Condividi la notizia

ABORTO

Interruzioni volontarie di gravidanza: dal 2005 un fenomeno in costante calo

Presentata al Parlamento dal ministro della Salute Lorenzin la relazione sull'attuazione della legge 194 del 1978.

Dal 2005 in Italia il tasso di aborti, o meglio interruzioni volontarie di gravidanza è in costante diminuizione. E’ uno dei dati che emergono dalla Relazione sull’attuazione della legge 194 del 1978, che stabilisce norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria di gravidanza (IVG), presentata al Parlamento ed in cui vengono presentati i dati definitivi relativi all’anno 2012 e quelli preliminari per l’anno 2013. Nel testo si legge che “Si conferma la tendenza storica alla diminuzione dell’IVG in Italia: nel 2013 sono state notificate 102˙644 IVG, con un decremento del 4.2% rispetto al dato definitivo del 2012 (107˙192 casi). Il tasso di abortività (numero delle IVG per 1˙000 donne tra 15-49 anni), che rappresenta l’indicatore più accurato per una corretta valutazione della tendenza al ricorso all’IVG, nel 2013 è risultato pari a 7.6 per 1˙000, con un decremento del 3.7% rispetto al 2012 (7.9 per 1000).

Il rapporto di abortività (numero delle IVG per 1000 nati vivi) nel 2013 è risultato pari a 203.8 per 1000, con un incremento dello 0.3% rispetto al 2012 (203.1 per 1˙000). Il piccolo incremento è dovuto al fatto che questo rapporto stima l’abortività rispetto ai nati vivi che nel 2013, secondo i dati provvisori forniti dall’ISTAT, sono diminuiti di molto rispetto al 2012 (503.745 vs 527.770).

Riguardo ai dati definitivi del 2012, rimane elevato il ricorso all’IVG da parte delle donne straniere, a carico delle quali si registra il 34% delle IVG totali in Italia: un contributo che è andato inizialmente crescendo e che si sta stabilizzando come percentuale, mentre il numero assoluto è diminuito negli ultimi due anni. Tra le minorenni, il tasso di abortività nel 2012 è risultato pari a 4.4 per 1000 (nel 2010-11 era 4.5). Si conferma il minore ricorso all’aborto tra le giovani in Italia rispetto a quanto registrato negli altri Paesi dell’Europa Occidentale. In generale sono in diminuzione i tempi di attesa, pur persistendo una non trascurabile variabilità fra le regioni”.

Non va dimenticato che nella relazione si tiene conto anche del fenomeno immigrazione: un terzo del fenomeno di IVG infatti è attribuibile a donne con cittadinanza estera (34.0% del totale delle IVG). Tale contributo – continua il documento - è andato crescendo negli anni, in particolare dagli anni ’90 (nel 1995 tale percentuale era pari al 7%) anche se negli ultimi due anni si è osservata una stabilizzazione di tale percentuale e una diminuzione del numero assoluto di IVG. I valori assoluti delle IVG delle cittadine straniere sono riportati nel par. 2.6, e vanno da 8967 del 1995 a 35.388 nel 2012.

Il numero di aborti clandestini per le donne italiane è stimato compreso nell’intervallo tra 12˙000 e 15˙000 casi. Per la prima volta si è effettuata una stima anche per le donne straniere che è risultata compresa tra 3˙000 e 5˙000 aborti clandestini, con aspetti critici da un punto di vista metodologico in questa popolazione ancora più rilevanti. Queste stime indicano una stabilizzazione del fenomeno negli ultimi anni, almeno per quanto riguarda le italiane (15˙000 erano gli aborti clandestini stimati per le italiane nel 2005), e una notevole diminuzione rispetto agli anni 80-90 (100˙000 erano i casi stimati per il 1983, 72˙000 nel 1990 e 43˙500 nel 1995).

Negli ultimi trenta anni il tasso di abortività è diminuito tra le donne con il diploma di scuola superiore o laurea (da 14 per 1000 nel 1981 a 6 per 1000 nel 2010), mentre è rimasto costante tra quelle con diploma di scuola media inferiore dal 1991 dopo un’iniziale diminuzione. Il tasso delle donne con titolo di studio basso, non si è modificato nel tempo, anzi ultimamente mostra valori in aumento.

