Condividi la notizia

andamenti economici

Un PIL che non varia

Pubblicati i dati Istat di stima sull'andamento del prodotto interno lordo - primi commenti del Mef.

L'Istat ha reso noti i dati di stima preliminare del prodotto interno lordo del secondo trimestre 2016 rilevando che detto Pil è rimasto invariato rispetto al primo trimestre dell'anno, anche se aumentato dello 0,7% se confrontato rispetto allo stesso periodo del 2015. Detti report, dell'Istituto di statistica, sono stati oggetto di studio da parte del Mef che ne ha fatto seguire i primi commenti.

Secondo il Mef l'economia italiana già aveva offerto segnali di rallentamento anche se in linea con il quadro generale di raffreddamento globale dell'economia. Tale situazione è stata anche motivata con il rafforzamento dei fattori di "rischio geopolitico" che impattano negativamente sulla crescita, come appunto: minaccia globale del terrorismo, rischio collegato alla spinta e ai crescenti flussi migratori dei migranti, situazione internazionale post Brexit.

Anche la propensione al "protezionismo", rilevata in diversi Paesi di tutto il mondo, e soprattutto tra i Paesi UE, ovviamente preoccupa ed incide nei rispettivi mercati segnando un preoccupante rallentamento anche degli scambi nonche' una riduzione generalizzata del commercio mondiale. Da qui gli effetti evidenti anche sulle prospettive di crescita per l'Italia.

La strategia di recupero della competitività e della capacità produttiva del sistema-paese, precisa il MEF, continua con il mix di strumenti che ha consentito di invertire la tendenza al declino e ripristinare la crescita: riforme strutturali che migliorano la funzionalità del paese a tutti i livelli, riduzione della pressione fiscale e semplificazione del sistema tributario, investimenti per recuperare competitività e potenziale produttivo.

Per fare ciò si rendono necessari anche investimenti produttivi sia pubblici che privati, a questo contribuiscono anche le scelte del CIPE per quanto attiene l'accelerazione degli interventi statali su appalti e cantieri, con sicuri effetti su redditi e occupazione e conseguentemente sull'aumento dei consumi complessivi.

Nel contesto generale, quindi, la composizione della legge di Bilancio 2017, per essere efficace, dovrà concentrare le risorse disponibili su poche e mirate misure, per favorire la crescita migliorando la definizione degli obiettivi con una decisa riduzione della spesa e conseguente attento monitoraggio.

Per approfondimenti vai al commento Mef su report Istat

 

 

Stefano Olivieri Pennesi

(17 agosto 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 settembre 2015
Finanza pubblica | Pubblicata dall'Istat la nota mensile sull'andamento della economia italiana.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2015
ISTAT | Si tratta del giro d'affari derivante da attività sommerse e illegali: due anni fa era pari al 12,9% del PIL.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2016
Settore agricolo | Sul versante "occupazione" le unità di lavoro crescono. A livello territoriale, la produzione agricola cresce in tutte le aree italiche, ad eccezione del Nord-ovest (-1,1%) con segni positivi nel sud +5,9% e nel centro +3,5%.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2014
Istat | Il Pil non supererà lo 0,6% , il tasso di disoccupazione è in aumento e i consumi in moderata ripresa. Sono queste le previsioni Istat per l'economia italiana nel 2014-2016

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Economia e Prodotto interno lordo | Pubblicati dall'istituto statistico nuovi dati macroeconomici.

 
 
Condividi la notizia

27 novembre 2014
Repliche istituzionali | Ipotesi infondate quelle pubblicate sulla stampa di dimissioni di dirigenti dal MEF.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2014
Confindustria | Previsioni al ribasso dal Centro Studi Confindustria che spinge per un rilancio dell'economia nazionale nel 2015. Segnali di arresto della crescita economica anche dagli States. Il FMI rivede il pil USA 2014: da +2,8 a +1,7.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Statistiche | Da segnalare che, anche nel 2014, il saldo primario - vale a dire l'indebitamento netto meno la spesa per interessi - è positivo e pari all'1,6% del Pil.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2015
Istat | Il commento dei dati istat sulle finanze pubbliche e sul reddito delle famiglie.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2016
Acquisti di beni e servizi | I dati della rilevazione effettuata dal MEF ed ISTAT nel 2015 sugli acquisti del 2014.

 
 
Condividi la notizia

23 maggio 2014
ECONOMIA ED EUROPA | Anche l'Italia si adegua ai parametri giá  in vigore in altri Stati europei. Ricerca e sviluppo non più costi ma investimenti.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Istat | Tasso di inflazione, disoccupazione, Pil. L'’Istat intervista gli italiani per scoprire quanto ne sanno e se hanno fiducia delle statistiche ufficiali.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2015
Dipartimento delle Finanze | Il MEF sottolinea che i dati forniscono alcune indicazioni sull'andamento dell'’economia e sulle misure assunte dal Governo.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
Retribuzioni contrattuali | I dati Istat sulle retribuzioni rivelano una crescita annua dell'1,2%, la più bassa degli ultimi 30 anni. Incremento delle retribuzioni nel settore privato.

 
 
Condividi la notizia

8 aprile 2016
PA Social | Aperto il canale Telegram ufficiale @MEF_GOV informazioni, comunicati, video e infografiche in tempo reale nelle chat su smartphone, tablet e pc.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.