Condividi la notizia

PREVENZIONE

Contagio da Hiv e Aids, diagnosi sempre più tardive: non si deve abbassare la guardia

Innalzamento dell’età delle nuove diagnosi e quando sono già in fase avanzata. La prevenzione prima di tutto, il messaggio del ministro e le iniziative in occasione della Giornata mondiale di lotta all'Aids.

Nel mondo ci convivono circa 35 milioni di persone, una piaga che si contrasta con la prevenzione e sulla quale la medicina ha sviluppato terapie che offrono aspettative di vita impensabili rispetto a quelle di qualche decennio fa.

Secondo i dati del Centro operativo Aids dell'Istituto superiore di sanità (Iss) in Italia, il fenomeno del contagio da Hiv non sembra in diminuzione. E’ costante e si attesta sulle 3.806 nuove diagnosi ogni anno.

Aumenta l’età media che è 39 anni per i maschi e 36 per le femmine e – si legge sul sito del Ministero della Salute - più della metà delle nuove diagnosi avviene in fase avanzata quando i linfociti CD4 sono già bassi o quando sono già comparsi i primi sintomi.

Aumentano in Italia le diagnosi nei maschi che fanno sesso con maschi, questi costituiscono quasi la metà delle nuove diagnosi, mentre tra gli stranieri è quella eterosessuale la modalità di trasmissione più frequente.

Stabile ancora il numero dei casi di AIDS, che nel 2013 sono stati 1.016. Le persone che hanno scoperto di essere Hiv positive nel 2013 sono maschi nel 72,2% dei casi. L’incidenza più alta è stata osservata tra le persone di 25-29 anni (15,6 nuovi casi ogni 100.000 residenti).

Nel 2013, la maggioranza delle nuove diagnosi di Hiv  è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, che costituiscono l’83,9% di tutte le segnalazioni (maschi eterosessuali 26,00% e femmine eterosessuali 18,5% MSM 39,4%). Nel 2013, il 24% delle persone diagnosticate come Hiv positive è di nazionalità straniera. Le incidenze più elevate tra stranieri sono state osservate in Lazio, Campania, Sicilia e Sardegna. Nel 2013, il 41,9% delle persone con una nuova diagnosi di Hiv ha eseguito il test per la presenza di sintomi Hiv-correlati, il 27,6% in seguito a un comportamento a rischio non specificato e il 15,1% per controlli specialistici legati alla riproduzione sia nella donna che nel partner (gravidanza, parto, interruzione volontaria della gravidanza e procreazione medicalmente assistita). Nel 2013, le regioni con l’incidenza più alta sono state il Lazio, la Lombardia e il Piemonte. L’incidenza più bassa è stata osservata in Calabria. Nella maggior parte delle regioni l’incidenza delle nuove diagnosi di infezione da Hiv sembra avere un andamento stabile, anche se in alcune (Piemonte, Toscana, Abruzzo, Calabria) sembra essere in aumento e in altre si osserva un andamento in diminuzione (Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Trento, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Sardegna).

La Prevenzione cammina di pari passo con informazione ed i dati sono stati pubblicati oggi proprio in occasione della giornata mondiale della lotta all’Aids istituita per la prima volta nel 1988 per volontà dell'Organizzazione mondiale della sanità. Slogan di quest'anno è “Closing the gap in Hiv prevention and treatment”, (Riduci il gap tra prevenzione e trattamento dell'Aids).

Sul tema si è tenuto un convegno presso l’istituto Spallanzani di Roma il cui direttore scientifico ha riferito all’Ansa che “La situazione italiana è migliore di altri paesi, qui c'è accesso totale ai farmaci. Da noi però bisogna investire di più per raggiungere categorie a rischio come i tossicodipendenti e soprattutto gli omosessuali, che rappresentano la maggioranza delle nuove diagnosi”.  “Serve un maggiore accesso ai test rapidi, anche al di fuori delle strutture sanitarie, in luoghi di incontro o con laboratori mobili - sottolinea Enrico Girardi, direttore dell'epidemiologia dell'Istituto -. Bisogna garantire che siano gratuiti e anche i medici di base devono cambiare atteggiamento. Prescrivere il test deve essere normale, come si fa ad esempio per l'epatite”.

