Condividi la notizia

CGIA di Mestre

In Italia le tariffe con i rincari tra i più alti d'Europa

Secondo la CGIA di Mestre, i rincari medi delle tariffe del nostro Paese si attestano al 19.1 per cento rispetto ad una media europea che si ferma a 11.8

Interessante studio della CGIA di Mestre per quanto riguarda gli aumenti delle tariffe pubbliche nel notro Paese.

Tra il 2010 e il 2014 solo in Spagna le tariffe pubbliche sono rincarate più delle nostre. Se a Madrid l’aumento medio è stato del 23,7 per cento, in Italia, come del resto è successo in Irlanda, l’incremento è stato del 19,1 per cento. Tra i grandi Paesi d’Europa, invece, la Francia ha registrato un rincaro medio del 12,9 per cento, mentre la Germania ha segnato un ritocco all’insù dei prezzi solo del 4,2 per cento.

La media europea si attesta ad un più 11.8 per cento,  oltre 7 punti percentuali in meno che da noi.

I calcoli sono stati effettuati dall’Ufficio studi della CGIA che, oltre a eseguire una comparazione tra l’andamento delle tariffe amministrate nei principali paesi d’Europa, ha analizzato anche il trend registrato tra il 2004 e i primi 11 mesi del 2014 delle tariffe dei principali servizi pubblici presenti nel nostro Paese.

Negli ultimi 10 anni, a fronte di un incremento dell’inflazione che in Italia è stato del 20,5 per cento, l’acqua è aumentata del 79,5 per cento, i rifiuti del 70,8 per cento, l’energia elettrica del 48,2 per cento, i pedaggi autostradali del 46,5 per cento, i trasporti ferroviari del 46,3 per cento, il gas del 42,9 per cento, i trasporti urbani del 41,6 per cento, il servizio taxi del 31,6 per cento e i servizi postali del 27,9 per cento. Tra tutte le voci analizzate, solo i servizi telefonici hanno subito un decremento: -15,8 per cento.

Sottolinea il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi:

Nel nostro Paese i rincari maggiori hanno interessato le tariffe locali. Se per quanto concerne l’acqua i prezzi praticati rimangono ancora adesso tra i più contenuti d’Europa, gli aumenti registrati dai rifiuti sono del tutto ingiustificabili. A causa della crisi economica, negli ultimi 7 anni c’è stata una vera e propria caduta verticale dei consumi delle famiglie e delle imprese: conseguentemente è diminuita anche la quantità di rifiuti prodotta. Pertanto, con meno spazzatura da raccogliere e da smaltire, le tariffe dovevano scendere, invece, sono inspiegabilmente aumentate. Si pensi che nell’ultimo anno, a seguito del passaggio dalla Tares alla Tari, gli italiani hanno pagato addirittura il 12,2 per cento in più, contro una inflazione che è aumentata solo dello 0,3 per cento”.

L’analisi di Bortolussi si conclude esaminando le cause che hanno incrementato le altre voci tariffarie:

Gli aumenti del gas hanno sicuramente risentito del costo della materia prima e del tasso di cambio, mentre l’energia elettrica dell’andamento delle quotazioni petrolifere e dell’aumento degli oneri generali di sistema, in particolare per la copertura degli schemi di incentivazione delle fonti rinnovabili. I trasporti urbani, invece, sono stati condizionati dagli aumenti del costo del carburante e quello del lavoro. Non va nemmeno dimenticato che molti rincari sono riconducibili anche al peso fiscale che grava sulle tariffe che, purtroppo, da noi tocca punte non riscontrabili nel resto d’Europa. Inoltre, nonostante i processi di liberalizzazione avvenuti in questi ultimi decenni abbiano interessato gran parte di questi settori, i risultati ottenuti sono stati poco soddisfacenti. In linea di massima, oggi siamo chiamati a pagare di più, ma la qualità dei servizi resi non ha subito sensibili miglioramenti. Speriamo che la riduzione del prezzo del petrolio registrata in questi ultimi mesi comporti per l’anno venturo una contrazione delle tariffe, soprattutto di luce, gas e trasporti che sono le principali voci di spesa che gravano sui bilanci delle famiglie e delle piccole imprese italiane”.

Fonte: CGIA di Mestre

Paolo Romani

(27 dicembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 dicembre 2014
CGIA di Mestre | L'ufficio studi della CGIA, nella sua analisi sugli interventi normativi in atto, ha pubblicato l'elenco dei prossimi aumenti tariffari.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
CASA E TASSE | L'analisi della Cgia di Mestre che invoca un serio intervento di alleggerimento della pressione fiscale.

 
 
Condividi la notizia

7 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Come riporta con un comunicato della CGIA di Mestre, nonostante il prezzo del petrolio sia in continuo ribasso, dal 1° gennaio 2015, ci sarà un aumento delle accise dovute alla "clausola di salvaguardia".

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2014
Autorità per l'energia | Da ottobre gas +5,4%, energia elettrica +1,7%. Ma per effetto dei nuovi ‘prezzi europei’ il 2014 si chiuderà con un risparmio complessivo di 84 euro.

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2014
Effetti della crisi sulle famiglie | Secondo la Cgia di Mestre le famiglie sono indebitate per un importo medio di 19.251 euro, ma con la crisi hanno privilegiato il risparmio

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Lo studio sul carico fiscale medio annuo per le famiglie italiane ed il suo trend negli ultimi 20 anni. La Tassazione locale, dalla metà degli anni ’90 ad oggi, aumentata del 190%.

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
TASSE E TRIBUTI | Il calcolo della Cgia di Mestre. Tasi e Imu, poi Irpef e Iva, ma la più cara sarà l'Ires

 
 
Condividi la notizia

4 ottobre 2014
Osservatorio sulla malattia dei dipendenti | Il record assoluto va alla Calabria, con 34,6 giorni in media di malattia l'anno (42,8 nel privato); i piu' sani, invece, sono nel Nordest, con una media poco sopra i 15 giorni l'anno.

 
 
Condividi la notizia

22 aprile 2014
Autorità per l'energia e Gdf | Corretta fatturazione, tariffe dell'acqua ed incentivi alle imprese nel nuovo piano delle attività ispettive 2014

 
 
Condividi la notizia

28 giugno 2014
RIVOLUZIONE PAGAMENTI | Dopo il rinvio di dicembre entra in vigore l'obbligo di dotarsi di Pos per carte e bancomat. I pro e i contro nell'analisi della Cgia di Mestre.

 
 
Condividi la notizia

25 aprile 2014
Autorità e Guardia di Finanza | Ispezioni, anche con telefonate 'civetta' e verifiche a sorpresa, in aumento con il "Piano di Controllo 2014" su contatori, bollette, pronti interventi, tariffe e offerte green.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2016
Antitrust | La sanzione per rincari fino al 1500% per farmaci salvavita e insostituibili per pazienti oncoematologici, soprattutto bambini e anziani.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2014
Crisi economica | Il Centro Studi di Unimpresa ha aggiunto ai disoccupati tutte le persone con prospettive incerte. Intanto, la Cgia di Mestre prevede che lo sconto sui costi dell'elettricita' non interessera' gran parte delle imprese e dei lavoratori autonomi

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2014
Imposte e tasse | Secondo la Cgia di Mestre le imprese italiane versano al fisco 110 miliardi l'anno. Solo i tedeschi pagano di piu'.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2014
Fisco e famiglia | La Cgia di Mestre ha proposto di applicare il "metodo francese" che prevede l'applicazione dell'imposta sul reddito in base al nucleo familiare

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.