsi contratti di soggiorno e di buste paga, di false dichiarazioni di ospitalità e falsi licenziamenti, avevano compiuto 172 false dichiarazioni di emersione e ottenuto il rilascio di 124 permessi di soggiorno.

Un iter burocratico complesso volto a sfruttare fittiziamente la legge 222/2002 sulla regolarizzazione di lavoratori extracomunitari, peraltro mai conosciuti.

L’attività “seriale” degli associati, con un vero e proprio “tariffario” per le prestazioni erogate, non si traduceva solo nella presentazione delle false denunce di emersione, legate al preciso arco temporale finale fissato dalla legge (dicembre 2002), ma anche dopo, essendo (l’associazione) “punto di riferimento di molteplici lavoratori extracomunitari, al fine di consentire la permanenza degli stessi nel nostro Stato, attraverso l’ottenimento dei permessi di soggiorno”.

Come accennato, la pronuncia ha il pregio di aver chiarito quali reati possono essere ascritti a casi similari.

Rispondono i giudici: i reati di falso sono più di uno o le condotte illecite vengono assorbite (con una minore pena quindi) nel solo reato di falso prevista dall’art. 1, comma 9 della legge 222/2002?

L’art. recita: “chiunque presenta una falsa dichiarazione di emersione ai sensi del comma 1, al fine di eludere le disposizioni in materia di immigrazione del presente decreto, è punito con la reclusione da due a nove mesi, salvo che il fatto costituisca più grave reato”.

Tale reato, dice il giudice, riguarda solamente la presentazione di una falsa dichiarazione di emersione al fine di eludere le disposizioni in materia di immigrazione o la falsa attestazione nei confronti della autorità amministrativa sulla sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato con un extracomunitario irregolare.

Il falso ideologico in atto pubblico, indotto nei pubblici funzionari, dei quali rispondono i soggetti che ingannano, in questo caso è reato diverso perché riguardava “un documento del tutto diverso (il permesso di soggiorno), la cui emissione, nell’ambito della sanatoria disciplinata dalla citata l. 222/2002, comportava un articolato procedimento amministrativo”.

Le condotte illecite “falsificatorie” ravvisabili nella fattispecie in esame non possono essere ricondotte alla fattispecie di cui all’art. 1/9 L. n. 222/2002, essendo plurime e più ampie (…); la dichiarazione di emersione costituiva solo un segmento del percorso …”.

Concludendo quindi, i giudici di Piazza Cavour hanno chiarito che in questi casi i reati di falso si cumulano e, oltre al possibile reato di associazione a delinquere, vi è una maggiore pena senza possibilità di ritenere le proprie condotte parte di un “unico calderone”.

Fonte: Corte di Cassazione

Luca Tosto

(7 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2014
REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA | La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla successione di norme extrapenali.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Prevenzione e sicurezza | Il principio sancito dalla Corte di Cassazione sul rischio nuovo od esorbitante.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.