Condividi la notizia

Energia ed Ambiente

Petrolio: il Consiglio Regionale ha approvato i quesiti referendari

Riguardano alcune parti dell'art. 38 della legge sblocca Italia e di norme correlate e l'art. 35 del decreto sviluppo. Entro il 30 settembre il deposito in Cassazione.

Il Consiglio Regionale della Basilicata ha approvato a maggioranza (con 18 voti favorevoli di Pd, Pdl-Fi, Ri, M5s, Gm, Psi, Lb-Fdi, 1 voto contrario di Benedetto del Cd e 1 astensione di Giuzio del Pd) la proposta di 5 referendum abrogativi relativi ad alcune parti dell’art. 38 del decreto legge n.133/ 2014 (sblocca Italia), convertito con modificazioni nella legge n. 164/2014, nonché delle norme ad esso correlate contenute nell’art. 57 del dl n.5/2012 e nell’art. 1 della legge n. 239/2014. Ne dà notizia la redazione di Consiglio Informa (ACR).

Il primo quesito è relativo all’art.38, comma 1, del decreto Sblocca Italia e concerne anzitutto la dichiarazione di strategicità, indifferibilità ed urgenza delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi liquidi e gassosi.

Il secondo quesito investe l’art.38, comma 1-bis dello Sblocca Italia, in relazione al così detto piano delle aree, previsto al fine di pervenire, per la prima volta, ad una razionalizzazione delle attività di ricerca ed estrazione degli idrocarburi.

Scopo dell’abrogazione referendaria è, per un verso, quello di lasciar esprimere la conferenza unificata sul piano nella sua interezza, terraferma e mare e, per l’altro verso, di evitare che, in caso di mancato raggiungimento dell’intesa, si ricorra all’esercizio del potere sostitutivo.

Il terzo quesito ha ad oggetto la durata delle attività previste sulla base del nuovo titolo concessorio unico, ma non anche la previsione del nuovo titolo in sé, destinato a sostituire i permessi di ricerca e le concessioni di coltivazione.

Il quarto quesito è relativo all’articolo 57 del d.l. n.5 del 2012 sulle semplificazioni, che reca disposizioni per le infrastrutture strategiche.

La proposta referendaria mira ad abrogare la possibilità che si possa esercitare il potere sostitutivo secondo la procedura semplificata disciplinata dalla legge n.239 del 2004.

Il quinto quesito completa logicamente il secondo ed il quarto, dal punto di vista della partecipazione degli enti territoriali.

Mentre, infatti, il secondo ed il quarto quesito si propongono di porre rimedio al depotenziamento del ruolo delle Regioni e degli enti locali in sede di approvazione del piano delle aree per le attività di ricerca e di estrazione degli idrocarburi e di far fronte alla scarsa incidenza che le Regioni avrebbero in relazione alle opere strumentali a dette attività, il quinto quesito mira a far sì che l’intesa sul rilascio dei titoli minerari torni ad essere un atto a struttura necessariamente bilaterale e cioè superabile dallo Stato solo a seguito di effettiva trattativa con le Regioni interessate.

Sempre a maggioranza (con 17 voti favorevoli di Pd, Pdl-Fi, Ri, M5s, Psi, Lb-Fdi e Pace del Gruppo misto, 1 voto contrario di Benedetto del Cd e 2 astensioni di Giuzio del Pd e di Romaniello del gruppo misto) ha approvato il sesto quesito referendario relativo all’art. 35 del decreto legge n. 83/2012 (decreto sviluppo), convertito con modificazioni dalla legge n. 134/2012.

Il sesto quesito punta a stabilire che “ai fini di tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, all’interno del perimetro delle aree marine e costiere a qualsiasi titolo protette per scopi di tutela ambientale, in virtù delle leggi nazionali, regionali o in attuazione di atti e convenzioni dell’Unione europea e internazionali, sono vietate le attività di ricerca, di prospezione nonché di coltivazione di idrocarburi liquidi, gassosi in mare.

Il divieto è altresì stabilito nelle zone di mare poste entro dodici miglia dalle linee di costa lungo l’intero perimetro costiero nazionale e dal perimetro esterno delle suddette aree marine e costiere protette”.

I quesiti referendari devono essere depositati all’Ufficio centrale presso la Corte di Cassazione da almeno cinque Regioni entro il 30 settembre prossimo in base a quanto disposto dalla legge che disciplina le modalità attuative dei referendum previsti dalla Costituzione.

Nella prossima settimana gli stessi quesiti saranno discussi dalle Assemblee legislative di Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Abruzzo, Veneto, Campania, Calabria e Liguria, mentre in altre Regioni è già stata convocata la Conferenza dei capigruppo per calendarizzare la discussione.

Fonte: Consiglio Regionale Basilicata - ACR

 

Moreno Morando

(21 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 settembre 2015
Energia ed ambiente | I Presidenti di sei regioni hanno deciso di promuovere un referendum abrogativo di alcune parti della legge sblocca Italia e dell'art. 35 del decreto sviluppo.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2015
Semplificazione | Sottoscritto il Protocollo con Mef e Consip per l'approvvigionamento di beni e servizi.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2015
TERZA ETA' | Una tematica che interessa il tavolo regionale con i referenti dei sistemi turistici della costa ionica e tirrenica.

 
 
Condividi la notizia

2 giugno 2015
Agenzia delle Entrate | L'Agenzia delle Entrate ha reso noti i dati percentuali dei primi mesi del 2015.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2015
Iniziative sociali | Sottoscritto il Protocollo d'Intesa per promuovere le attività motorie ed incentivare la realizzazione di progetti sportivi rivolti alla platea giovanile.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2015
Senza lavoro | 450 euro al mese nel programma di sostegno per affrontare il disagio sociale e favorire il rientro nel mercato del lavoro.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2015
Sostegno alle imprese | La dotazione finanziaria messa a disposizione è pari a 5 milioni di euro, che consentirà di creare portafogli di finanziamenti fino ad un massimo di 30 Milioni.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2015
Energia ed Ambiente | Pittella auspica una 'fase di slancio del confronto costruttivo già in atto con il Governo nazionale, che faccia propria la necessità di evitare un generico referendum pro o contro il petrolio".

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2015
Immigrazione | Firmato un innovativo protocollo di intesa tra Prefetture e Regione Basilicata.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2015
'ENOGASTRONOMIA' | L'obiettivo è quello di realizzare iniziative e progetti volti a valorizzare le produzioni agroalimentari tipiche del territorio lucano.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2015
Agricoltura e tutela ambientale | Sarà obbligatorio un certificato di abilitazione all'uso che avrà valore su tutto il territorio italiano.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Pagamenti PA | A disposizione dei beneficiari pubblici e privati, si possono trovare tutte le informazioni utili.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2015
Tutela ambientale | Dal 26 novembre bisognerà mettersi in regola con quanto stabilito dalla Direttiva Comunitaria n. 128 del 2009.

 
 
Condividi la notizia

14 novembre 2015
Imprenditoria e istituzioni | Braia: "abbiamo importanti filiere produttive e della conoscenza che hanno forti capacità attrattive di investimenti".

 
 
Condividi la notizia

24 novembre 2015
Trasporti | Il bando, che riguarda le autolinee sostitutive o integrative della rete ferroviaria di interesse regionale e locale, scadrà il 12/01/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.