Infine una riflessione: l’innalzamento dell’età delle nuove diagnosi e il fatto che siano effettuate quando si è già in fase avanzata, o addirittura quando sono già comparsi alcuni sintomi, potrebbe anche nascondere un aspetto terribile: un calo dell’attenzione, di prevenzione, di consapevolezza del rischio di infezione. Abbassare la guardia con un virus del genere non è possibile, anche se le terapie antiretrovirali stanno funzionando riuscendo a far diminuire i casi di Aids nei soggetti positivi all’Hiv, questo non deve assolutamente infondere un senso di appagamento, di rilassamento. Anzi. Da qui ancor più importante il messaggio del ministro Lorenzin: “Quella del contrasto all'Aids rappresenta una sfida globale, davanti alla quale non ci si può tirare indietro. In assenza di chiari segni di declino del numero delle diagnosi, l'Hiv continua ad essere un grave problema di salute pubblica non solo in Italia, ma anche in Europa”.

Giuseppe Bianchi

(1 dicembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 ottobre 2014
Salute | Dopo il primo caso di ebola negli USA il Ministro Lorenzin rassicura sulle misure precauzionali per evitare casi di contagio in Italia. Intanto negli USA il Dipartimento di Stato acquista 160.000 tute per la cura dei pazienti.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
EBOLA IN AFRICA | La diffusione del virus ebola in Guinea, Liberia e Sierra Leone avrebbe provocato dall'inizio dell'anno quasi un migliaio di morti. I Paesi confinanti hanno chiuso le frontiere e respinto profughi per limitare il contagio

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2015
Ministero della Salute | Il Ministro Beatrice Lorenzin si aspetta molto da questa iniziativa, per portare a termine la missione che si sono date Agenas, Anac e Dicastero”.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2014
Decreto competitività | La politica sanitaria la fa il Ministero della Salute insieme alle Regioni e non il Ministero dell'Economia.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2015
cipe | Sulla Gazzetta Ufficiale n. 85 del 13.4.2015 sono state pubblicate due delibere del Comitato interministeriale per la programmazione economica a valere sul Fondo sanitario 2011 e 2012.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Servizio Sanitario Nazionale | Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha illustrato con grande soddisfazione i "pilastri fondanti" del nuovo Patto per il Servizio Sanitario Nazionale.

 
 
Condividi la notizia

24 novembre 2015
Ministero della Salute | il Ministro Beatrice Lorenzin, commentando i dati, ha evidenziato la necessità di focalizzare il lavoro sul rispetto dei Livelli essenziali di assistenza nel Centro Sud”.

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2018
Ministero della Salute | Illustrate le attività svolte nel 2016. Rilevata una lieve riduzione dei Centri di prevenzione e riabilitazione visiva e disomogeneità nelle prestazioni e nei servizi.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2014
ABORTO | Presentata al Parlamento dal ministro della Salute Lorenzin la relazione sull'attuazione della legge 194 del 1978.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2015
Ministero della Salute | Il Ministro Beatrice Lorenzin ha firmato il decreto di aggiornamento che entrerà in vigore con la pubblicazione in G.U.

 
 
Condividi la notizia

7 novembre 2014
Equitalia | Circolano su internet finte email su presunte Linee Guida per evitare i controlli sul redditormetro. Nel file allegato c'è un virus dannoso per il computer.

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2014
Ministero della Salute | Lo ha chiarito il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha firmato nei giorni scorsi le nuove Linee guida di indirizzo in materia di certificati medici.

 
 
Condividi la notizia

3 settembre 2014
Pericoli in rete | Il Fisco mette in guardia gli utenti del web su false mail che circolano in rete contenenti un virus informatico che potrebbe compromettere la sicurezza dei pc.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2015
Sicurezza | La Polizia di Stato alza l'allerta nei confronti del virus che sta infettando un numero sempre crescente di utenti.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2014
Ministero della salute | Operativo tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 18.00, compresi sabato, domenica e festivi, prevede due livelli di risposta.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.