Condividi la notizia

Abolitio criminis

Omesso versamento di ritenute previdenziali: sotto i 10 mila euro non è più reato

La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

Non aveva versato le ritenute previdenziali operate sulle retribuzioni dei propri dipendenti per complessivi euro 561,00 ed il Giudice dell'udienza preliminare, su richiesta dell'imputato, lo aveva condannato alla pena di giorni 24 di reclusione ed euro 200 di multa, sostituita con la pena pecuniaria di euro 6.200 di multa, per il reato di cui all'art. 2, comma 1 bis, d.l. 463/83. 

La Corte di Cassazione Penale Sez. 3 con la sentenza n. 11376/2016 (udienza del 2.3.2016) ha pronunziato l'annullamento della sentenza impugnata perché il fatto addebitato al ricorrente non è più previsto dalla legge come reato.

All'imputato, infatti, è stato contestato l'omesso versamento di ritenute previdenziali per complessivi euro 516, importo inferiore alla attuale soglia di rilevanza penale di euro 10.000 annui stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 (pubblicato in G.U. n. 17 del 22/1/2016, in vigore dall'8/2/2016), che al comma 6 ha modificato il comma 1 bis dell'art. 2 della I. 638/83, nel senso di qualificare come illecito amministrativo l'omesso versamento di ritenute previdenziali non superiore ad euro 10.000 annui, con la conseguente abolizione della rilevanza penale degli omessi versamenti inferiori a tale soglia. 

Ora, in caso di abolitio criminis tale evento, più che eliminare la efficacia della norma penale incriminatrice, esclude la stessa esistenza attuale di detta norma nell'ordinamento positivo e fa mancare l'oggetto sostanziale del rapporto penale. 

In conclusione la sentenza impugnata è stata annullata perché il fatto addebitato non è previsto dalla legge come reato, come espressamente stabilito dall'art. 9, comma 3, d.lgs. 9/2016 citato. 

Ai sensi della medesima norma gli atti sono stati trasmessi alla autorità amministrativa competente ovvero all'INPS.

Fonte: Corte di Cassazione

Enrico Michetti

La Direzione

(20 marzo 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Corte di Cassazione | Prostitute socialmente pericolose? Quando il questore può emettere il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio. E i clienti commettono reato?

 
 
Condividi la notizia

19 agosto 2014
Corte di Cassazione | La raccomandazione, anche se effettuata da un Comandante dei Carabinieri o da un parlamentare, non integra il reato di abuso d'ufficio se avviene al di fuori delle funzioni.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Corte di Cassazione | Non e' solo la descrizione poco lusinghiera "Mangio solo cibi spazzatura e bevo birra...quando mi ubriaco vado fuori giri" ad integrare il reato, quanto l'utilizzo dei servizi del sito con la falsa identità.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2016
Inps | Il nuovo quadro normativo illustrato nella circolare n. 121 del 5.7.2016. Le soglie di rilevanza per la sanzione penale.

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2014
Corte di Cassazione | La Prima Sezione della Suprema Corte con sentenza n. 43394 del 16 ottobre 2014 supera il contrasto giurisprudenziale in materia di "quasi flagranza" di reato. Niente arresto in "quasi" flagranza se avviene dopo l'acquisizione di informazioni da parte di terzi.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Parlamento | Approvata definitivamente la norma che inasprisce le pene per alcuni reati contro la P.A. e reintroduce il reato di falso in bilancio.

 
 
Condividi la notizia

8 febbraio 2016
Ministero del Lavoro | Emanata una circolare esplicativa con le prime indicazioni operative necessarie per la corretta applicazione delle nuove disposizioni.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Particolare tenuità del fatto | La Suprema Corte riconosce l'applicabilità della nuova figura deflattiva al reato ex art.186 del codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

4 aprile 2016
corte di Cassazione | Il penale scatta anche in caso di sistema informatico pubblico se si "spia" nella casella di colleghi protetta da password, con l'aggravante se a farlo è il superiore gerarchico.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Corte di Cassazione | La sicurezza non è un optional. Il Consumatore deve essere informato dei rischi e dei modi di utilizzo.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2015
Consiglio dei Ministri | Il decreto legislativo apporta parziali modifiche al sistema normativo vigente.

 
 
Condividi la notizia

13 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Sezione Terza nella sentenza n. 9209/2016.

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza della Sezione Terza del 21 marzo 2016 n. 11675.

 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.