Condividi la notizia

AGCM

Pratiche commerciali scorrette, sanzionati tre Istituti di credito per 11 mln di euro

L’Agenzia ha rilevato condotte aggressive sul calcolo degli interessi di debito a danno dei consumatori.

L’ Agenzia Garante della Concorrenza e del Mercato ha reso noto, tramite comunicato sul proprio sito istituzionale, che con la chiusura di tre procedimenti, sono stati sanzionati, per pratiche commerciali scorrette, tre istituti bancari, elencati di seguito:

-  UniCredit S.p.A. per di 5 milioni di euro;

-  Banca Nazionale del Lavoro S.p.A per 4 milioni di euro;

-  Intesa San Paolo S.p.A per 2 milioni di euro.

Il provvedimento dell’Autorità è scaturito a causa di condotte aggressive, da parte delle tre banche, in violazione degli articoli 24 e 25 del Codice del Consumo, aventi ad oggetto la pratica dell’anatocismo bancario, ossia il calcolo degli interessi sugli interessi a debito nei confronti dei consumatori.

Di seguito si riporta il testo integrale del comunicato:

“Tali condotte sono state poste in essere in un quadro normativo in evoluzione che attualmente ne consente l’applicazione solo ed esclusivamente per gli interessi che il cliente autorizzi preventivamente ad addebitare sul conto corrente. In tale contesto, ad esito dell’attività istruttoria è emerso che le banche hanno attuato una politica di forte spinta all’acquisizione delle autorizzazioni all’addebito in conto corrente nei confronti della clientela adottando varie strategie con le quali i clienti sono stati sollecitati a concedere l’autorizzazione, nel presupposto che l’addebito in conto corrente degli interessi debitori fosse il modus operandi ordinario e senza considerare le conseguenze di tale scelta in termini di conteggio degli interessi sugli interessi debitori.

Tale strategia è stata sostenuta da varie azioni finalizzate all’acquisizione delle autorizzazioni da parte della clientela che ancora non aveva effettuato la scelta, attraverso sollecitazioni e monitoraggio da parte della rete e delle funzioni/strutture interne coinvolte, sia sui canali fisici (posta e filiali), sia sull’internet banking. Ciò è avvenuto con l’uso di comunicazioni personalizzate precompilate, email e pop-up nella homepage delle aree clienti volti all’attivazione delle procedure di autorizzazione on line preventiva all’addebito in conto degli interessi debitori che non consentivano al consumatore di fornire il diniego espresso all’autorizzazione.

Le banche, nell’adottare tali politiche, hanno fatto attenzione nell’informativa fornita ai clienti a rilevare solo le possibili conseguenze negative in caso di mancata autorizzazione, evidenziando gli effetti in caso di mancato pagamento degli interessi in termini di interessi di mora e di segnalazione alle banche dati finanziarie e creditizie sui cattivi pagatori, e non accennando alle conseguenze dell’autorizzazione connesse con l’applicazione di interessi anatocistici.

L’Autorità ha dunque ritenuto scorrette le modalità utilizzate, tali, nell’insistenza e nella forma con cui sono state richieste le autorizzazioni, da condizionare indebitamente i consumatori e da far assumere loro decisioni che non avrebbero altrimenti preso in considerazione dell’applicazione, in caso di addebito degli interessi in conto, dell’anatocismo bancario.

Nel corso dell’istruttoria sono stati svolti accertamenti ispettivi con l’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.”

Per ulteriori informazioni clicca sui link di seguito:

-     Testo del Provvedimento PS10790 Unicredit

-     Testo del Provvedimento PS10791 Intesa

-     Testo del Provvedimento PS10792 BNL

 

Fonte: Agenzia Garante della Concorrenza e del Mercato, comunicato del 17 novembre 2017

Redazione

(20 novembre 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

6 maggio 2014
Inps | L'Agenzia delle Entrate ha fissato la misura degli interessi di mora.

 
 
Condividi la notizia

14 aprile 2014
Somme iscritte a ruolo | Con provvedimento del 10 aprile 2014 il Direttore dell'Agenzia delle Entrate ha disposto che a decorrere dal 1° maggio 2014, gli interessi di mora per ritardato pagamento delle somme iscritte a ruolo sono determinati nella misura del 5,14% in ragione annuale

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2014
Economia | Nuova inchiesta della procura di Trani: indagati anche il presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, in qualità di ex capo della Vigilanza di Bankitalia, e il ministro dell’Economia del governo Letta Fabrizio Saccomanni, ex dg di Bankitalia

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2015
Telefonia | L'Autorità Garante ha aperto procedimenti istruttori nei confronti di Fastweb, Vodafone, Telecom Italia, H3G e Sky Italia.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2017
TUTELA DEI CONSUMATORI | 900.000€€ di multa per aver chiesto una commissione da 1 a 4€ sulle modalità di pagamento delle fatture.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2015
Fisco | Dal 15 maggio ridotto il tasso d'interesse. Il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 30.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2015
Gazzetta Ufficiale | La Legge di stabilità 2015 ha istituito, nello stato di previsione del Ministero dell'Interno, un apposito fondo.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2017
AGCM | Atto di segnalazione congiunto AGCM-ANAC-ART a Regioni, Conferenza Unificata Stato-Regioni, MIT e MEF.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Appalti Pubblici | Cantone e Pitruzzella hanno sottoscritto un Protocollo d'Intesa sulle attività di contrasto alla corruzione e sui nuovi criteri per l’attribuzione del rating di legalità alle imprese.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
CRIMINALITA' ORGANIZZATA | La mappa degli affari "sporchi" illustrata dal ministro Alfano alla Commissione Affari costituzionali del Senato

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2015
Antitrust | Telecom, Wind,Vodafone e H3g non hanno ottemperato ai provvedimenti dell'Autorità sui 'servizi telefonici premium', continuando a non acquisire un consenso pienamente consapevole del consumatore.

 
 
Condividi la notizia

2 novembre 2017
Concorrenza | Modalità di offerta dell’'investimento ritenute gravemente ingannevoli e omissive, dal prezzo di vendita alle quotazioni di mercato.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2016
Finanza locale | Dal 1° al 31 marzo 2016 sarà disponibile la certificazione necessaria per i mutui assunti nel 2015 per spese di investimento.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2015
Tutela dei consumatori | AGCM, AEEGSI e IVASS insieme per una analisi sulle polizze abbinate alle forniture di energia ed acqua. Gli assicurati sono circa 2 milioni.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Lavoro | Scadenza per la presentazione delle domande 24 agosto 2017.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.