Condividi la notizia

Suprema Corte

Ingiuria, minaccia e diffamazione: gli ultimi principi della Cassazione

Le frasi incriminate "Fattucchieri, maghi e guaritori" "ve la faccio pagare" e "vi lancio i vasi dal balcone".

Le frasi incriminate: "Fattucchieri, maghi e guaritori" ...  vi lancio i vasi dal balcone.... "se non ve ne andate ve la faccio pagare, vi accadrà qualcosa di brutto" ... "dovete andare via da qui con le buone o con le cattive". Queste le parole pronunciate da una signora nei confronti di due soggetti che abitavano illegittimamente un suo immobile.

In ragione di ciò la signora veniva denunciata e con sentenza del 23 aprile 2015 il Tribunale la dichiarava colpevole dei reati a lei ascritti: ingiurie, minacce e diffamazione e la condannava alla pena di euro 500 di multa.

La signora ricorreva in Cassazione e, la Suprema Corte con sentenza n. 30899 pubblicata il 19 luglio 2016 (Presidente: SABEONE - Data Udienza: 01/04/2016) con riferimento al reato di ingiuria rilevava che, ai sensi dell'art.1 d.lgs. 15 gennaio 2016 n. 7 e' stato abrogato l'art. 594 cod. pen., con conseguente trasformazione in mero illecito civile del fatto di ingiurie. Pertanto, la Cassazione ha ritenuto di annullare la sentenza limitatamente alle ingiurie perché il fatto non è' più previsto dalla legge come reato.

Con riguardo poi all'accusa di diffamazione, da quanto risulta dalla ricostruzione dei fatti come operata dai giudici di merito, la Corte ha ritenuto che non può affermarsi la sussistenza del reato di diffamazione, poiché le frasi offensive sono state proferite alla presenza di una sola persona.

In proposito va rimarcato che, ai fini della configurabilità del reato di diffamazione e' necessario che l'autore della frase lesiva dell'altrui reputazione comunichi con almeno due persone ovvero con una sola persona, ma con modalità tali che detta notizia venga sicuramente a conoscenza di altri ed agisca rappresentandosi e volendo tale evento, cosa che non ha riguardato il caso di specie e pertanto ha indotto la Cassazione ad assolvere, anche qui senza rinvio, la signora perché il fatta non sussiste.

Infine, con riguardo al reato di minacce, la Cassazione ha ritenuto che il Tribunale non avesse chiarito affatto in base a quali risultanze processuali ritenesse provata la minaccia, o le ragioni per le quali ritenesse sussistente il reato, sebbene contestato nell'imputazione con diversa descrizione del fatto. Pertanto, la Corte in questo caso, con specifico riguardo alle minacce, ha annullato la sentenza con rinvio al Tribunale, perché provvedesse a nuovo esame della vicenda.

La Cassazione in relazione a quest'ultimo punto ha colto l'occasione per precisare il "principio di correlazione" emergente tra quanto statuito in sentenza e quanto contestato in sede di accusa affermando che risulta violato tale principio nel caso in cui il fatto ritenuto in sentenza si trovi rispetto a quello contestato in rapporto di eterogeneità o di incompatibilità sostanziale, nel senso che si sia realizzata una vera e propria trasformazione, sostituzione o variazione dei contenuti essenziali dell'addebito nei confronti dell'imputato, posto così, a sorpresa, di fronte ad un fatto del tutto nuovo senza non avere avuto alcuna possibilità di effettiva difesa. 

 

La Direzione

(7 agosto 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

3 maggio 2014
Riforma | Atti osceni, immigrazione clandestina, falsità in atti, danneggiamento e molti altri delitti diventeranno semplici illeciti amministrativi, in Gazzetta Ufficiale la legge per trasformare i reati in sanzioni e messa in prova degli imputati.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2016
Corte di Cassazione | Nel linguaggio comune la frase è sinonimo di persona eccentrica ovvero irascibile. La sentenza n. 21021/2016.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2016
Corte di Cassazione | Ogni singolo elettore può promuovere l'azione penale, può costituirsi, in qualità di persona offesa, parte civile nei processi e può opporsi alla richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero. La sentenza della Terza Sezione Penale n. 33040 del 28 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.