Condividi la notizia

Gestione dei rifiuti

Ci saranno nuovi inceneritori; via libera alla circolazione dei rifiuti da una regione all'altra

Oltre ai provvedimenti in materia edilizia e di estrazione di petrolio e gas, lo "sblocca Italia" si occupa anche di smaltimento dei rifiuti.

Abbiamo già parlato del decreto Sblocca Italia, soffermandoci in particolare sugli aspetti annunciati dal Premier e dal Ministro delle Infrastrutture nelle varie conferenze stampa tenute dopo il varo del provvedimento; il cui testo, peraltro, non è stato ancora pubblicato, anche se si conoscono particolari che non avevano trovato spazio nelle loro dichiarazioni.

Ad esempio, ci siamo occupati delle novità -non molto pubblicizzate dai media, in verità- riguardanti la “strategia energetica nazionale” e ne abbiamo dato conto nell’articolo pubblicato sul “Quotidiano della P.A.” due giorni fa. Ma questo non è il solo argomento “sensibile” (nel senso che provocherà forti contrapposizioni con i comitati ambientalisti, ad esempio, ma non solo) di cui si occupa il decreto.

Silvia Bia, su Il Fatto Quotidiano, dà notizia che nelle prime bozze del decreto ancora in fase di stesura, il Governo Renzi affronta di petto la questione della gestione dei rifiuti, una vera e propria “piaga” per un Paese ormai invaso da discariche a cielo aperto e cumuli di immondizia.

Secondo le prime indiscrezioni, Renzi intende imboccare la strada intrapresa dal Governo Letta -ed in particolare dall’allora Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando (oggi titolare del Dicastero della Giustizia)- accentuandone addirittura le misure. In sostanza, pur mantenendo “l’impegno per la raccolta differenziata”, la “scelta principale” sarà quella degli inceneritori; non contando solo su quelli già in attività, ma con la previsione di costruirne di nuovi.

In quest’ottica le discariche dovrebbero essere dismesse nei tempi consentiti; mentre la differenziata sarà certamente incentivata, ma alla fine si dovrebbe rivelare meno conveniente dal punto di vista economico, nei progetti del Governo, puntando invece gli investimenti su “altri forni”, che -secondo le notizie fornite da Il Fatto Quotidiano- saranno “gestiti da società partecipate con l’aiuto dello Stato” e, dovendo far tornate i conti, dovranno necessariamente “continuare a bruciare immondizia”.

L’altra questione da segnalare, riguarda sicuramente il progetto di individuare “una rete nazionale integrata e adeguata di impianti di incenerimento e coincenerimento di rifiuti”. In parole povere, significa che -accentrando le decisioni in merito a livello nazionale, per superare i veti delle varie regioni- i rifiuti potranno essere trasportati da una regione all’altra, per essere bruciati nei vari inceneritori presenti sul nostro territorio.

Naturalmente, seguendo questa strada, le polemiche fioccheranno,  dato che ben 30 dei 52 inceneritori attualmente esistenti sono ubicati in Lombardia, Emilia Romagna e Toscana, mentre il Sud ne è quasi sprovvisto. Il “caso Parma” ha probabilmente solo anticipato quello che potrebbe, infatti, succedere in altre realtà. Il sindaco del M5S non è riuscito a bloccare l’attivazione dell’inceneritore deciso dalla precedente amministrazione. Nei fatti, tuttavia, si è sviluppata al massimo la raccolta differenziata, togliendo “materia prima” all’inceneritore, che “più brucia, più guadagna”.

Le decisioni del Governo con lo “sblocca Italia” cambieranno completamente lo scenario, anche perché -come si è detto- sarà l’Esecutivo a decidere dove costruire i nuovi inceneritori e ad assumere tutte le decisione necessarie per garantire un “progressivo riequilibrio socio economico tra le aree del territorio nazionale”, tutelando salute ed ambiente.

Le indiscrezioni sui contenuti del decreto in materia di “gestione dei rifiuti” hanno già provocato alcune reazioni da parte di esponenti del Movimento 5 Stelle, secondo i quali i tre provvedimenti (d.l. 91, collegato ambientale e sblocca Italia) costituirebbero  “un vero e proprio attacco all’Ambiente da parte del Governo”.

Sul punto si aprirà sicuramente un aspro confronto, al quale parteciperanno anche  le associazioni ambientaliste. In sede di conversione del decreto legge le varie forze politiche avranno quindi occasione di confrontarsi su un tema sensibilissimo ed assumere le decisioni che riterranno più adeguate.

L’importante è che -con tutte le necessarie attenzioni e tutele per salute ed ambiente- finalmente si affronti e si risolva positivamente una questione fondamentale (la gestione dei rifiuti) sulla quale il nostro Paese è in ritardo di  decenni, a causa della pavidità, dell’incapacità e dell’incuria di chi era chiamato a decidere.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti :  alcune fra le più belle città del mondo e dei territori più affascinanti, pieni di storia e cultura, coperti di rifiuti, con tante piccole discariche a cielo aperto.

Ci deve pur essere un sistema migliore. O no?

 

 

 

Moreno Morando

(4 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 giugno 2014
Accordo strategico | Sottoscritto nella sede di Legacoop a Bologna un accordo con il quale vengono riconosciuti i punti vendita come luoghi strategici per il recupero e prevenzione nella gestione dei rifiuti.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Strategia energetica nazionale | Con il decreto "sblocca Italia" si toglie alle regioni il potere di veto sulla ricerca e sulle trivellazioni.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2014
Edilizia | Il prossimo Consiglio dei Ministri dovrebbe dare il via libera ad un "regolamento edilizio tipo", che sara' introdotto con un decreto ministeriale

 
 
Condividi la notizia

28 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Il Premier portera' domani all'attenzione del CdM una serie di riforme per la cui attuazione ci sarebbero problemi di copertura finanziaria.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Nella consueta conferenza stampa dopo il CdM il Premier ha esposto le linee guida per lo sblocco delle grandi opere e per riformare la Giustizia civile e penale

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2015
Opere infrastrutturali | Verrà pubblicata il 28 aprile sulla Gazzetta Ufficiale la Convenzione Mit-Anci per i “Nuovi progetti di intervento” per i Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti.

 
 
Condividi la notizia

28 gennaio 2015
ANAC | Lettera del presidente Cantone ai presidenti di Camera e Senato e al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2015
Ministero dei Trasporti | Firmato il decreto di attuazione della legge Sblocca Italia per opere infrastrutturali nei comuni sotto i cinquemila abitanti.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Detassazione | I chiarimenti sull’esatto contenuto delle previsioni regolamentari cui è rimessa l'attuazione delle disposizioni normative relative ai rifiuti speciali.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2016
Anticorruzione | Il comunicato del Presidente Cantone sulle misure di semplificazione burocratica del cd Sblocca Italia.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
TAR del Lazio | Nella motivazione della sentenza il Collegio sostiene che "non puo' disporsi l'interdittiva sulla base di sole congetture"

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia | Per l'inesatta applicazione della direttiva 'rifiuti' in Campania, sanzione forfettaria di 20 milioni di euro ed una penalità di 120 mila euro per ciascun giorno di ritardo.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2014
Sblocca Italia | Con lo "Sblocca Italia" diventa effettivo il divieto di utilizzare il contante per il pagamento delle prestazioni all'interno della catena logistica degli trasporti.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2018
Ambiente | Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti sarà 2.0 e interamente gestito dal Ministero dell’Ambiente

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.