Condividi la notizia

Favoritismi fiscali

Il Presidente della Commissione UE va alla guerra contro Renzi, ma inciampa sullo scandalo "LuxLeaks"

Juncker, nella foto con Renzi e Van Rompuy, quando era Premier del Lussemburgo aveva concesso favori fiscali a centinaia di multinazionali e societa' estere.

Non si può certo dire che abbia portato bene al Presidente della Commissione dell’Unione Europea, il lussemburghese Jean-Claude Juncker, l’idea di reagire con insolita durezza alle legittime proteste del nostro Premier contro l’eccessiva burocratizzazione della UE. L’ex Primo Ministro del Granducato si era inalberato dopo una domanda fatta da un tedesco sulle dichiarazioni rilasciate da Matteo Renzi.

La posizione assunta da Juncker ha sorpreso non poco anche chi lo conosce da vari decenni, perché il politico lussemburghese, arrivato ai vertici dell’Unione grazie all’appoggio di Angela Merkel, rappresenta il perfetto prototipo (escludendo Prodi) dei vari presidenti della Commissione che si sono succeduti negli ultimi decenni, scelti quasi sempre fra i rappresentanti di Paesi non particolarmente importanti, né politicamente, né economicamente.

I popolari tedeschi posseggono da oltre mezzo secolo il controllo del pacchetto di maggioranza del Partito Popolare Europeo (PPE), prima formazione politica del continente, ed hanno sempre fatto la scelta di puntare su piccoli leader di piccoli Paesi, fedelissimi prima a Bonn ed ora a Berlino. Classici esempi di questo tipo di scelta sono sia l’ex Presidente della Commissione, il portoghese Manuel Barroso, sia l’attuale, Jean-Claude Juncker; ma lo era anche l’ex Presidente dell’Eurogruppo, il belga Herman van Rompuy.

Questi stagionatissini ed espertissimi esponenti del PPE, hanno tutti la comune caratteristica di essere considerati fedelissimi del leader della CSU-CDU di turno (i democristiani tedeschi, in pratica) e di non avere un grande peso specifico sul piano del potere politico personale a livello continentale. In questo modo, probabilmente, risulta molto più facile “controllarli” politicamente.

La cosa strana, è che un esponente di questo tipo di “politico vecchio stampo”, come è appunto Juncker, abituato alle riunioni dove tutto è già deciso dai leader di riferimento e dove non si alza mai la voce, abbia scelto all’improvviso di sfidare Matteo Renzi sul piano della “comunicazione” e  della trasparenza, appellandosi addirittura ad una presunta legittimazione popolare (per la verità, nei fatti, assolutamente inesistente) che lo metterebbe, a suo parere, sullo stesso piano dei primi ministri dei vari Paesi membri.

Tesi alquanto suggestiva, ma priva di qualunque riscontro sul piano delle procedure e della regole europee, anche dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, che raccomanda di scegliere il Presidente della Commissione tra gli esponenti del partito che ha avuto più suffragi. E’ di tutta evidenza, infatti, che questa è cosa ben diversa da una “legittimazione popolare” vera e propria.

Ad ogni buon conto, dopo questo sorprendete sussulto di orgoglio, neanche a farlo apposta, il politico lussemburghese arrivato da pochi giorni al vertice della UE, è stato letteralmente travolto dalle polemiche scoppiate in tutto il mondo per la c.d. vicenda “Luxleaks”, che riguarda tutta una serie di favoritismi fiscali concessi a circa 300 multinazionali e società straniere, quando Juncker era Premier del Granducato  (e lo è stato per ben 18 anni).

E’ scoppiato il finimondo, perché se questa concessione può dirsi formalmente legittima, dato che ogni Paese membro assume liberamente le decisioni in materia fiscale, questo fatto appare assolutamente intollerabile se compiuto da chi ora rappresenta -come Presidente della Commissione UE- anche i Paesi che da quelle decisioni sono stati pesantemente penalizzati, trattandosi nella sostanza di una sorta di vera e propria “concorrenza sleale”, avendo agevolato una grande elusione fiscale ai loro danni.

Oltre a questo, occorre aggiungere anche la mancanza di credibilità per chi guida un processo che, in un futuro che secondo alcuni (ad esempio, Eugenio Scalfari) dovrebbe essere il più vicino possibile, si dovrebbe concretizzare in una “Federazione degli Stati Uniti d’Europa”, con ulteriore perdita di sovranità per ogni singolo Paese membro.

