Condividi la notizia

Assistenza e servizi sociali

Contrasto alla povertà: dal 1° gennaio 2018 parte il reddito d'inclusione

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo. Le novità in sintesi.

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della legge sul contrasto della povertà, il riordino delle prestazioni di natura assistenziale e il rafforzamento del sistema degli interventi e dei servizi sociali (legge 15 marzo 2017, n. 33).

Il decreto introduce, a decorrere dal 1° gennaio 2018, il Reddito di inclusione (ReI), quale misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale.

Il ReI è una misura a vocazione universale, condizionata alla prova dei mezzi e all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa finalizzato all’affrancamento dalla condizione di povertà. Viene riconosciuto ai nuclei familiari che rispondano a determinati requisiti relativi alla situazione economica. In particolare, il nucleo familiare del richiedente dovrà avere un valore dell’ISEE, in corso di validità, non superiore a 6.000 euro e un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro. In prima applicazione sono prioritariamente ammessi al REI i nuclei con figli minorenni o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati ultra cinquantacinquenni.

Fermo restando il possesso dei requisiti economici, il REI è compatibile con lo svolgimento di un’attività lavorativa. Viceversa, non è compatibile con la contemporanea fruizione, da parte di qualsiasi componente il nucleo familiare, della NASpI o di altro ammortizzatore sociale per la disoccupazione involontaria.

Il ReI è articolato in due componenti:

  1. un beneficio economico erogato su dodici mensilità, con un importo che andrà da circa 190 euro mensili per una persona sola, fino a quasi 490 euro per un nucleo con 5 o più componenti;
  2. una componente di servizi alla persona identificata, in esito ad una valutazione del bisogno del nucleo familiare che terrà conto, tra l’altro, della situazione lavorativa e del profilo di occupabilità, dell’educazione, istruzione e formazione, della condizione abitativa e delle reti familiari, di prossimità e sociali della persona e servirà a dar vita a un "progetto personalizzato" volto al superamento della condizione di povertà. Tale progetto indicherà gli obiettivi generali e i risultati specifici da raggiungere nel percorso diretto all’inserimento o reinserimento lavorativo e all’inclusione sociale, nonché i sostegni, in termini di specifici interventi e servizi, di cui il nucleo necessita, oltre al beneficio economico connesso al ReI e, infine, gli impegni a svolgere specifiche attività, a cui il beneficio economico è condizionato, da parte dei componenti il nucleo familiare.

Il ReI sarà concesso per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi e sarà necessario che trascorrano almeno 6 mesi dall’ultima erogazione prima di poterlo richiedere nuovamente.

Al ReI si accederà attraverso una dichiarazione a fini ISEE "precompilata". È un’importante innovazione di sistema, che caratterizzerà l’accesso a tutte le prestazioni sociali agevolate migliorando la fedeltà delle dichiarazioni da un lato e semplificando gli adempimenti per i cittadini dall’altro.

Il decreto disciplina anche le possibili espansioni del REI, in termini di graduale incremento del beneficio e dei beneficiari. In presenza di maggiori risorse o di risparmi strutturali, l’estensione della misura potrà essere realizzata mediante l’adozione di un Piano nazionale per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, da adottarsi con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Il decreto istituisce inoltre la Rete della protezione e dell’inclusione sociale, presieduta dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali e composta da rappresentanti dei diversi livelli di governo. E’ una struttura permanente di confronto e programmazione delle politiche sociali, nonché di coinvolgimento nelle decisioni programmatiche del terzo settore, delle parti sociali e degli altri stakeholder. La Rete si articola in tavoli regionali e territoriali e ha l’obiettivo di rendere più omogeneo il sistema superando le attuali sperequazioni territoriali.

Nello specifico del ReI e al fine di agevolarne l’attuazione, il decreto prevede l’istituzione del Comitato per la lotta alla povertà, quale organismo di confronto permanente tra i diversi livelli di governo e specifica articolazione tecnica della Rete e l’istituzione dell’Osservatorio sulle povertà quale gruppo di lavoro permanente, con il compito di predisporre un Rapporto biennale sulla povertà, in cui sono formulate analisi e proposte in materia di contrasto alla povertà, di promuovere l’attuazione del ReI, evidenziando eventuali problematiche riscontrate, anche a livello territoriale, e di esprimere il proprio parere sul Rapporto annuale di monitoraggio sull’attuazione del ReI.

Fonte: Consiglio dei Ministri, comunicato del 29 agosto 2017

La Direzione

(30 agosto 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 aprile 2017
Ministero del Lavoro | È stato firmato il documento che contiene precisi impegni per attuare la legge delega per il contrasto alla povertà.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2017
Consiglio dei ministri | Approvato in esame preliminare un decreto legislativo che introduce, a decorrere dal 1° gennaio 2018, il ReI con un importo che andrà da circa 190 euro mensili fino a quasi 490 euro.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2016
Statistiche | L'Istat diffonde il report sulle stime inerenti la povertà assoluta e relativa dell'anno 2015.

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2014
Istat | Pubblicato dall'Istat il comunicato inerente la rilevazione 2013 sulla "povertà in Italia".

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2015
Istat | Nel 2014, 1 milione e 470 mila famiglie (5,7%) è in condizione di povertà assoluta, per un totale di 4 milioni 102 mila persone (6,8%).

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
INFANZIA A RISCHIO | L'allarme di Save the children: 27 milioni di piccoli rischiano l'esclusione sociale. Appello agli europarlamentari: servono politiche contro la povertà educativa

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Ministero della Salute | E' stato pubblicato il monitoraggio realizzato per verificare i livelli essenziali di assistenza (Lea) per l'anno 2012 nelle 16 Regioni che hanno accesso al "Fondo Sanitario"

 
 
Condividi la notizia

16 dicembre 2014
INPS e Dipartimento Politiche della Famiglia | "Tutto Famiglia - Soluzioni Casa per Casa" il nuovo servizio istituzionale di consulenza ed assistenza alle famiglie.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Ministero del Lavoro | L'obiettivo è assicurare interventi organici e strutturati a favore delle persone senza dimora e con particolari fragilità.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2014
Povertá | Pubblicato il rapporto Caritas 2014 dal titolo "False partenze"

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2016
politiche sociali | Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 2 settembre 2016 ed entro le ore 16:00 del 30 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

11 maggio 2014
Ministero della Salute | Consigli, regole e informazioni utili nel nuovo portale della Federazione Nazionale Collegi Infermieri.

 
 
Condividi la notizia

6 maggio 2015
Previdenza | I chiarimenti nella circolare Inps n. 91 del 6 maggio 2015.

 
 
Condividi la notizia

11 aprile 2015
Anac | Dal 10 maggio scatteranno i controlli su Ipab e Asp sull'osservanza delle regole in materia di trasparenza e prevenzione della corruzione.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2014
Emergenza alimentare | Allarme per l'aumento degli indigenti. Intervento extra gettito del Ministero delle Politiche Agricole. A livello europeo stanziati circa 400 milioni di euro fino al 2020.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.