Condividi la notizia

Una Politica di Rinascimento per Casamicciola

Fallimento di Bagnoli Futura o fallimento della finanza di progetto?

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, ha dichiarato che “Bagnoli è uno scandalo da cui da oggi rispondo io”.

Il fallimento di Bagnoli Futura – la più importante Società di Trasformazione Urbana, l'istituto previsto dall'art.120 del Testo Unico degli Enti Locali del 2000 per il recupero produttivo delle aree dismesse, di tutto il Mezzogiorno d'Italia - che in poco meno di 10 anni ha accumulato 59 milioni di debiti senza riuscire nello scopo di risanare e riconvertire l'ex-area industriale dell'Italsider che si estende per 120 ettari in un posto di grande interesse naturalistico, ripropone con drammatica attualità il problema  non solo della possibilità di attuare la Pianificazione Territoriale ma anche quello di utilizzare la cosiddetta “finanza di progetto”, cioè il concorso del capitale privato per la realizzazione e gestione di grandi strutture ed infrastrutture pubbliche oltre a ben utilizzare le risorse finanziarie pubbliche.

Ripropone anche la fattibilità o l'esercizio o l'utilizzazione da parte dell'amministratore comunale di norme  contenute nella legge ordinamentale dei Comuni per l'attuazione dei programmi urbanistici, economici e sociali di un Comune e quindi ripropone il modo stesso di fare Politica negli enti locali.

Sul recupero di Bagnoli sono stati scritti fiumi di inchiostro e sono stati investiti da parte dello Stato, della Regione Campania, della Provincia e del Comune di Napoli, milioni di euro senza raggiungere l'obiettivo della riqualificazione dell'area tanto che il Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, ha dichiarato che “Bagnoli è uno scandalo da cui da oggi rispondo io”. Quasi come una avocazione al Governo cioè al potere centrale di risolvere la questione che si trascina da ventitre anni e cioè dalla chiusura dell'Italsider e dal fallimento delle politiche di forzosa industrializzazione del Mezzogiorno.

La  STU (Società di Trasformazione Urbana) da parte del Comune di Napoli – comproprietario della società al cui capitale di rischio partecipa anche la Provincia di Napoli e la Regione Campania – fu vista come lo strumento giuridico e finanziario per recuperare l'area di Bagnoli.

La STU fu “importata” nella legislazione italiana dalle Leggi Bassanini del 1997 mutuando da qualcosa di similare dalla legge  francese. Era ed è una buona intuizione. Stabilisce la possibilità per i Comuni di costituire apposite società di capitali con soci privati per il recupero di aree dismesse che non sono state autonomamente recuperare dal libero mercato dei suoli e dei fabbricati. Queste aree dismesse – terreni, fabbricati, ex aziende industriali e sanitarie anche di proprietà di opere pie – possono essere cedute consensualmente alla costituita società di trasformazione urbana dai legittimi proprietari previo il pagamento delle indennità, però a prezzo di “dismissioni” e non di “esercizio”, o “tramite il potere di esproprio”. L'esproprio dell'area per la  realizzazione di un intervento di opera pubblica viene visto come extrema ratio per ottenere la “piena proprietà” degli immobili condizione necessaria ed inderogabile per raggiungere l'obiettivo del risanamento ambientale e della riutilizzazione produttiva.

Queste società hanno avuto buon successo in molti Comuni italiani – come Macerata, Ferrara, Bologna – quando gli interventi erano di accettabile misura ed erano assolutamente produttivi.

Nel caso di Bagnoli si tratta di una riqualificazione gigantesca di enorme impegno finanziario e soprattutto di dubbia redditività. Il capitale privato non ha mostrato interesse agli investimenti.

Si può trarre la conclusione che la STU funziona solo per interventi strutturali ed infrastrutturali in aree economicamente mature o in perdita di sviluppo ma non può funzionare se rappresenta una “cattedrale nel deserto” senza alcuna prospettiva di redditività economica per gli investimenti e di rilancio complessivo di tutto il sistema locale di sviluppo delimitato dalla dimensione del Comune stesso.

Da oltre 16 anni vado proponendo questo strumento per l'area in perdita di sviluppo di Casamicciola nell'isola d'Ischia non solo per il fondamentale recupero del complesso del Pio Monte della Misericordia che ha una superficie coperta di 55mila mc. su di un'area di 24 mila mq. e che è al centro di  una complicatissima vicenda giuridico-giudiziaria che si trascina da quaranta anni senza trovare una soluzione con i mezzi legali del Diritto Civile. Ma anche per recuperare produttivamente il bacino termale di La Rita dove esistevano fino a qualche anno fa almeno 7 stabilimenti termali oggi dismessi ed in abbandono ma di proprietà privata.

