Condividi la notizia

Diritto di satira

Volantini contro l'amministratore "Pinocchio"

Assolto il condomino che distribuiva volantini con la caricatura in Pinocchio dell'amministratore condominiale. La sentenza della Corte di Cassazione n. 41785 del 5.10.2016.

La Pulce e il Prof Locandina
Ascolta La Pulce e il Prof sull'argomento
La Satira del Pinocchio Amministratore - Puntata 25 - II Stagione
 
Era stato condannato per i delitti di cui agli artt 594 e 595 del codice penale, avvenuti in ambito condominiale, avendo il giudice riconosciuto la natura ingiuriosa e diffamatoria dei volantini realizzati dall'imputato con i quali criticava l'amministratore per degli errori riguardanti alcune presunte detrazioni fiscali pertinenti le spese per il parcheggio.
 
In particolare nel volantino, tra l'altro, il "simpatico" condomino aveva inserito una vignetta in cui l'amministratore era rappresentato come un personaggio con naso allungato e con un cartello appeso al collo con la scritta Pinocchiopoulos.
 
La Corte di Cassazione Penale, Sezione Quinta con sentenza n. 41785 del 5.10.2016 ha annullato la sentenza di condanna perché i fatti non costituiscono reato precisando, con riferimento alla vignetta, come l'immagine di Pinocchio, giudicata diffamante, sia inquadrabile nel diritto di satira.
 
A tal fine la Corte ha richiamato la giurisprudenza a tenore della quale in tema di diffamazione a mezzo stampa, sussiste l'esimente del diritto di critica, quando le espressioni utilizzate, pur se veicolate nella forma scherzosa e ironica propria della satira, consistano in un'argomentazione che esplicita le ragioni di un giudizio negativo collegato agli specifici fatti riferiti e non si risolve in un'aggressione gratuita alla sfera morale altrui. Ai fini del riconoscimento dell'esimente prevista dall'art. 51 cod. pen., in base alla giurisprudenza, qualora l'articolo contenga una critica formulata con modalità proprie della satira, il giudice, nell'apprezzare il requisito della continenza, deve tener conto del linguaggio essenzialmente simbolico e paradossale dello scritto satirico, rispetto al quale non si può applicare il metro consueto di correttezza dell'espressione, restando, comunque, fermo il limite del rispetto dei valori fondamentali, che devono ritenersi superati quando la persona pubblica, oltre che al ludibrio della sua immagine, sia esposta al disprezzo. 
 
Alla luce dei suindicati principi, la Corte ha ritenuto che nella vicenda in esame l'uso della figura di Pinocchio, personaggio della cultura letteraria universale, noto per le sue bugie - invero tanto grandi da risultare innocue per tutti se non per lo stesso autore - non risulta in sè dispregiativo, nè la vignetta è caratterizzata da tratti volgari.
 
Precisa la Cassazione che nel contesto comunicativo ritenuto provato il suo riconoscibile significato simbolico negativo appare riferito all'inaffidabilità dimostrata dall'amministratore nella suddetta specifica questione fiscale e non rivolto al discredito gratuito della sua persona.
 
Infine "gli argomenti suscitati nei documenti ritenuti diffamatori rivestivano un oggettivo interesse per i condomini cui erano rivolti, essendo collegati alla ipotizzata possibilità - da parte dell'amministratore - che questi detraessero fiscalmente una quota delle spese sostenute per il parcheggio." Nel giudizio tale possibilità di detrazione è risultata smentita risultando, pertanto, veritiera, nel caso specifico, la censura di ignoranza della legge fiscale mossa nei confronti dell'amministratore tramite i materiali oggetto del processo e giudicati offensivi. 
 
In questa vicenda, quindi, la Corte ha ritenuto che il condomino abbia legittimamente esercitato il proprio diritto di critica con conseguente applicazione dell'esimente prevista dall'art. 51 del codice penale.
 
Fonte: 
Corte di Cassazione Penale Sent. Sez. 5   Num. 41785  Anno 2016
Presidente: PALLA 
Data Udienza: 27/05/2016 pubblicata il 5.10.2016

 Enrico Michetti

La Direzione

(6 ottobre 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Offesa all'onore di consiglieri comunali. La scriminante dell'esercizio del diritto di critica politica. La sentenza della Suprema Corte del 10.2.2017.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Quinta Sezione della Suprema Corte n. 35019 del 18 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Licenziamento ritorsivo. La diffusione sul web. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2016
Diffamazione | La sentenza della Cassazione n. 32791 del 27 luglio 2016 sulle problematiche derivanti dall'utilizzo dei Social e sulla dichiarazione di non doversi procedere in caso di condotta riparatoria.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quinta Sezione nella sentenza n. 42337 del 6.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 36866 del 6.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di cassazione | Il reato è consumato anche se la vittima agisce come agente provocatore. La sentenza del 20 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2016
Depenalizzazione | La sentenza della Suprema Corte n. 36867 del 6.9.2016. I presupposti per l'applicazione dell'illecito amministrativo anche alle pregresse violazioni.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.