Condividi la notizia

Tasse sulla casa

TASI: "grande e' la confusione sotto il cielo ...."

Giornali, tv, centri studi, associazione di categoria offrono analisi e valutazioni comparative rispetto all'Imu; ma tutto dipende dalla delibera del comune.

“Grande è la confusione sotto il cielo. La situazione è eccellente”. E’ una citazione di Mao Tse Tung, ma escludo che l’avrebbe utilizzata anche per la situazione della Tasi, la nuova imposta comunale che ha preso il posto del’IMU, per quello che riguarda l’abitazione principale. Probabilmente, come noi,  si sarebbe fermato anche lui solo alla prima parte.

Sono in molti, in questi giorni, ad occuparsi della Tasi, una delle tre parti in cui è stata divisa l’IMU, l’imposta municipale unica (poi c’è la Tari per i rifiuti e l’Imu per gli immobili diversi dall’abitazione principale). La cosa strana è che quotidiani, centri studi, associazioni di categoria e quant’altro, dicono spesso cose molto diverse l’uno dall’altro.

Ad esempio, secondo il Corriere della Sera, la Tasi rischia di essere ben più cara dell’Imu in gran parte dei comuni, tenendo presente che sugli 8.057 enti  attualmente esistenti, hanno deciso le aliquote nei termini previsti in 7.405. Per gli altri 600 circa si applicheranno le aliquote decise a livello nazionale, pagando con una sola rata entro il prossimo 16 dicembre.

L’associazione Nazionale dei Comuni, da parte sua, sostiene che nei comuni che avevano fissato le aliquote entro maggio (prima rata pagata a giugno) sulla prima casa, i cittadini hanno pagato il 30% in meno. Tuttavia, va segnalato che i Caf e vari centri studi ritengono, al contrario, che a conti fatti si pagherà di più dei 4,4 miliardi di euro complessivi relativi all’Imu del 2012.

La Cgia di Mestre, a sua volta, ha detto una cosa ancora diversa, vale a dire che -secondo i suoi calcoli- la Tasi sarà più cara dell’Imu in un comune su due. Come stanno, dunque, veramente le cose? Il Post ha provato a fare un po’ di chiarezza in questa intricatissima situazione. Infatti, al contrario dell’Imu -abbastanza semplice da calcolare- il metodo scelto per la Tasi è più complicato.

In sostanza, l’aliquota base fissata a livello nazionale è l’uno per mille, ma è stata lasciata ai comuni la facoltà di aumentarla fino al 2,5 per mille. Tanto per complicare ulteriormente il calcolo, è stata concessa anche l’opzione di decidere un ulteriore aumento dello 0,8 per mille, ma solo al fine di concedere “detrazioni”. Cioè : se incassi “100” con lo 0,8 in più , devi concedere “100” di detrazioni.

A questo proposito, è proprio la questione delle detrazioni il punto più delicato dell’intera questione. Infatti, l’Imu prevedeva una detrazione di 200 euro per tutti, oltre ad altri 50 euro per ogni figlio a carico sotto i 26 anni (al massimo si potevano detrarre altri 200 euro).

Con la Tasi tutto questo è scomparso; ai comuni è stata lasciata un’ampia gamma di possibilità nella scelta delle detrazioni. In questo modo, tuttavia, ci si trova di fronte ad una miriade di soluzioni, davanti alle quali è difficile fare sintesi al fine di offrire dati precisi di riferimento.

Oltretutto, va chiarito che tutte le analisi e le valutazioni offerte al pubblico, sul punto, da giornali e vari centri studi, non possono che basarsi esclusivamente sui dati dei 2.500 comuni che hanno stabilito l’aliquota entro maggio. La gran parte, tuttavia, lo ha fatto entro il 10 settembre ed è praticamente impossibile avere a disposizione tutte le relative delibere per fare un’analisi accurata. Infine, ci sono poi gli altri 600 comuni che non hanno deciso nulla e che incasseranno solo l’aliquota base dell’1 per mille. Ad ogni modo, per quanto risulta fino a questo momento, l'aliquota media applicata dovrebbe sfiorare l'1,95 per mille; mentre, per quanto riguarda le detrazioni, allo stato risultano applicate solo da un comune su tre. 

In conclusione, la Tasi costerà di più o di meno dell’Imu? In realtà, nessuno può ancora saperlo con precisione, visto che bisognerà aspettare di elaborare tutti i dati dei comuni che hanno deciso l’aliquota a settembre. Il Post segnala che molti centri studi ritengono che “alcuni pagheranno di più”. In sostanza, tutto dipende dal nuovo metodo delle detrazioni scelto dal Legislatore.

