Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Venezia: bocciate le limitazioni agli orari ed alla rumorosità dei pubblici esercizi

Musica ad alto volume e chiasso sono l’'incubo di molti residenti. A Venezia, l'’amministrazione cade sui poteri degli organi, le limitazioni per le zone chiassose dovevano essere decise dal Consiglio Comunale e non dalla Giunta.

Chi abita nelle zone centrali delle nostre città lo sa bene: spesso la notte non si dorme a causa degli schiamazzi.

Le folle di persone si spostano tra i locali che, senza remore, provano a catturare clientela con il volume alto della musica, anche all’aperto.

La regolamentazione degli orari di chiusura dei pubblici esercizi e dei limiti di rumorosità riesce spesso a porre un freno a tale situazione offrendo ai cittadini residenti il loro legittimo riposo.

Non sempre però, come nella vicenda in questione, i pubblici poteri operano in modo corretto e fioccano ricorsi amministrativi dei titolari di esercizi commerciali che, di contro, con i provvedimenti restrittivi, vedono ridimensionati il loro business.

Il Consiglio di Stato con le sentenze n. 5287 e 5288 del 27 ottobre, respingendo gli appelli del Comune di Venezia, ha fatto chiarezza su un importante tema rispondendo ad una domanda: quale doveva essere l’organo dell’Ente locale che poteva imporre legittime limitazioni per gli orari ed i limiti di rumorosità degli esercizi commerciali?

Sebbene il contesto delle pronunce sia quello della città di Venezia, in particolare  la bellissima zona di Campo Santa Margherita frequentata da universitari e turisti  (anche di notte), i principi enunciati dai giudici hanno una importante valenza generale in quanto relativa alla situazione di fatto sempre più diffusa in numerose città dove pubblici esercizi finalizzati alla somministrazione di alimenti e bevande, collocati nel pieno centro cittadino, hanno orari serali di chiusura fissati ben oltre la mezzanotte, con la conseguenza che i numerosi avventori che affollano l’esercizio, e che stazionano all’esterno dello stesso, provocano una situazione di schiamazzi e rumorosità diffusa, tale da pregiudicare il riposo delle persone che abitano nelle immediate vicinanze.

Venendo alle vicende in esame, i giudici di Palazzo Spada si sono pronunciati sui due procedimenti paralleli dopo che, persi parzialmente i ricorsi davanti al Tar Veneto, promossi da alcuni commercianti, il Comune di Venezia ha insistito sulla correttezza del suo operato.

In particolare con una delibera del Consiglio Comunale del 2011 (la n. 75), erano stati introdotti due articoli al regolamento di Polizia Urbana:

-      il primo (l’art. 49 ter) stabiliva che la Giunta Comunale dovesse individuare le aree della città e le tipologie di limitazioni circa gli orari dove era presente un certo degrado e la compromissione della qualità vita dei residenti a causa di consumo su strade pubblico di bevande;

-      il secondo (l’art. 49 quater) attribuiva alla Giunta il potere di imporre divieti a esercizi commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande, su qualsiasi forma e tipologia di spettacolo sul suolo pubblico, nonché il suono di strumenti musicali di qualsiasi tipo.

Su questi presupposti, inizialmente in via solo temporanea (per ragioni di urgenza) con ordinanza sindacale e poi con deliberazione della Giunta Comunale, ad effetti permanenti, venivano fissati nella zona Santa Margherita e dintorni, ricca di locali, una serie di forti limitazioni a grave danno degli esercizi commerciali sia in termini di orari di apertura che di limiti di emissioni sonore.

Il tutto perché le limitazione apportate con l’ordinanza urgente non erano state, secondo il Comune, abbastanza incisive ma avevano portato solo ad una riduzione senza eliminare quelli che venivano definiti  “fenomeni di degrado e/o allarme sociale”!

Analizzata la vicenda, i giudici amministrativi, richiamando brevemente i poteri, disciplinati dal TUEL, del Sindaco, del Consiglio e della Giunta, hanno bocciato il Comune e le sue scelte provvedimentali, respingendo gli appelli.

Dice infatti il giudice: “spetta effettivamente all’Ente locale il potere di tutelare la sicurezza urbana, intesa come bene pubblico che concerne il regolare ed ordinato svolgimento della vita civile, per migliorare le condizioni di vivibilità nei centri urbani, la convivenza civile e la coesione sociale, con esclusione dell’attività di prevenzione e repressione dei reati (che attiene invece all’ordine pubblico ed alla sicurezza pubblica e spetta esclusivamente allo Stato e che legittima il potere extra ordinem del sindaco, quale ufficiale di governo), tale potere rientrando però non già nell’alveo del citato art. 54, bensì nelle funzioni e nei compiti propri della polizia amministrativa locale (secondo la definizione dell’art. 159, comma 1, del 31 marzo 1998, n. 112, riguardando “le misure dirette ad evitare danni o pregiudizi che possono essere arrecati ai soggetti giuridici ed alle cose nello svolgimento di attività relative alle materie nelle quali vengono esercitate le competenze, anche delegate, delle regioni e degli enti locali, senza che ne risultino lesi o messi in pericolo i beni e gli interessi tutelati in funzione dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica”). L’esercizio di tale potere spetta, secondo la ordinaria ripartizione delle competenze tra gli organi del Comune, esclusivamente al Consiglio Comunale”.

