Condividi la notizia

Reato di diffamazione

Pubblica su Facebook di essere stato "defenestrato" a causa di un "raccomandato"

Per la Suprema Corte e' reato l'insulto rivolto a persona non individuata ma individuabile.

Con sentenza del 21.2.2012 il Tribunale militare di Roma condannava un maresciallo capo della Guardia di Finanza alla pena di tre mesi di reclusione militare per il reato di diffamazione pluriaggravata perché, nella qualità di maresciallo capo, pubblicava sul social network “facebook” la frase “….attualmente defenestrato a causa dell’arrivo di collega sommamente raccomandato e leccaculo…ma me ne fotto..per vendetta appena ho due minuti gli trombo la moglie”, offendendo in tal modo la reputazione del suo collega, designato in sostituzione al comando della compagnia di loro appartenenza.

La Corte militare di appello in data 28.11.2012, riformando la predetta sentenza, assolveva il maresciallo per insussistenza del fatto, affermando che “ la identificazione della persona offesa risultava possibile soltanto da parte di una ristretta cerchia di soggetti , non avendo l’imputato indicato il nome del suo successore, né la funzione di comando in cui era stato sostituito, né alcun riferimento cronologico". Pertanto secondo la Corte militare di appello “manca la prova che l’imputato abbia intenzionalmente comunicato con più persone in grado di individuare in modo univoco il destinatario delle espressioni diffamatorie”.

Contro questa sentenza ha promosso ricorso in Cassazione il Procuratore generale presso la Corte militare di appello denunciando la violazione di legge ed il vizio della motivazione rilevando che “l’offesa alla reputazione rilevante ai fini della diffamazione prescinde dalle conseguenze che possono derivare o siano in concreto derivate all’interessato. Ciò che rileva, quindi, è soltanto l’uso di frasi offensive e la circostanza che, come affermato dalla giurisprudenza, la pubblicazione su internet di per sé ne abbia determinato la conoscenza da parte di più persone, a nulla rilevando se in concreto siano state lette”.

La motivazione della sentenza impugnata, per il Procuratore generale, è, pertanto, “illogica e contraddittoria rispetto a quanto affermato dalla stessa Corte di appello in ordine alla natura di mezzo di pubblicità del social network cui ha accesso con la sola registrazione una molteplicità di soggetti indeterminati e non può essere desunta la prova contraria dalle dichiarazioni dei testimoni della difesa”

Inoltre, “rilevante deve ritenersi l’avverbio usato, che indiscutibilmente si riferisce al presente e che, quindi, contraddice quanto affermato dalla Corte di appello in ordine alla mancanza di indicazioni cronologiche. Ulteriore elemento di identificazione è la qualificazione di evidentemente di pari grado, stante l’avvenuta per sua causa, ed ”.

“Evidenzia, quindi, il ricorrente che l’affermazione che la identificazione certa dell’offeso fosse limitata ad un gruppo ristretto di persone costituito da quello in possesso di notizie ulteriori, è irrilevante e superflua”.

La Corte di Cassazione con la sentenza numero 22 del 16 aprile 2014 ha affermato che “il ricorso del Procuratore generale è fondato” poiché “il discorso giustificativo con il quale la Corte di appello ha sostenuto che la individuazione univoca del militare tacciato di essere fosse possibile soltanto da parte di una ristretta cerchia di soggetti rispetto alla generalità degli utenti del social network, ed, in particolare, soltanto dei militari appartenenti alla compagnia della Guardia di finanza in questione, appare contraddittorio” in quanto gli stessi giudici di secondo grado hanno affermato la sussistenza dell’aggravante dell’utilizzo del mezzo di pubblicità, tenendo conto che la pubblicazione della frase sul profilo del social network rende la stessa accessibile ad una moltitudine indeterminata di soggetti.

Inoltre, “affermare che l’imputato non ha indicato il nome del suo successore, né la funzione di comando in cui era stato sostituito, né alcun riferimento cronologico non sembra tenere conto adeguatamente dell’avverbio , che all’evidenza si riferisce al presente, né della qualificazione di collegata al termine ”.

La Corte di Cassazione ricorda poi, che, ai fini della integrazione del reato di diffamazione, è sufficiente che il soggetto la cui reputazione è lesa sia individuabile da parte di un numero limitato di persone indipendentemente dalla indicazione nominativa. Inoltre, “il reato di diffamazione non richiede il dolo specifico, essendo sufficiente, ai fini della sussistenza dell’elemento soggettivo della fattispecie la consapevolezza di pronunciare una frase lesiva dell’altrui reputazione e la volontà che la frase venga a conoscenza di più persone, anche soltanto due. Ed ai fini di detta valutazione non può non tenersi conto dell’utilizzazione del social network -come la stessa Corte di appello ha evidenziato-  a nulla rilevando che non si tratti di strumento finalizzato a contatti istituzionali tra appartenenti alla Guardia di finanza, né la circostanza che in concreto la frase sia stata letta soltanto da una persona”.

La Corte di Cassazione ha, pertanto, annullato la sentenza con rinvio ad un’altra sezione della Corte militare di Appello che dovrà rivalutare la sussistenza dell'elemento soggettivo e oggettivo del reato sulla base dei criteri sopra evidenziati.

Claudia De Vincenzi

(23 aprile 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Corruzione | Dopo l'arresto del generale in pensione Spaziante nell'ambito dell'inchiesta sul Mose la Procura di Napoli ordina l'arresto del comandante di Livorno Mendella

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2016
Corte di Cassazione | Nel linguaggio comune la frase è sinonimo di persona eccentrica ovvero irascibile. La sentenza n. 21021/2016.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Diritto di satira | Assolto il condomino che distribuiva volantini con la caricatura in Pinocchio dell'amministratore condominiale. La sentenza della Corte di Cassazione n. 41785 del 5.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Lotta all'evasione | Rinnovata la convenzione tra Equitalia e fiamme gialle. Accertamenti per debiti erariali sopra i 100.000 euro

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Offesa all'onore di consiglieri comunali. La scriminante dell'esercizio del diritto di critica politica. La sentenza della Suprema Corte del 10.2.2017.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2014
Giochi e Scommesse | Parte l'operazione di contrasto all'illegalità. Quasi un terzo degli esercizi controllati risulta irregolare.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.