Ne deriva che saranno sicuramente penalizzati i contribuenti con figli a carico e coloro che, usufruendo della detrazione fissa per tutti dei 200 euro prevista a suo tempo per l’Imu, alla fine magari non pagavano nulla o quasi. Sempre Il Post, ha fatto notare che molti media hanno impropriamente evidenziato che “la Tasi sarà pagata in misura maggiore dai più poveri”, dato che non ci sono più quelle detrazioni.

Per la verità, il vecchio meccanismo delle detrazioni dell’Imu non c’entrava assolutamente nulla con il reddito di chi era tenuto a pagare l’imposta; il riferimento normativo riguardava, infatti, solo “i figli a carico”. Insomma, si vedono in giro tanti “titoli ad effetto”, ma la verità è che nessuno può affermare “con precisione” se si pagherà di più o di meno.

C’è, ad esempio, anche chi -come il centro studi della Uil- afferma che la Tasi costerà meno dell’Imu; ed, in particolare, “il costo medio annuale per ogni famiglia” dovrebbe essere di quattro euro in meno della media pagata per l’Imu sull’abitazione principale.

La realtà, è che di fronte a ben 7.045 comuni italiani che hanno adottato delibere diverse, parlare di “costo medio annuale per ogni famiglia” ha, in fondo, un’importanza assolutamente relativa. Tutto dipende, infatti,  dalle delibere del comune di residenza; con la precisazione che, nei comuni dove non si è deciso niente, si pagherà “solo” l’uno per mille.

In pratica, un po’ aveva ragione Mao Tse Tung: “grande è la confusione sotto il cielo …….”.

Moreno Morando

(20 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

11 aprile 2016
Fiscalità | L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato l'aggiornamento della Tabella dei codici IMU, TASI, TARI, IMIS, Tosap, Tarsu, oblazione per condono edilizio, Imposta di scopo, Contributo di soggiorno.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2015
Dipartimento delle Finanze | Con la Risoluzione n. 6/DF approfondito il regime della tassazione locale dei cittadini iscritti all'AIRE.

 
 
Condividi la notizia

22 novembre 2017
MEF | Il chiarimento si è reso necessario a seguito del calcolo che alcuni Comuni hanno adottato, in base al quale la parte variabile della tassa è stata moltiplicata per il numero delle pertinenze.

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Chiesa | Mentre mons. Galantino e il Papa fanno costanti appelli alla povertà nella Chiesa, sono migliaia gli enti, scuole e ospedali compresi a godere delle esenzioni governative da IMU e TASI.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Imu, TASI, ritenute Irpef, acconto IVA, tutte le entrate tributarie che affluiscono al bilancio dello Stato nel mese di dicembre rappresentano circa l'11% del totale annuo.

 
 
Condividi la notizia

8 giugno 2015
tasse e tributi | Guida rapida ai pagamenti dell’'Imposta Unica Comunale nelle due città capoluogo della Regione.

 
 
Condividi la notizia

10 settembre 2014
Fisco | Ultimo giorno per trasmettere le aliquote ma non tutti i Comuni hanno deliberato. Cgia, la Tasi sarà più “leggera” dell’Imu in molti capoluoghi: in testa Siena con 374 euro

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2014
Federalismo fiscale | A disposizione degli amministratori comunali uno strumento di ausilio per definire le aliquote e le agevolazioni della discussa tassa stimandone gli effetti sul gettito.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi giurisprudenziali ribaditi nella sentenza del TAR Reggio Calabria del 8.4.2016 n. 392.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2016
Legge di Stabilità 2016 | Stabilite le quote per 1.831 Comuni. Disponibile l'elenco delle attribuzioni al fine di agevolare gli enti ancora in fase di predisposizione del bilancio di previsione 2016.

 
 
Condividi la notizia

11 ottobre 2014
CGIA di Mestre | Il centro studi della Cgia ha esaminato le delibere relative alla tassa sui rifiuti, a quella sui servizi indivisibili e all'addizionale comunale Irpef.

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
TASSE E TRIBUTI | Il calcolo della Cgia di Mestre. Tasi e Imu, poi Irpef e Iva, ma la più cara sarà l'Ires

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Dipartimento delle Finanze | Con Circolare del 3 giugno sono stati circoscritti gli obblighi dichiarativi per la scadenza del 30 giugno prossimo.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2014
Fisco | L'Agenzia delle Entrate fornisce i codici per il pagamento della tassa comunale sui servizi. Come compilare il modello F24.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2014
Fisco | Mentre circa un decimo dei Comuni italiani ha già stabilito aliquote e detrazioni per la Tasi in scadenza il 16 giugno, il Governo studia un rinvio del pagamento a settembre.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.