Tra le minorenni, il tasso di abortività nel 2012 è risultato pari a 4.4 per 1000 (nel 2010-11 era 4.5), con livelli più elevati nell’Italia settentrionale e centrale. Come negli anni precedenti, si conferma il minore ricorso all’aborto tra le giovani in Italia rispetto a quanto registrato negli altri Paesi dell’Europa Occidentale. Ad esempio nel paragone con i più recenti valori di altri paesi (paragrafo 2.1) per le donne con meno di venti anni si osserva quanto segue: in Italia nel 2012 il tasso di abortività è stato pari al 6.3 per 1000; nello stesso anno in Germania è stato il 7.9, in Inghilterra e Galles 18.0, in Norvegia 11.4, in Romania 16.5, in Spagna 12.9, in Svezia 18.8. Tassi minori si sono registrati solo in Svizzera, con il 4.4 per mille.

Le conclusioni dell'analisi presentata al Parlamento parlano di un fenomeno dunque in diminuzione, ma che non risente di un molto diffuso senso di obiezione di coscienza che non limita i diritti di chi vuole interrompere una gravidanza. Di fatto nel 64 per cento delle strutture sanitarie pubbliche si effettuano IVG. La presenza di strutture è in tutte le regioni, tranne due, soddisfacente.

Infine il ministro Lorenzin ha sottolineato che la prevenzione dell’IVG è obiettivo primario di sanità pubblica e ha confermato la tendenza storica alla diminuzione dell’IVG in Italia, che diventa ancor più evidente se si scorporano i dati relativi alle donne italiane rispetto a quelli delle straniere. Un lieve aumento del solo parametro del rapporto di abortività, registrato nei dati preliminari relativi al 2013, confrontato con quello del 2012, è legato al notevole calo delle nascite registrato nel 2013.  

Giuseppe Bianchi

(19 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

21 novembre 2014
SALUTE E CORRUZIONE | Sono dodici i pediatri, 5 gli informatori scientifici e un dirigente di azienda i destinatari delle ordinanze di custodia cautelare eseguite da questa mattina dai militari del Nas in Toscana, Marche, Lombardia e Liguria

 
 
Condividi la notizia

29 maggio 2014
Rapporto annuale Istat | Gli effetti della crisi e la paura di restare incinta. Servono nuove politiche per la famiglia.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Ministero del Lavoro | Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 287 del 11.12.2014 le misure a sostegno delle dipendenti pubbliche, private e iscritte alla gestione separata. Modalità, termini e scadenza.

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Bilancio demografico dell'Istat | In Italia 60.782.668 persone, nel 2013 solo 30 mila nascite. In aumento l'emigrazione verso i Paesi esteri.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2017
sanità | Fact checkin dell'Istituto Superiore di Sanità.

 
 
Condividi la notizia

20 febbraio 2016
Demografia | 60 milioni 656 mila residenti. 5 milioni e 54 mila stranieri. Nel 2015 488 mila nascite. Gli ultra sessantacinquenni sono 13,4 milioni.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2014
Decreto competitività | La politica sanitaria la fa il Ministero della Salute insieme alle Regioni e non il Ministero dell'Economia.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2015
Gazzetta Ufficiale | Assunzioni con contratto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

30 ottobre 2015
Giustizia Amministrativa | Il Consiglio di Stato apre la strada per l'assunzione a tempo indeterminato dei dirigenti amministrativi, tecnici e professionali con contratto a tempo determinato.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2015
Corte Costituzionale | Eliminato il divieto di valersi della diagnosi e della selezione preimpianto, evitando la gravidanza naturale e l'eventuale aborto terapeutico nella sentenza n. 96/2015.

 
 
Condividi la notizia

16 dicembre 2014
Inps | Dopo il decreto arrivano le istruzioni. A chi spetta, a chi non spetta, le modalità di utilizzo, la domanda e tutto quello che bisogna sapere nelle circolare n. 169 del 16 dicembre 2014.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Garante Privacy | Intervento del Garante per assicurare il rispetto di cautele anche nella stesura delle certificazioni richieste per fini amministrativi.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2016
Alimentazione e Salute | Su richiesta del Ministero elaborato un parere sulle conseguenze per la salute dell'utilizzo dell'olio di palma come ingrediente alimentare.

 
 
Condividi la notizia

10 novembre 2015
Servizi pubblici | Il Presidente della Regione è intervenuto in Consiglio Regionale: 'tutto si può fare tranne che mortificare le istituzioni e coloro che mettono cuore e passione per difendere gli interessi legittimi dei nostri cittadini'.

 
 
Condividi la notizia

16 marzo 2016
Anac | La delibera n. 212/2016 con i prezzi di 39 dispositivi medici, relativi a 25 differenti tipologie di siringa, 11 di cerotti e 3 di ovatta di cotone.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.