Parliamoci chiaro : il protagonista di tutta una serie di scelte discutibilissime che hanno favorito multinazionali e società, danneggiando vari Stati dell’Unione che hanno una tassazione molto più alta, può seriamente pensare di guidare il cammino verso una più intensa integrazione tra i Paesi membri dell’Unione Europea? Sembrerebbero assolutamente legittimi i dubbi in proposito.

C’è da dire, per amor del vero, che l’ex Presidente della Commissione UE tra il 1999 ed il 2004, Romano Prodi, in una sua intervista rilasciata nei mesi scorsi e riportata sul Quotidiano della P.A. in un articolo pubblicato il 14 luglio scorso (dal titolo “Jean-Claude Juncker verso la Presidenza della Commissione Europea”) aveva esplicitato in maniera evidentissima il suo pensiero sul politico del Granducato.

L’ex Presidente del Consiglio italiano, in quell’occasione aveva letteralmente dichiarato in riferimento a Juncker: “ricordo certe sue accanite battaglie per difendere gli interessi lussemburghesi sul segreto bancario e su alcune pratiche finanziarie che non mi erano piaciute”. Più chiaro di così!

Ha ragione il nostro Presidente della Repubblica quando invita tutti a credere di più nell’integrazione europea; ma se i rappresentanti delle Istituzioni dell’Unione si comportano in questo modo, non aiutano certamente a creare e a consolidare una cultura sulla quale si dovrebbe fondare una futura “Federazione degli Stati Uniti d’Europa”.

 

 

Moreno Morando

(8 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 aprile 2016
Governo | Il contributo e la lettera del Presidente Renzi inviati a Jean-Claude Juncker e Donald Tusk.

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2014
Unione Europea | Il Parlamento di Strasburgo ratifichera'la sua indicazione da parte del Consiglio Europeo, proprio mentre il Financial Times lo attacca pesantemente sottolineando come, durante i suoi 18 anni alla guida del Governo lussemburghese, il Granducato sia diventato il piu' grande paradiso fiscale d'Europa"

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Unione Europea | Ora l'attenzione si sposta sulle altre nomine : Renzi insiste sulla Mogherini agli "Affari Esteri" dell'Unione, nonostante l'opposizione di 10-11 Paesi, che la ritengono "troppo vicina alla Russia di Vladimir Putin".

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Unione Europea in tempi di cambiamento | Il Governo Renzi ha consegnato un documento indicando le sue priorita' al Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che sta preparando il "programma" della nuova Commissione UE

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
UE: via libera a Juncker | Chiarimento tra il Premier italiano ed Angela Merkel dopo il duro confronto del primo giorno di vertice. Juncker designato a maggioranza alla Presidenza della Commissione Europea, con il voto contrario del britannico David Cameron.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2014
Vertice UE | Prima dell'incontro ufficiale dei Capi di Stato e di Governo dell'Unione Europea in corso in Belgio, si sono confrontati con asprezza il leader italiano e quello tedesco, portatori di due idee diverse di Europa

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
Unione Europea | Il vertice straordinario del Consiglio Europeo per dirimere l'intricata questione delle nomine e' fallito. Tutto rinviato a fine agosto .

 
 
Condividi la notizia

8 novembre 2014
Ufficio europeo di selezione del personale | I concorsi per lavorare nelle agenzie dell'Unione Europea mirano alla copertura di vari posti, con contratto permanente. Nell'articolo le posizioni ricercate.

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2014
Tra UE e legge elettorale | Nel vertice con il leader di Forza Italia, all'ordine del giorno la Consulta e la legge elettorale, ferma al Senato da sette mesi.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
DIRETTIVA COMUNITARIA | I nuovi strumenti normativi europei imposti agli Stati membri per prevenire e contrastare il riciclaggio ed il terrorismo.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2014
Beni Culturali | Il Ministro Franceschini ha presentato il piano d'azione per l'accelerazione del "Grande Progetto Pompei".

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Presidenza Commissione UE | Il presidente del FMI potrebbe essere il candidato a sorpresa - gradito alla Germania - alla presidenza della Commissione.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Presidenza UE italiana | Nel suo discorso di inaugurazione del semestre di Presidenza italiana della UE davanti all'Europarlamento, il nostro Premier ha toccato con forza il tema della flessibilita' e della crescita, provocando la dura reazione del capogruppo del PPE, il tedesco Manfred Weber

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2014
Semestre Unione Europea | Giovedì prossimo verrà presentata la moneta celebrativa della presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea, a presenziare l'evento il ministro Padoan.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2014
Agenzia Italiana del Farmaco | Contrastare in modo efficace la produzione e il traffico di farmaci contraffatti con interventi mirati nei Paesi a rischio nelprogetto AIFA finanziato dall’Unione Europea

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.