Condividi la notizia

Strategia energetica nazionale

Il Governo intende sfruttare i nostri giacimenti di petrolio e gas

Con il decreto "sblocca Italia" si toglie alle regioni il potere di veto sulla ricerca e sulle trivellazioni.

I nodi della politica energetica italiana in passato non sono mai stati sciolti; se ne parla poco, ma in Italia il petrolio ed il gas ci sono,  ed anche in abbondanza, come ha rivelato Luigi Grassia su La Stampa. Fino ad oggi, però, non solo c’era praticamente un generalizzato divieto di estrarlo, ma perfino di cercarlo.

In pratica, è sempre  prevalsa la linea del “timore delle conseguenze ambientali che l’estrazione comporta”.

Matteo Renzi, tuttavia, la pensa diversamente ed ha dichiarato che “se c’è il petrolio in Basilicata sarebbe assurdo rinunciarvi”. Detto fatto : infatti, nel decreto “sblocca Italia” si supera il divieto di estrazione, togliendo di fatto alle regioni il potere di vero sulla ricerca e sulla trivellazione di petrolio e di metano.

Il Governo punta a raddoppiare entro il 2020 le estrazioni di idrocarburi in Italia, arrivando -come riportato dal quotidiano torinese- ad estrarre fino a 24 milioni di barili all’anno, con investimenti di 15 miliardi, 25.000 posti di lavoro ed un conseguente e consistente risparmio della spesa energetica del Paese (si parla di 5 miliardi). Senza contare l’aumento delle entrate fiscali, ipotizzato in almeno 1 miliardo di euro.

Legambiente ha chiesto formalmente, su questo specifico punto, una modifica del decreto, insistendo sui rischi dei danni ambientali; sulla stessa linea il geologo Mario Tozzi; ma Matteo Renzi ha assicurato che saranno presi tutti gli accorgimenti necessari per evitare rischi di danni all’ambiente.

Il Premier è deciso a prevenire con decisione la grave situazione di crisi in cui si potrebbe trovare il Paese a seguito del caos in Libia e delle tensioni fra la Russia e l’Ucraina, che potrebbero portare ad una penuria delle nostre riserve e ad un pesante innalzamento della bolletta energetica nazionale.

Del resto, la strategia adottata per anni di differenziare le nostre aree di approvvigionamento è stata messa in crisi proprio dallo scoppio dei conflitti e dalle crisi geopolitiche nei territori da cui provenivano la gran parte delle nostre forniture.

A fronte di tutta questa serie di problematiche, il Governo Renzi ha deciso di fare quello che nessun Esecutivo ha mai avuto il coraggio di fare e sembra più che mai deciso a sfruttare i giacimenti della Basilicata; ma, a quanto pare, sarebbe anche intenzionato a sfruttare il petrolio ed il gas che da Novara, scendendo lungo l’Appennino, arriva in Calabria ed in Sicilia; così come quello che si trova nel Mare Adriatico e che la Croazia ha già deciso di estrarre.

Sempre sul piano delle risposte concrete alle crisi geopolitiche, va segnalata anche la notizia fornita dal Premier secondo la quale il 20 di settembre sarà a Baku per formalizzare il “via libera” al c.d. Tap, cioè l’opera che porterà in Puglia il gas dell’Azerbaijan.

Infatti, la Commissione Via del Ministero dell’Ambiente ha dato il suo “o.k.” alla costruzione del gasdotto (con alcune prescrizioni “top secret”), nonostante l’opposizione dei comitati ambientalisti, dell’amministrazione comunale di Melendugno e delle stessa regione Puglia, che ha bocciato il progetto per due volte.

Dopo i provvedimenti di competenza del Ministero dell’Ambiente e di quello dei Beni Culturali, la pratica dovrebbe arrivare al Ministero dello Sviluppo Economico, per l’eventuale autorizzazione definitiva, al termine della conferenza di servizi con vari enti. Ne dà notizia Repubblica.it.

Se tutto dovesse procedere senza intoppi, si prevede che l’infrastruttura potrebbe  entrare in funzione a pieno regime fra circa 6 anni.

Moreno Morando

(2 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 giugno 2014
Crisi Ucraina | Attivato l'ultimatum russo all'Ucraina, dopo il mancato pagamento dei debiti accumulati con Gazprom. Vandalizzata l'ambasciata russa a Kiev. Si teme per le forniture di gas all'Europa.

 
 
Condividi la notizia

29 dicembre 2015
Consumi | Elettricità -1,2%, gas -3,3%. Sull'anno risparmi per quasi 60 euro.

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2014
Autorità per l'energia | Da ottobre gas +5,4%, energia elettrica +1,7%. Ma per effetto dei nuovi ‘prezzi europei’ il 2014 si chiuderà con un risparmio complessivo di 84 euro.

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2014
Energia | Dopo mesi di indagini e trivellazioni la società petrolifera russa Rosneft ha annunciato la scoperta di un enorme giacimento di petrolio nel mar di Kara. Potrebbe contenere più petrolio del Golfo del Messico.

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2014
Gas | Rivelato dal Washington Post un documento a firma del Consiglio Europeo che invita gli USA a cancellare le restrizioni per l'esportazione di gas e petrolio. Restano i dubbi sulla convenienza di una simile operazione.

 
 
Condividi la notizia

21 novembre 2014
Autorità per l'energia | L'autorità per l'energia, il gas e il sistema idrico spiega chi ha diritto, quali sono le procedure e quanto vale il "bonus gas".

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2014
Gestione dei rifiuti | Oltre ai provvedimenti in materia edilizia e di estrazione di petrolio e gas, lo "sblocca Italia" si occupa anche di smaltimento dei rifiuti.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2017
TUTELA DEI CONSUMATORI | 900.000€€ di multa per aver chiesto una commissione da 1 a 4€ sulle modalità di pagamento delle fatture.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2014
Autorità energia | Il prezzo del gas scenderà del 6,3% con un risparmio annuo di 73 euro. Stabile invece l'energia elettrica.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2014
Energia | E' attesa per questa settimana la sigla dello storico accordo di fornitura di gas dalla Russia alla Cina.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Energia | E' il primo risarcimento della storia per i danni provocati sulla salute di una famiglia texana dalle estrazioni di gas di scisto.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2016
Consumatori | Le novità del Testo Integrato Conciliazione approvato dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas.

 
 
Condividi la notizia

16 agosto 2016
Consumatori | Le novità nel comunicato dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico.

 
 
Condividi la notizia

7 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Come riporta con un comunicato della CGIA di Mestre, nonostante il prezzo del petrolio sia in continuo ribasso, dal 1° gennaio 2015, ci sarà un aumento delle accise dovute alla "clausola di salvaguardia".

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2015
Vigilanza | Al via l'azione congiunta Guardia di Finanza ed Autorità con il piano di vigilanza 2015.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.