Il Comitato Colibrì costituito da studiosi locali per iniziativa dell'OSIS e la cui presidenza è affidata all'arch. Caterina Iacono, promotrice nel 2012 dell'appello nei Luoghi del cuore del FAI, da oltre due anni ha presentato un progetto di fattibilità giuridica ed economica per 16 interventi strutturali ed infrastrutturali per recuperare almeno 100mila mc. di superficie coperta, dotare il Comune di parcheggi e di aree verdi, dare un ruolo all'ex-Capricho de Calise in Piazza della Marina, realizzare e gestire un Museo Civico di Storia Moderna dell'isola d'Ischia, un sistema portuale costituito da tre approdi di cui due turistici, e con una richiesta di finanziamento nell'ambito dei fondi europei 2014-2020 di almeno 100 milioni di euro e con assoluta trasparenza attuando metodologicamente  lo strumento della “conferenza dei servizi” prevista dalla legge 241/90 e successive  modifiche. Abbiamo tenuto convegni e meeting per illustrare alla pubblica opinione il progetto che abbiamo chiamato “I Percorsi delle Therme” perché  è anche una progettualità che si direbbe di “marketing territoriale” (ricerca di investitori italiani ed esteri) o di “finanza di progetto ( PPP Partenariato Pubblico Privato)” per la “Coesione Economica e Sociale dell'Isola d'Ischia” dove sei Comuni non hanno più senso e produttività e ragione economica e sociale.

Se una simile STU viene inquadrata nell'ottica di attuazione della Pianificazione Territoriale e della Programmazione Economica, che pur viene chiesta e richiamata sia nel testo unico degli enti locali sia negli stessi Statuti, simboli della ottenuta potestà regolamentaria dei Comuni, allora può avere speranza il ritorno della Politica (con P in maiuscolo) nei nostri Comuni dopo un ventennio di sfrenato liberismo economico e di una complicatissima riforma della Pubblica Amministrazione eternamente in itinere con passi in avanti e cento indietro come sta emergendo al corso di formazione per i dipendenti comunali, “Il funzionario comunale nella riforma della pubblica amministrazione”, che stiamo tenendo nell'isola d'Ischia per iniziativa dell'Università Telematica “Pegaso”, del quotidiano “Il Golfo” e dell'Ente Morale ANSI.

Si tratta di riprendere in mano, da parte delle classi dirigenti dei Comuni, la conduzione dello sviluppo locale attraverso la Politica di Programmazione Economica vista come necessario intervento pubblico – anche per l'utilizzazione dei fondi europei del piano 2014-2020 - non per distruggere l'economia di mercato (smettiamola di chiamare “comunista” ogni proposta di razionalizzazione del capitalismo!) ma per  consolidarla e dare un senso sociale all'economico anche ai fini dell'occupazione soprattutto giovanile.

Insomma: un ritorno al Diritto Pubblico per l'Amministratore Pubblico ed alla Programmazione Economica ed alla possibile Pianificazione Territoriale.

Giuseppe Mazzella

(7 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 agosto 2015
Infrastrutture | L'obiettivo è consentire agli Enti Locali di utilizzare le economie derivanti dai ribassi d'asta per ulteriori opere di edilizia scolastica. C'è tempo fino al 14 settembre.

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2015
Lineaamica | Approvati i modelli unici semplificati per la comunicazione di inizio lavori (CIL) e la comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA) per gli interventi di edilizia libera.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2014
Edilizia scolastica | Renzi scrive ai Sindaci: "soluzioni personalizzate per ogni Comune".

 
 
Condividi la notizia

27 maggio 2014
Economia | Stabilità e fiducia nell'operato del Governo Renzi emerse dal voto delle Europee rilanciano i mercati. Lo spread cala e vola la borsa di Milano

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2014
Governo Renzi | Missione strategica per il premier Renzi in estremo oriente e Kazakhstan. Temi politici ed economici al centro del viaggio.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2014
Lotta all'evasione | Per coprire il bonus di 80 euro previsto dal decreto Renzi il governo elabora un piano di recupero di 2 miliardi di euro dal contrasto dell'evasione fiscale

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Unione Europea in tempi di cambiamento | Il Governo Renzi ha consegnato un documento indicando le sue priorita' al Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che sta preparando il "programma" della nuova Commissione UE

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Nuove Tasse | Intervistato da Repubblica Renzi nega la necessità di una manovra correttiva e soprattutto l'ipotesi di un innalzamento dell'imposizione fiscale.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2014
Ballarò | La spending review applicata alla RAI? Un modo per amplificare la concorrenza di Mediaset per Floris, un atto di equità secondo Renzi.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Riforme | Nel suo intervento alla Direzione del PD Matteo Renzi ha stigmatizzato il comportamento dei senatori che hanno "messo sotto" il Governo a scrutinio segreto

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Presidenza del Consiglio dei Ministri | Tre interventi: scuole belle, scuole sicure, scuole nuove. Quattro milioni di studenti e una scuola italiana su due saranno protagonisti di questo primo progetto.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2014
Expo | Intervenendo da Shanghai il premier Renzi ribadisce la necessità di guardare a Expo come un obiettivo strategico, al di là degli scandali e ai timori di Maroni sulla tempistica di realizzazione.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Expo 2015 | Trasparenza assoluta per l'’Esposizione Universale 2015 con il sito che mette online lo stato dei lavori dell'’evento. Renzi: il portale di Expo sarà il modello per la digitalizzazione della Pa”.

 
 
Condividi la notizia

5 febbraio 2017
Inps | La circolare n. 23/2017 con le indicazioni operative.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Spending Review | Dopo lo sfogo di Cottarelli che denunciava spese non controbilanciate da reali risparmi il premier Renzi chiarisce che la spending review si farà anche senza il commissario.

 
 
 
Logo Gazzetta Amministrativa

Il Quotidiano Giuridico

notizie correlate

 
Loading
Caricamento correlati in corso
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.