Condividi la notizia

Giustizia

Ritardata assunzione nella P.A.: il danno subito dal dipendente pubblico

La retrodatazione giuridica ed economica nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 dicembre 2015 n. 5608.

La retrodatazione giuridica e quella economica operano ordinariamente dal momento dell’effettiva immissione in servizio, ma se quest’ultima coincide con quella della frequenza di un corso formativo è da questa data che deve operare la predetta retrodatazione. 

È questo il principio sancito dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 9.12.2015 n. 5608 che ha analizzato la vicenda di un vigile del fuoco che ha chiesto la corresponsione di stipendi ed accessori, comprensivi di interessi e rivalutazione, dal momento dell’avvio del corso di formazione professionale alla data della sua assunzione in servizio.

In particolare il pompiere ha agito in giudizio, prima innanzi al Tar e poi al Consiglio di Stato, ritenendo illegittima l’attribuzione delle spettanze economiche, corrisposte soltanto dalla data d’immissione in servizio e non dalla data precedente in cui per effetto dell’ordinanza cautelare assunta dal tribunale -  nelle more della definizione del ricorso avverso l’esclusione dal concorso - il medesimo era stato ammesso con riserva alla selezione concorsuale e poi al corso di formazione professionale.

Il Consiglio di Stato, nell'accogliere l'appello del vigile del fuoco, ha evidenziato che i provvedimenti cautelari sono adottati esclusivamente allo scopo di salvaguardare la sfera giuridica del ricorrente dagli effetti pregiudizievoli a lui derivanti dall’illegittimità degli atti o delle condotte assunti dall’Amministrazione. Di conseguenza i naturali effetti di tali misure vanno tenuti distinti da quelli propri del giudicato in base al quale si determina un assetto definitivo del rapporto, nella specie per il ricorrente l’assunzione in servizio e quindi lo svolgimento delle prestazioni lavorative nei confronti dell’amministrazione.

Infatti, per consolidato indirizzo giurisprudenziale nel caso di omessa o ritardata assunzione, il danno subito dal pubblico dipendente non può identificarsi in astratto nella mancata erogazione della retribuzione, occorrendo al contrario indicare e dimostrare l’entità del pregiudizio di tipo patrimoniale e non patrimoniale, sofferto in dipendenza della condotta illecita del datore di lavoro.

In forza della natura strettamente sinallagamatica del contratto di lavoro, il diritto alla retribuzione presuppone necessariamente l’avvenuto svolgimento dell’attività di servizio. Vige, infatti, nel pubblico impiego il principio della corrispettività delle prestazioni, in virtù del quale non può essere erogata alcuna retribuzione a fronte di prestazioni lavorative non eseguite.

Tuttavia - precisa il Collegio - nella vicenda in esame risulta che il ricorrente ha partecipato al corso di formazione professionale, a decorrere dal quale tutti i partecipanti hanno conseguito l’immissione in servizio con la conseguenza che al medesimo, sulla base del principio in apertura riportato, deve essere riconosciuta l’identica posizione giuridica degli altri frequentatori e dunque la stessa decorrenza attribuita agli altri vincitori del concorso.

Fonte: Consiglio di Stato 

Enrico Michetti

 

La Direzione

(10 dicembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Angelo Rughetti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, annuncia gli obiettivi della riforma per la P.A. | Ruolo unico della Dirigenza e carriera a termine | Licenziamento del Dirigente privo di incarico | Valutazione dei risultati non del singolo ma del gruppo | Retribuzione di risultato subordinata all’andamento dell’economia | Trasparenza e semplificazione attraverso gli open-data | Una sola scuola nazionale della Pubblica Amministrazione | Gestione manageriale dei poli museali | Le incompatibilità dei Giudici Amministrativi | Apertura del Governo all’ascolto di cittadini e dipendenti pubblici

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2015
Pubblico Impiego | La sentenza della Terza Sezione del 23 febbraio 2015. Obbligo di motivazione solo se il secondo concorso è identico. Nessuna identità tra i due concorsi se il secondo concorso è stato bandito da un altro ente e solo successivamente è intervenuto un accordo per avvalersi reciprocamente delle graduatorie in corso di validità.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2017
Riforme | Il parere sul quesito posto dal Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Corte dei Conti | Il trattamento retributivo previsto per il dipendente pubblico è l'unica forma di corrispettivo per la prestazione da questi resa a favore dell'ente di appartenenza.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Riforma della P.A. | Invito ad eliminare la responsabilità penale dei dirigenti e le azioni per danno all'immagine. I punti principali ed il testo del parere n. 864/2016 sullo schema di decreto.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Giustizia amministrativa | Il commento alla sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del del 25 marzo 2016 n. 1239.

 
 
Condividi la notizia

13 febbraio 2015
politica e socialnetwork | Gli atti d'indirizzo della politica debbono concretarsi nella dovuta forma tipica dell'attività della pubblica amministrazione. La sentenza del 12 febbraio 2015 sui "cinguettii" dei Ministri.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Poesia di agosto | di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Ius sepulchri | Per il Consiglio di Stato nessuna preclusione all'esercizio dei poteri autoritativi da parte della Pubblica amministrazione concedente.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2015
Argentina | Poesia di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

27 marzo 2017
Corte dei conti | Il dirigente regionale chiamato come amministratore dell'Ater non ha diritto alla retribuzione per quell'incarico.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

9 agosto 2015
Consiglio di Stato | L'applicazione dell'art. 2043 Cod. civ. e la ricerca della relazione di causalità tra la condotta dell'amministrazione ed il danno ingiusto.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.