Condividi la notizia

Ambiente

Rubava rame nella 'piazzola ecologica': per la Cassazione è un'aggravante

L'aria predisposta al raccoglimento di rifiuti ingombranti è uno "stabilimento pubblico". Si deve procedere anche in assenza di querela.

La Corte di Cassazione, sez. Quinta, con la sentenza n. 42822 (depositata il 13/10/2014) si è pronunciata sulla definizione di “stabilimento pubblico”.

In particolare, la vicenda sottoposta ai giudici di legittimità riguardava un furto all’interno di una piazzola ecologica, quell’aria attrezzata, di proprietà comunale, che accoglie temporaneamente i rifiuti più ingombranti, come ad esempio metallo, legno e residui edilizi.

L’imputato era stato sorpreso dai carabinieri all’interno della piazzola ecologica mentre cercava di “asportare materiale ferroso, con avvolgimento di rame, ivi stoccato”.

Le sentenze di merito avevano, sia in primo che secondo grado, dichiarato di non doversi procedere nei confronti dell’imputato per i reato ascritti (art. 56 e art. 624 c.p.) per mancanza di querela.

La Cassazione invitata a pronunciarsi con il ricorso depositato dal Procuratore Generale presso la Corte d’Appello, affermava  che la caratteristica di stabilimento pubblicoderiva dalla sua destinazione a mezzo per l’esplicitazione di una pubblica funzione o di un pubblico servizio che lo Stato o un altro ente pubblico persegue direttamente o indirettamente: ne consegue che la c.d. ‘piazzola ecologica’,  seppure gestita da privati, rientra nella nozione di stabilimento pubblico”.

La gestione dei rifiuti – affermano i giudici della Quinta sezione - costituisce, infatti, “ attività di pubblico interesse, minuziosamente regolamentata dalla legge in considerazione dei rilevanti interessi pubblici coinvolti e dei molteplici riflessi che essa ha sull’ambiente, sulla pubblica salute, sul decoro urbano e, non ultimo sull’economia ”.

Pertanto, i luoghi e gli edifici destinati allo stoccaggio e al trattamento dei rifiuti, quali componenti essenziali del ciclo di smaltimento sono “stabilimenti” e, in particolare la piazzola ecologica destinata alla raccolta o allo stoccaggio dei rifiuti, seppur gestita da privati, va qualificata “stabilimento pubblico” ai fini della integrazione della circostanza aggravante di cui all’art. 625, comma 1, n. 7, cod. pen. 

Inoltre, i giudici di legittimità hanno aderito ad un orientamento costante della giurisprudenza sulla natura privatistica dei rifiuti, oggetto del furto.

Invero, l’aggravante del fatto commesso su cose esistenti in uffici o stabilimenti pubblici – dice la Corte – “si riferisce non soltanto alle cose pertinenti all’attrezzatura dello stabilimento pubblico, ma pure alle cose, anche di proprietà privata, che attengono o costituiscono oggetto dell’estrinsecazione del servizio di pubblica necessità e utilità, costituendo il fine proprio dello stabilimento stesso”.

Peraltro, le cose private, oggetto di furto nella vicenda in esame, sono costituite da materiale ferroso con avvolgimenti di rame. Questi beni - secondo i giudici - hanno un valore economico e  “sono destinate a remunerare, almeno in parte, la prestazione del servizio, con conseguente sgravio della finanza pubblica”.

A questo punto c’è poco da fare per la Cassazione che annulla e rinvia alla Corte d’Appello. Il Supremo consesso ha chiarito i principi di diritto che i giudici di merito dovranno considerare per decidere “nuovamente” il giudizio.  

Fonte: Corte di Cassazione

Gianmarco Sadutto

(15 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2016
Fiscalità | I principi sanciti dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza della Suprema Corte pubblicata il 22 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | La sentenza sulla nuova causa di esclusione della punibilità per “particolare tenuità del fatto”.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Detassazione | I chiarimenti sull’esatto contenuto delle previsioni regolamentari cui è rimessa l'attuazione delle disposizioni normative relative ai rifiuti speciali.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia | Per l'inesatta applicazione della direttiva 'rifiuti' in Campania, sanzione forfettaria di 20 milioni di euro ed una penalità di 120 mila euro per ciascun giorno di ritardo.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2016
Corte di Cassazione | I rifiuti speciali e la determinazione della superficie tassabile nei principi sanciti nell'ordinanza n. 14675 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.