Il problema, si legge nella sentenza, non riguarda tanto la delega del Consiglio alla Giunta per delimitare ed individuare alcune aree a rischio della città, quanto piuttosto il fatto che, stante l’indeterminatezza e la generalità dei destinatari e l’indefinita ripetibilità ed applicabilità a fattispecie concreta, l’individuazione dei limiti alle attività commerciali spettava esclusivamente al consiglio comunale, secondo l’ordinaria ripartizione delle competenze tra gli organi comunali.

In sostanza il Consiglio Comunale non poteva delegare tale potere normativo, né tanto meno nel caso di specie dove non era stato formulato alcun criterio di indirizzo per individuare le limitazioni da imporre ai locali della zona.

Per il principio di legalità – un organo amministrativo può delegare ad un altro organo i poteri di cui sia titolare solo qualora una legge lo consenta”.

Un vizio di incompetenza della Giunta quindi, derivata dalla illegittima delega del Consiglio Comunale, che ha scardinato le misure prese dall’Ente, in quanto, ripete il Consiglio di Stato, il potere di tutelare e garantire la sicurezza urbana individuando a tal fine le misure più idonee ed adeguate, non poteva che manifestarsi in via ordinaria attraverso l’esercizio della potestà regolamentare che spettava interamente ed esclusivamente all’organo consiliare.

In conclusione, ora gli interventi della Giunta a favore dei residenti, per ridurre il degrado urbano dovuto a locali e plateatici chiassosi, decadranno, sarà onere dell’Amministrazione emanare nuovi provvedimenti nel rispetto delle competenza di ciascun organo che possano essere incisivi ma al contempo rispettosi della legge (e della Costituzione) in tema di riparto dei poteri perché, è importante ricordarlo, “fermo restando il potere sindacale di emanare ordinanze contingibili ed urgenti allorché si verifichino situazioni eccezionali, impreviste ed imprevedibili come tali autonomamente idonee a ledere o mettere in pericolo l’incolumità dei cittadini e la sicurezza pubblica (ivi compreso l’inquinamento acustico o atmosferico), il comune  [ha] il potere di tutelare e garantire la sicurezza urbana individuando a tal fine le misure più idonee ed adeguate - tale potere non può che manifestarsi in via ordinaria attraverso l’esercizio della potestà regolamentare che spetta interamente ed esclusivamente all’organo consiliare”.

Per accedere all'approfondimento giuridico e scaricare la sentenza cliccare www.gazzettaamministrativa.it

Luca Tosto

(29 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

6 novembre 2015
Dipartimento delle Finanze | In particolare, si tratta del caso di cittadini italiani iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), proprietari di più abitazioni.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Corruzione | 35 arresti per tangenti per il MOSE, in carcere anche il sindaco della città e richiesta di custodia cautelare per l'ex presidente della Regione Galan.

 
 
Condividi la notizia

6 maggio 2016
Cultura | Concerti e iniziative in piazze, strade, musei, parchi archeologici, case circondariali, consolati, ambasciate e ospedali.

 
 
Condividi la notizia

19 gennaio 2016
Agenzia delle Entrate | Istituito il codice tributo per l'utilizzo in compensazione del credito d'imposta. La risoluzione n. 4/E del 18.1.2016.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
18 giugno 2014 | La notte bianca bolognese giunge alla sua seconda edizione.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
Emilia romagna | La notte bianca bolognese giunge alla sua seconda edizione.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Ministero dei beni e delle attività culturali | Il 17 maggio, musei, spazi culturali, aree archeologiche, in tutta Italia faranno le ore piccole

 
 
Condividi la notizia

26 agosto 2015
Cultura | Previste serate con musica e mostre di pittura. Torna "Un pianoforte nel Cortile" e "Musica nel vicolo".

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

21 ottobre 2015
Educazione musicale | I gruppi scolastici ed i cori interessati possono iscriversi fino al 29 febbraio 2016, per ritrovarsi tutti insieme, a Napoli, il 9 aprile 2016 a Piazza Plebiscito.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Ministero dei Trasporti | Anticipato al 2014 il blocco del passaggio delle navi con stazza lorda superiore alle 96.000 tonnellate nel Bacino di San Marco e dal canale della Giudecca.

 
 
Condividi la notizia

17 agosto 2014
Sistema Solare | Gli esperti definiscono questo particolare fenomeno di allineamento "congiunzione". Occorrera' aspettare le prime luci dell'alba del 18 agosto.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
MIBACT | Prevista una apertura straordinaria di tre ore, oltre il consueto orario, al prezzo simbolico di 1,00 euro, salvo le gratuità previste per legge.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2015
Dipartimento delle Finanze | Con la Risoluzione n. 6/DF approfondito il regime della tassazione locale dei cittadini iscritti all'AIRE.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Lucania nel cinema | E' stato il primo film di finzione ad essere girato nei Sassi di Matera.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.