Condividi la notizia

Processo amministrativo

Motivazione dei provvedimenti della P.A.: i soliti dubbi sull'integrazione in giudizio

La sentenza del Consiglio di Stato sull'orientamento non pacifico che consente l'integrazione postuma se gli esiti del procedimento non avrebbero comunque potuto essere diversi.

Il proprietario di un cinema in disuso chiede ad un’Amministrazione comunale toscana il permesso per trasformare in supermercato il locale. La Soprintendenza per la tutela dei valori paesaggistici, che deve intervenire perché l’immobile è sottoposto a vincolo, rende il proprio parere negativo. Impugna il privato dinanzi al TAR deducendo un vizio procedimentale: era stato infatti omesso l’invio del c.d. preavviso di rigetto. Il TAR accoglie il ricorso condividendo la necessità del preavviso e rilevando altresì la debolezza della motivazione resa, nel merito, dalla Soprintendenza. Appella allora il Ministero per i beni culturali invocando l’art. 21 octies della L. n. 241 del 1990, ma senza censurare quella parte della motivazione della decisione che aveva tacciato il provvedimento statale di difetto motivazionale.

La Sesta sezione del Consiglio di Stato, con sentenza del 9 aprile, n. 1794 non si è lasciata convincere dal tentativo della difesa erariale di “raddrizzare” in corso di causa la debolezza dell’appello attraverso una postuma ricostruzione delle motivazioni che avrebbero dovuto assistere il provvedimento della Soprintendenza sin dall’origine. Dall’esame dell’atto di appello, hanno osservato i giudici, sembra che il Ministero “intenda nella presente sede rappresentare ora per allora le pretese ragioni ostative all’autorizzabilità degli interventi (attraverso un’integrazione postuma della motivazione), in tal modo sanando sia i vizi di ordine procedimentale, sia il rilevato difetto motivazionale”.

Secondo i Giudici di Palazzo Spada seppur è vero che l’approccio operato dalla difesa statale ben può invero risultare compatibile con l’orientamento (peraltro non pacifico) secondo il quale l’inammissibilità dell’integrazione postuma della motivazione di un provvedimento amministrativo in giudizio trova un limite, alla luce del disposto dell’articolo 21 octies della L. n. 241/1990, nei casi in cui gli esiti del procedimento non avrebbero comunque potuto essere diversi nonché nell'esigenza di economicità dell'azione amministrativa, cosicché il vizio di motivazione viene correttamente dequotato ogniqualvolta l’integrazione non abbia leso il diritto di difesa dell'interessato, per essere state in fase endoprocedimentale pienamente percepibili le ragioni sottese all'emissione del provvedimento impugnato (in tal senso cfr. Cons. Stato, IV, 7 luglio 2014, n. 3417; id., IV, 4 marzo 2014, n. 1018; id., V, 20 agosto 2013, n. 4194).

Tuttavia, precisa il Collegio, anche a voler prestare adesione a tale orientamento (il quale sembra consentire all’Amministrazione, pure a fronte di attività discrezionali, di offrire integrazioni postume della motivazione nella sede contenziosa), secondo i magistrati di Piazza Capo di Ferro il punto è che le ragioni di diniego esplicitate in sede di appello dalla Soprintendenza risultavano a loro volta affette dai profili di incongruità e carenza motivazionale che erano stati già rilevati dai primi Giudici in relazione all’originario provvedimento di diniego.

Chiaramente l’accoglimento dell’appello potrebbe risultare una vittoria simbolica per il privato, atteso che la Soprintendenza è oggi chiamata a pronunciarsi di nuovo sull’istanza di mutamento di destinazione d’uso, ben potendo pervenire allo stesso risultato negativo ma fornendo, però adeguata ed idonea motivazione del proprio convincimento.

Rodolfo Murra

(11 aprile 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 dicembre 2016
Corte di Cassazione | L'Amministrazione non può produrre successivamente nuovi documenti ad integrazione della motivazione. La sentenza della Quinta Sezione del 14.12.2016.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Giustizia amministrativa | Niente domande nuove nella sentenza del Consiglio di Stato del 15.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2015
Pubblica Sicurezza | L'adeguata istruttoria ed il motivato e ragionevole giudizio nei principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2018
Consiglio di Stato | Un singolare caso di mala gestio processuale che ha fatto durare inutilmente anni un processo amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Concorsi pubblici | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato sull'improcedibilità del giudizio.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Consiglio di Stato | I riflessi del principio di non aggravio è ragionevole durata del processo nella sentenza del 7.12.2015 n. 5571.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Riforma | Giudizio positivo, ma permangono alcuni rilievi sullo schema di decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

31 marzo 2016
Processo amministrativo | La manifesta abnormità nei principi sanciti dalla Terza Sezione nella sentenza del 31.3.2016 n. 1262.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2015
Ammortizzatori sociali | Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso cautelare di Confprofessioni per l'ottenimento ammortizzatori in deroga.

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2015
Pubblico Impiego | La sentenza della Terza Sezione del 23 febbraio 2015. Obbligo di motivazione solo se il secondo concorso è identico. Nessuna identità tra i due concorsi se il secondo concorso è stato bandito da un altro ente e solo successivamente è intervenuto un accordo per avvalersi reciprocamente delle graduatorie in corso di validità.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Consiglio di Stato | Rivoluzione copernicana nel contenzioso lavoro. I principi sanciti nella sentenza del 28.10.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Digitalizzazione | In G.U. pubblicato il decreto legge che proroga i termini per l'avvio a regime.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.