Condividi la notizia

Stato civile

Il coniuge cambia sesso, ma il matrimonio non si scioglie

La Cassazione lo ha stabilito nei confronti di una coppia già sposata che ha deciso di mantenere fermo il rapporto affettivo.

Due coniugi avevano proposto domanda al Tribunale di rettificazione ed attribuzione di sesso femminile. Il Tribunale adito, nell’accogliere la domanda, disponeva la rettificazione con modifica dal maschile al femminile del prenome ed ordinava all’ufficiale di stato civile di provvedere alla modifica dell’atto nascita. La rettifica è stata annotata anche a margine dell’atto di matrimonio con la specificazione della intervenuta cessazione degli effetti civili ai sensi ed effetti degli artt. 2 e 4 della legge n.164 del 1982.

La coppia in esame, volendo mantenere fermo il loro rapporto, proponeva ricorso al Tribunale chiedendo la cancellazione di quest’ultima annotazione. Il Tribunale accoglieva il ricorso ma la corte di Appello, su reclamo del Ministero dell’interno, rigettava la domanda. Avverso tale ultima decisione gli originari ricorrenti adivano la  Corte di Cassazione.

La  Suprema Corte rimetteva gli atti alla Corte Costituzionale per risolvere la questione di legittimità costituzionale degli artt. 2 e 4 l.164 del 1982 che in questi casi prevedono lo scioglimento delmatrimonio.

La Corte Costituzionale si è pronunciata con la sentenza  di accoglimento n. 170 del 2014, dichiarando l’illegittimità costituzionale degli articoli 2 e 4 della legge n.164 del 1982, con riferimento all’art. 2 Cost, nella parte in cui, disponendo la cessazione automatica degli effetti civili del matrimonio, non prevedono nel contempo la possibilità per gli ex coniugi, che lo volessero, di mantenere in vita la convivenza sia pure in altra forma giuridicamente tutelata con riguardo ai diritti e agli obblighi della coppia medesima.

La Corte di Cassazione, con sentenza n.8097/2015, ha inteso dare attuazione al principio, accogliendo il ricorso e così disponendo la cancellazione dell’annotazione dell’avvenuto cambiamento di sesso a margine dell’atto di matrimonio.  

La Suprema Corte, sulla scorta della decisione della Corte Costituzionale, ha ritenuto che il patrimonio affettivo radicatosi e cristallizzatosi nel corso degli anni matrimoniali non può svaporare e perdersi del tutto in ragione della mancata regolamentazione da parte del legislatore delle situazioni familiari in esame , con la consapevolezza che l’accoglimento del ricorso comporta per le parti ricorrenti vittoriose la conservazione “dei diritti e dei doveri conseguenti al vincolo matrimoniale legittimamente contratto,  fino a quando il legislatore non  consenta ad esse di mantenere in vita il rapporto di coppia giuridicamente regolato con altra forma di convivenza registrata che ne tuteli adeguatamente diritti ed obblighi”.

E’ una conservazione del “modello matrimoniale”, questo la Corte di Cassazione ha voluto da ultimo sottolineare, “sottoposta alla condizione temporale risolutiva costituita dalla auspicata nuova regolamentazione da parte del legislatore”.

Un’ultima considerazione a necessaria precisazione, la Corte di Cassazione, nella parte motiva, ha evidenziato che l’attribuzione conservativa dei diritti e doveri tipici dell’istituto matrimoniale deve essere riferita alle sola fattispecie descritta e non dunque a tutte le unioni omoaffettive di fatto.

In altri termini, il principio di tutela deve essere riferito “al nucleo affettivo e familiare che avendo goduto legittimamente dello statuto matrimoniale” non può ritrovarsi degradato a rapporto radicalmente privo di tutela.

Luigi Marcelli

(25 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Nel decreto del 9 gennaio 2015 tutte le formule per la redazione degli atti in materia di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2014
Ministro dell'Interno | Il Capo del Viminale ha annunciato l'invio di una circolare ai prefetti per invitare i sindaci ad annullare le "trascrizioni" allo stato civile.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Fondi europei | La Regione Puglia lancia il progetto DJ "Diversity on the Job". 1.096.300 euro per finanziare tirocini per appartenenti a categorie discriminate per sesso o etnia.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Tribunale per i Minorenni di Roma | La bimba di 5 anni - figlia di una delle due conviventi, grazie alla procreazione assistita eterologa - e' stata adottata dalla compagna della madre.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
Coppie omosessuali | Reso noto ieri il testo che istituisce le civil partnership, le unioni fra coppie omosessuali che il governo Renzi intende varare in autunno.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2017
Pubblica utilità | Riconosciuti gli stessi diritti che spettano ai coniugi, dalla rendita in caso di infortunio mortale alle misure una tantum.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2014
Matrimoni gay | Il provvedimento ha provocato reazioni opposte, ma l'atto non comporta alcun riconoscimento giuridico degli effetti civili del matrimonio.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2014
Riforme | Un nuovo passo in avanti per semplificare e rendere più celere l'addio tra i coniugi. Ok agli emendamenti proposti al disegno di legge sul "divorzio breve”.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Basta andare due volte davanti all'Ufficiale di Stato civile, anche senza avvocato. La circolare ministeriale sui nuovi adempimenti.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2014
Inps | Gli operatori autorizzati possono trasmettere senza limiti di orario e da qualunque postazione le variazioni anagrafiche (decesso, stato civile ecc.).

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2015
Corte di Cassazione | Per gli acquisti in regime di comunione il "no" della Suprema Corte alla revoca pro quota nella sentenza del 23.12.2015 n. 25892.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
Ministro dell'Interno | Dopo la rivolta dei sindaci interessati, e' giunta la notizia dell'annullamento del primo provvedimento che aveva ordinato la trascrizione al comune di Grosseto.

 
 
Condividi la notizia

8 ottobre 2014
Ministro dell'Interno | Nel provvedimento che si puo' leggere in fondo, il Ministro dell'Interno ha raccomandato ai prefetti di invitare i sindaci a revocare le direttive in contrasto con le norme vigenti.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
Rivoluzione divorzio | Sei mesi per sciogliere il matrimonio se la separazione e' consensuale, stop alla separazione obbligatoria di tre anni.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.