Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Sopraelevazione e distanze tra edifici

Come opera il criterio della "prevenzione".

Il Tribunale civile di Camerino con sentenza del 14 marzo 2007, ha condannato – su istanza di un frontista – i proprietari di un fabbricato a ripristinare lo stato dei luoghi, previa eliminazione di una sopraelevazione da costoro effettuata  in spregio alle distanze e con riduzione di una veduta all'ampiezza originale. I due soccombenti hanno proposto gravame ma la Corte d'appello di Ancona, con sentenza del  16 febbraio 2013, ha rigettato l'appello e confermato la sentenza impugnata.

E’ stato dunque proposto ricorso per cassazione, articolato su vari motivi, alcuni dei quali relativi al rito.

Nel merito i ricorrenti hanno censurato la sentenza impugnata nella parte in cui si è limitata ad esaminare la questione attinente alla preesistenza della sopraelevazione e della veduta realizzata dal frontista, ritenendo che la preesistenza della veduta rispetto  alla sopraelevazione degli appellanti era stata ammessa dai medesimi che, nella comparsa di risposta di primo grado, la prospettavano pacificamente anche se di questa affermavano che si trattasse di una luce, ed ha, in tal modo, omesso di esaminare la necessaria e prodromica questione relativa all'accertamento della preesistenza del fabbricato dei medesimi appellanti  rispetto a quello del vicino, con la conseguente applicazione, in ordine alle opere realizzate da quest'ultimo rispetto successivamente al preesistente manufatto, dell'ordinaria disciplina codicistica in materia di rispetto delle distanze dai confini.

La Corte ha rigettato il ricorso con sentenza della II Sezione n. 5049 del 5 marzo 2018.

I giudici di legittimità hanno osservato che in caso di sopraelevazione, che a tutti gli effetti deve essere considerata nuova costruzione, il preveniente, alla pari del prevenuto, è obbligato al rispetto della disciplina delle distanze legali, in quanto la prevenzione è un diritto riconosciuto al primo che edifica e si esaurisce con la realizzazione della costruzione medesima, quando questa abbia le caratteristiche proprie di un'opera edilizia, ultimata dal punto di vista strutturale e funzionale. Ne consegue che, una volta che di fatto si trovino ad esistere due costruzioni su fondi finitimi, la prevenzione cessa di operare e, correlativamente si modifica l'assetto dei rapporti tra i rispettivi proprietari, nel senso che ciascuno dei due frontisti può sopraelevare in regime di libertà dei lotti, nel rispetto reciproco della normativa che disciplina le distanze legali.

Nel caso di specie, pur a voler ammettere che il fabbricato dei ricorrenti fosse preesistente rispetto a quello del frontista, resta, dunque, il fatto che la sopraelevazione dagli stessi eseguita, quale nuova costruzione, poteva essere eseguita solo con il rispetto della normativa sulle distanze legali dalle costruzioni esistenti sul fondo confinante, a nulla rilevando che a tale dovere fosse tenuto anche il vicino, rispetto alle opere dallo stesso realizzate, ove questo (come nel caso che occupava la Corte) non sia stato fatto valere in giudizio.

Rodolfo Murra

(9 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 maggio 2016
Suprema Corte | Sostituire una vecchia scala creando due gradini nuovi costituisce trasferimento della servitù? E cambiare una vetrata sul tetto con degli abbaini viola la regola delle distanze?

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2017
Corte di Cassazione | Il rapporto tra normativa statale e previsioni urbanistiche locali.

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2016
Corte di Cassazione | Quando il criterio della prevenzione è derogato dagli strumenti edilizi comunali.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2015
Distanze tra costruzioni | Quid iuris nel caso in cui il regolamento edilizio comunale nulla dica sulla distanza dal confine ma imponga distanze tra costruzioni maggiori di quelle codicistiche?

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
Corte di cassazione | Il principio affermato dalla Suprema Corte con la sentenza n. 10618/2016.

 
 
Condividi la notizia

20 settembre 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Seconda Sezione n. 18244 del 16.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

11 novembre 2015
Miur | Un avviso volto a promuovere la diffusione della sicurezza degli edifici e la prevenzione e protezione dai rischi connessi alla fruizione degli ambienti di apprendimento.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2016
Corte di Cassazione | Legittima la revoca del beneficio se non si adempie entro 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente l'ordine. L'irrilevanza del mancato decorso del termine assegnato nell'ordinanza del Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2015
Consiglio di Stato | Inapplicabile la normativa alle finestre che non sono qualificabili come vedute.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2018
TAR LOMBARDIA | Un ascensore ed un vano scale esterno troppo vicini alla casa del confinante.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2018
TAR PALERMO | La mancata perfetta individuazione del terreno rende illegittima l'acquisizione.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2017
Corte di Cassazione | Il principio sancito nell'ordinanza pubblicata il 19 gennaio 2016.

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2018
Ministero della Salute | Illustrate le attività svolte nel 2016. Rilevata una lieve riduzione dei Centri di prevenzione e riabilitazione visiva e disomogeneità nelle prestazioni e nei servizi.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2018
TAR Lombardia | I giudici milanesi affrontano il tema della "precarietà" dell'opera edilizia.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.