Condividi la notizia

CONSIGLIO DI STATO

Commissione di gara: nulla la nomina se il Presidente é un estraneo ai ruoli della stazione appaltante

Nomina illegittima se il Presidente ha un contratto di collaborazione con l'Ente.

Con bando pubblicato in data 12 ottobre 2018, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti indiceva una procedura aperta per l’affidamento - con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa - di lavori di realizzazione del nuovo istituto penitenziario di Forlì.

L’assegnazione del punteggio relativo alle offerte tecniche avveniva attraverso il metodo aggregativo compensatore con attribuzione a ciascun commissario di gara del potere di assegnare singolarmente i coefficienti, in ragione dei parametri valutativi stabiliti nel disciplinare.

La gara veniva aggiudicata ad un’Ati e la ditta seconda in graduatoria, impugnava tale aggiudicazione davanti al T.A.R. per l’Emilia-Romagna, che con sentenza resa in forma semplificata accoglieva il ricorso per il motivo dedotto in relazione all’assunta illegittimità della composizione della commissione giudicatrice. Invero la ricorrente aveva dedotto che il Presidente nominato non era un dirigente dell’Amministrazione appaltante, ma un esterno (già dipendente del Ministero ma poi collocato in pensione) legato da un rapporto di collaborazione.

L’Amministrazione aveva sostenuto che la nomina della commissione non sarebbe stata assoggettata alle regole di costituzione poste dall’art. 77 del D.L.vo n. 50 del 2016, operando ancora il regime transitorio previsto dall’articolo 216, comma 12, e dunque con applicazione dell’art. 84 del D.L.vo 163 del 2006, norma, peraltro, non avente cogenza assoluta e sostanzialmente derogabile. Inoltre, il soggetto scelto come presidente non sarebbe stato oggettivamente un “esterno”, perché titolare di un contratto di collaborazione con il Ministero della Giustizia.

La sentenza del TAR è stata fatta oggetto di appello al Consiglio di Stato, sia con riferimento al rigetto dell’eccezione preliminare di tardività della contestazione sulla nomina della commissione sia con riguardo al merito.

I giudici di secondo grado, V Sezione, con sentenza n. 3570 del 4 giugno 2019, hanno respinto il gravame.

Riguardo alla questione preliminare la Sezione ha ricordato che l’illegittima composizione della commissione non è suscettibile di immediata impugnazione, in quanto priva di autonomia lesiva, ma può essere contestata solo all'esito della gara. Invero, le censure avverso gli atti di gara devono essere formulate a valle dell’aggiudicazione, con cui si rende concreta la lesione alla sfera giuridica del concorrente, con eccezione delle clausole immediatamente escludenti e dei casi tassativamente enucleati dalla giurisprudenza (come ad esempio l’impossibilità assoluta di presentare una valida offerta), che non ricorrevano nella fattispecie.

Con riferimento alla seconda, dopo aver rilevato che nel caso di specie la differenza dei punteggi finali era dipesa proprio dai singoli giudizi dei commissari (ed in particolare di quello espresso dal Presidente) – da qui la prova che una commissione composta diversamente avrebbe potuto raggiungere esiti diversi – il Collegio ha confermato il convincimento espresso in prime cure secondo il quale lo stesso Presidente era un esterno ai ruoli della P.A..

Né a dirsi che potesse applicarsi una normativa diversa dal nuovo Codice dei contratti pubblici.

L’art. 216, comma 12, del D.L.vo n. 50 del 2016 prevede che: “Fino all’adozione della disciplina in materia di iscrizione all’albo di cui all’articolo 7, la commissione aggiudicatrice continua ad essere nominata dall’organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante”.

Inoltre, ai sensi della Circolare n. 21625 del 23 novembre 2016 adottata dal Ministero appellante, per le procedure da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa: “il Presidente è di norma il dirigente amministrativo o altro dirigente della Stazione Appaltante”. 

La previsione è, quindi, più restrittiva rispetto a quanto previsto dall’art. 84, comma 3, del Codice previgente, secondo cui: “la Commissione è presieduta di norma da un dirigente della stazione appaltante e, in caso di mancanza in organico, da un funzionario della stazione appaltante incaricato di funzioni apicali”, perché dispone che il dirigente amministrativo della stazione appaltante possa essere sostituito solo da un altro dirigente e non da un funzionario incaricato di funzioni apicali della stessa Amministrazione.

 

Rodolfo Murra

(12 giugno 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

8 settembre 2015
Appalti pubblici | Non sussiste alcun principio che imponga la contestualità delle motivazioni rispetto alle singole sedute, essendo sufficiente anche una valutazione finale.

 
 
Condividi la notizia

4 marzo 2015
Consiglio di Stato | Se il consulente non opera come mero supporto tecnico, ma svolge una attività di stima del valore complessivo delle offerte, si tratta di una non consentita “integrazione” del Collegio. I principi sanciti dalla Quarta Sezione nella sentenza del 4.3.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2018
TAR EMILIA | Il TAR ribadisce la legittimità della scelta, in vigore nel regime transitorio.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Corte dei Conti | Il trattamento retributivo previsto per il dipendente pubblico è l'unica forma di corrispettivo per la prestazione da questi resa a favore dell'ente di appartenenza.

 
 
Condividi la notizia

6 febbraio 2015
Commissione di gara | Il principio sancito nella sentenza della III Sezione del Consiglio di Stato del 6 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Contratti pubblici | Il rapporto tra la normativa generale in tema di accesso e quella particolare dettata in materia di contratti pubblici nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del 24 marzo 2014.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Appalti pubblici | Soddisfare l’'interesse pubblico alla trasparenza ed imparzialità nel rispetto dei principi di tutela della par condicio, nella sentenza del Consiglio di Stato del 5 dicembre 2014.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Composizione di commissioni di gara | Importanti principi stabiliti dal Consiglio di Stato sulle incompatibilita' dei componenti di commissioni di gara.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2018
Consiglio di Stato | Non sussiste una preclusione assoluta e di principio alla nomina.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2018
TAR BASILICATA | Secondo i giudici amministrativi vige l'obbligo di esperire procedure ad evidenza pubblica.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Riforma | C'è tanto da riscrivere a partire dal nome di battesimo. "I tempi stretti di redazione hanno comportato inevitabili refusi, incoerenze e difetti". I punti principali del parere 1 aprile 2016, n. 855.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Gare pubbliche | Il Consiglio di Stato assimila le concessioni agli appalti.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
Elemento fiduciario | L'esclusione ex art. 38 comma 1 lett. f) del Codice dei contratti nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Gare | La custodia tra una seduta e l'altra, l'individuazione del luogo, del responsabile e delle misure di conservazione nella sentenza della Terza Sezione del 23.7.2015 n. 3649.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.