Condividi la notizia

Effetti della crisi sulle famiglie

Meno acquisti, meno investimenti e piu' risparmi

Secondo la Cgia di Mestre le famiglie sono indebitate per un importo medio di 19.251 euro, ma con la crisi hanno privilegiato il risparmio

Secondo una ricerca dell’Ufficio Studi della Cgia di Mestre riferita al 2013, di cui dà notizia Adnkronos, ogni famiglia italiana è mediamente indebitata con le banche o gli istituti creditizi per una somma di 19.251 euro. Il passivo totale ammonta a 496,5 miliardi di euro.

La Cgia specifica che dall’inizio della crisi, cioè dal 2007, il debito medio nazionale delle famiglie è aumentato del 35,1%, anche se dal 2011 si è poi registrato un calo. Da segnalare, ricorda sempre Adnkronos, che l’inflazione in questo periodo (2007-20013) è aumentata del 13,4%.

Le esposizioni più alte vengono segnalate in Lombardia, dove ad esempio nella provincia di Monza-Brianza il debito medio è di 27.544 euro. Al contrario, il debito medio più basso si registra ad Enna, con 8.371 euro.

La Cgia precisa che per indebitamento medio delle famiglie si intende “quello originato dall’accensione di mutui per l’acquisto di una abitazione, dai prestiti per l’acquisto di un’auto-moto e in generale di beni mobili, dal credito al consumo, dai finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili”.

Giuseppe Bortolussi, della Cgia di Mestre, ha precisato cha la crisi economica ha determinato un minore indebitamento, privilegiando il risparmio; tanto che tra il 2011 ed il 2013 “i depositi delle famiglie consumatrici sono aumentati in media del 12% a livello nazionale”. Questo per Bortolussi dipende dalla paura che la situazione generale peggiori, determinando conseguentemente “meno acquisti, meno investimenti e più risparmi”.

Da ultimo, la Cgia sottolinea che in Italia esiste anche “un ampio mercato del prestito informale che non transita per i canali ufficiali. Vista la forte contrazione degli impegni bancari avvenuta in questi ultimi anni”, ha concluso Bortolussi, “non è da escludere che questo fenomeno sia in espansione, con il pericolo che la piaga dell’usura assuma dimensioni preoccupanti”.

Del resto, non bisogna mai dimenticare che nonostante gli interventi e le decisioni assunte negli ultimi mesi dalla Bce presieduta da Mario Draghi, con il perentorio “invito” alla banche dell’eurozona ad erogare credito alle imprese e -per quello che interessa in questa sede-, alle famiglie; i risultati sotto questo aspetto sono stati particolarmente deludenti.

Basti pensare che in occasione dell’abbassamento ulteriore del tasso di sconto, la Bce era stata costretta a ricorrere ad una sorta di “contromisura punitiva”, per evitare che le banche prendessero i soldi da Francoforte e poi, invece di aumentare il credito a famiglie ed imprese, comprassero titoli di Stato; come è in effetti accaduto l’anno scorso.

Non è da escludere, pertanto, che il ricorso a quello che Bortolussi chiama molto diplomaticamente “credito informale”, sia dovuto anche al rifiuto degli Istituti bancari di allargare i cordoni della borsa.

 

 

Moreno Morando

(14 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 agosto 2014
Economia reale | Si tratta del Tltro, un credito agevolato alle banche a condizione che i soldi siano "girati" alle imprese. In Italia arriveranno 52 miliardi

 
 
Condividi la notizia

27 settembre 2014
Crisi delle Pmi | Lo stock di prestiti alle piccole imprese e' diminuito di 103 miliardi di euro rispetto al novembre del 2011

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2014
Economia | Mario Draghi annuncia nuove misure per contrastare la deflazione in Europa. Scende allo 0,15% il tasso principale della BCE. In cantiere nuove aste di liquidità a lungo termine e operazioni per il rilancio del credito bancario.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2014
Gruppi di acquisto solidale | Se le risorse diminuiscono si e' costretti a sfruttarle nella maniera migliore possibile, organizzandosi in gruppi per comprare al prezzo migliore.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2014
Economia | Pubblicati i dati dell'Abi sul credito bancario. In crescita i mutui, ma non si arresta l'aumento delle sofferenze.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Crisi aziendali | Lo studio sulle saracinesche chiuse per fallimenti aziendali. Default aziendali +14% nel mezzogiorno e isole. Centro e al nord-est incrementi rispettivamente del 10,4 e 10,7%.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Il Dipartimento del Tesoro per la prevenzione dell'usura ha recuperato e messo a disposizione le risorse delle sanzioni antiriciclaggio per la concessione di garanzie per l’accesso al credito.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2016
Ministero Interno | Il portale nazionale https://antiracketusura.interno.gov.it permetterà di velocizzare il riconoscimento dei benefici economici alle vittime di estorsione ed usura.

 
 
Condividi la notizia

14 aprile 2015
Previdenza | Attivo un nuovo servizio per banche ed istituti di credito aderenti all'Accordo Quadro.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
Governo-Banca d'Italia | Pubblicato in Gazzetta il Decreto Legge n. 183 del 2015 approvato per risolvere la situazione di Banca Marche, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, CariChieti e Cassa di Risparmio di Ferrara.

 
 
Condividi la notizia

15 aprile 2014
Sanità | Asl, aziende ospedaliere, centrali di committenza, e le altre amministrazioni interessate devono utilizzare una formula specifica per calcolare il risparmio di spesa annuo.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2015
Mercato bancario | Il comunicato del MEF sulle procedure di risoluzione di quattro banche.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2015
Tribunale UE | Il danno patito nel 2012 dai detentori di titoli di credito greci nel quadro della ristrutturazione del debito pubblico dello Stato ellenico non è imputabile alla Banca Centrale Europea.

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2014
Avvenimenti del fine settimana | Tre giorni passati tra il Consiglio Europeo, la Legge di Stabilita', lo "stress test" della Bce sulle banche europee, in attesa della testimonianza di Napolitano in Corte d'Assise ed, infine, la riapertura della "Domus Aurea".

 
 
Condividi la notizia

27 luglio 2014
Riforme | Secondo tutti gli istituti di ricerca che si sono pronunciati negli ultimi giorni, la preoccupazione principale e' la disoccupazione e la crisi economica, non la riforma del Senato

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.