Condividi la notizia

Informativa del Premier alla Camera

Renzi: "il programma dei mille giorni rappresenta l'ultima chance per l'Italia"

Matteo Renzi ha ribadito che il Paese deve tornare a crescere e che alla fine dei 1.000 giorni l'Italia tornera' ad avere il ruolo che merita.

La situazione economica del nostro Paese è stata sintetizzata in modo singolare, ma significativo, da Sergio Marchionne: “l’Italia ce la farà, ma non so quando; non vedo le cose migliorare nel breve termine”. L’amministratore delegato di Fiat-Chrysler, poco dopo la diffusione da parte dell’Ocse dei deludenti dati sul Pil, ha sottolineato che “l’unica cosa per creare crescita sono gli investimenti”; tuttavia, “non riusciamo ad attirare abbastanza capitali”.

Tutte queste cose il Premier  le sa perfettamente ed oggi si è presentato alla Camera per un’informativa sul programma di governo. Era il solito Renzi; battagliero, puntiglioso, tenace, anche ottimista -tutto sommato- magari un po’ meno di qualche settimana fa; ma sempre impegnato a cercare di infondere ottimismo e fiducia in un Paese che, in questo momento, appare particolarmente preoccupato dalla crisi economica.

Forse per la prima volta, ha detto chiaramente che le riforme vanno fatte a tutti costi, “anche a quello di rischiare di perdere consensi”, come sempre succede quando si devono toccare interessi e rendite consolidate. Renzi ha illustrato il programma dei mille giorni, precisando che “non si tratta di prendere tempo”. Ha ribadito ancora una volta di non avere alcuna paura delle elezioni, ma “l’orizzonte delle legislatura in corso è quello fissato dalla scadenza naturale”.

“Abbiamo bisogno di tornare a crescere”, ha evidenziato il Presidente del Consiglio; “alla fine del programma dei mille giorni l’Italia tornerà ad avere un ruolo, a fare l’Italia”. Ha sottolineato che la legge elettorale è una priorità “e va fatta subito, non per andare alle elezioni”, ma per sconfiggere “l’incapacità della classe politica”. Ne dà notizia TMnews.

Quanto alla riforma della Giustizia, il Premier ha evidenziato che si dovrà fare ogni sforzo consentito per “cancellare il violento scontro ideologico del passato”. Renzi ha affermato di essere da sempre un convinto sostenitore dell’indipendenza della Magistratura, “contestualmente”, ha aggiunto, “non accettiamo che uno strumento a garanzia dell’indagato (ndr: l’informazione di garanzia) costituisca un vulnus all’esperienza politica o imprenditoriale di una persona”. Riferendosi, evidentemente all’inchiesta su Eni.

Sulla riforma del lavoro, il Presidente del Consiglio ha assicurato che si “procederà con tempi certi e serrati e rispetteremo il lavoro del Parlamento. Altrimenti siamo pronti ad intervenire con urgenza, perché sul lavoro non possiamo perdere un minuto di più”. Renzi ha anche aggiunto che “alla fine dei mille giorni il diritto del lavoro non sarà più quello di oggi, che divide in cittadini di serie A e di serie B” e con una delle sue caratteristiche frasi ad effetto ha detto: “basta ad un mondo del lavoro basato sull’apartheid”.

Per Renzi, il programma dei mille giorni, in sostanza, rappresenta “l’ultima chance per l’Italia”. Il Premier avverte fino in fondo la delicatezza del momento, nel quale l’Unione Europea chiede “riforme subito”, mentre la gente comune ha altre priorità ed ha bisogno di vedere qualche risultato economico, che dia il segno dell’inversione di tendenza.

Il suo consenso personale è sempre alto, nonostante la perdita di diversi punti nelle rilevazioni degli istituti specializzati. Tuttavia, si avvicinano appuntamenti decisivi, soprattutto quello della Legge di Stabilità; oltre a tutte le battaglie decisive che aspettano il Parlamento, come la riforma del mercato del lavoro, della Giustizia, della Scuola, la legge elettorale ed il cammino ancora lungo delle riforme costituzionali e del Senato.

Gli ultimi segnali, riguardanti l’impasse di questi giorni del Parlamento in seduta comune per l’elezione di due giudici costituzionali, hanno fatto pensare a qualche “scricchiolio” del c.d. Patto del Nazareno, siglato con Berlusconi. Infatti, a scrutinio segreto, sembra sempre più difficile -per Berlusconi, ma in parte anche per il PD- controllare e placare i malumori di una base parlamentare che, in alcuni momenti, appare sempre più insofferente di fronte alle decisioni che -secondo alcuni- sarebbero imposte dall’alto.

In ogni caso, i prossimi appuntamenti saranno decisivi per testare lo stato di salute della maggioranza governativa e dell’intesa PD-Forza Italia sulle riforme.

 

Moreno Morando

(16 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 marzo 2015
Riforma Lavoro | In vigore i primi due decreti attuativi del Jobs Act. Il d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015 ambedue in attuazione della legge n.183/2014

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo ha dato il via libera a quattro provvedimenti, che comprendono anche i controlli a distanza e lo stop alle dimissioni in bianco.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Mercato del lavoro | Presso la Commissione lavoro della Camera dei deputati sono stati presentati i dati emersi dal sistema informativo Excelsior su gestione dei servizi per il mercato del lavoro nonché sul ruolo ed attività degli operatori.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2014
Riforme | L'iniziativa assunta a sorpresa dal M5S di chiedere un incontro al Premier per discutere di riforme, ha accelerato il processo in atto e rafforzato la posizione del Presidente del consiglio

 
 
Condividi la notizia

7 settembre 2015
Lavoro | Nel convegno si è precisato che il pacchetto di riforme adottate dal Governo Renzi è applicato a tutti gli ambiti del mercato.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Jobs act | Ha l'obiettivo di informare sulle principali novità normative introdotte dai decreti legislativi di attuazione della delega in materia di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
Rilevazioni ISTAT | Il Ministero del Lavoro pubblica dati statistici e relazioni nella propria "Nota Flash".

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Lavoro | Le novità contenute nei decreti legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri n. 51 del 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Due provvedimenti sono stati adottati in via definitiva; gli altri quattro "in esame preliminare'.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Lavoro autonomo | Per il Dipartimento delle Finanze, la tendenza degli effetti derivanti dalle nuove forme contrattuali sembra favorire la costituzione di rapporti di lavoro dipendente.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Mercato del Lavoro | Presentando il programma dei "mille giorni" il Premier ha elogiato la Germania, in particolare sul mercato del Lavoro.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2015
Istat | Presentate congiuntamente le informazioni più recenti sulla domanda da parte delle imprese e quelle sulla offerta degli individui.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2014
Lavoro 2.0 | Il modello digitale di sviluppo per l'economia futura portando l'esempio del settore editoria.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Riforme | Con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, l'Assemblea ha approvato in via definitiva il disegno di legge rinnovando la fiducia al Governo.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.