Condividi la notizia

CGIA di Mestre

Dal 1995 al 2013 le tasse sono cresciute il doppio rispetto ai redditi

Lo studio sul carico fiscale medio annuo per le famiglie italiane ed il suo trend negli ultimi 20 anni. La Tassazione locale, dalla metà degli anni ’90 ad oggi, aumentata del 190%.

L'ufficio studi della CGIA di Mestre offre un quadro della situazione economica delle famiglie italiane e del deterioramento della loro ricchezza dal 1995 al 2013.

Il carico fiscale medio annuo è di circa 15.300 euro, il peso delle tasse, delle imposte, dei tributi e dei contributi previdenziali, nel periodo di riferimento, è aumentato di oltre 4.400 euro (+40,4 per cento): si tratta di una crescita più che doppia rispetto a quella fatta registrare dal reddito nominale netto medio disponibile (+19,1 per cento).

Depurando l'inflazione dal reddito disponibile, il trend cambia completamente segno, infatti, sempre nello stesso arco temporale, il reddito reale, ovvero il potere d’acquisto, è crollato del 19 per cento.

I dati forniti dall’Ufficio studi della CGIA fotografano un quadro di complessiva criticità per i quasi 26 milioni di famiglie italiane, aggravatosi ulteriormente con l’avvento della crisi.

Dal 2007 (ultimo anno pre-crisi) al 2013, nonostante il peso fiscale sia leggermente diminuito registrando nell’ultimo anno addirittura una contrazione di 325 euro a seguito anche dell’abolizione dell’Imu sulla prima casa, il reddito disponibile netto ha subito una “sforbiciata” di quasi 3 mila euro.

Ad elevare il peso delle tasse sulle famiglie ha contribuito in maniera determinante la tassazione locale. Tra la metà degli anni ’90 ad oggi, sono aumentate del 190 per cento, mentre quelle erariali hanno subìto un incremento medio del 43 per cento circa: seppur significativa, quest’ultima è stata una variazione percentuale comunque inferiore alla crescita del Pil nominale che è stata di quasi il 50 per cento.

“Nonostante l’Italia sia un Paese di tartassati - dichiara il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi – i servizi che le famiglie e le imprese ricevono dallo Stato spesso non sono all’altezza delle aspettative. Dalle infrastrutture alla sanità, dai trasporti all’istruzione, in molte Regioni la qualità e la quantità di questi servizi erogati è spesso inaccettabile. Con gli effetti della crisi che non accennano a diminuire e con una pressione fiscale che rimane su livelli record, i bilanci familiari rischiano di rimanere ancora in rosso, penalizzando anche quelli degli artigiani e dei piccoli commercianti che vivono quasi esclusivamente dei consumi del territorio in cui esercitano l’attività”.

Nel 2014 la situazione è destinata a migliorare grazie al bonus degli 80 euro.

Per scaricare il comunicato dell'Ufficio Studi della CGIA di Mestre clicca questo link

 

Paolo Romani

(1 dicembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

20 luglio 2014
CASA E TASSE | L'analisi della Cgia di Mestre che invoca un serio intervento di alleggerimento della pressione fiscale.

 
 
Condividi la notizia

27 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Secondo la CGIA di Mestre, i rincari medi delle tariffe del nostro Paese si attestano al 19.1 per cento rispetto ad una media europea che si ferma a 11.8

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
TASSE E TRIBUTI | Il calcolo della Cgia di Mestre. Tasi e Imu, poi Irpef e Iva, ma la più cara sarà l'Ires

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2014
Imposte e tasse | Secondo la Cgia di Mestre le imprese italiane versano al fisco 110 miliardi l'anno. Solo i tedeschi pagano di piu'.

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2014
Effetti della crisi sulle famiglie | Secondo la Cgia di Mestre le famiglie sono indebitate per un importo medio di 19.251 euro, ma con la crisi hanno privilegiato il risparmio

 
 
Condividi la notizia

4 ottobre 2014
Osservatorio sulla malattia dei dipendenti | Il record assoluto va alla Calabria, con 34,6 giorni in media di malattia l'anno (42,8 nel privato); i piu' sani, invece, sono nel Nordest, con una media poco sopra i 15 giorni l'anno.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2014
Mercato del Lavoro | L'Ufficio Studi della Cgia di Mestre ha analizzato i dati dell'indagine di Unioncamere-Ministero del Lavoro, in particolare sui c.d. "lavori introvabili".

 
 
Condividi la notizia

28 giugno 2014
RIVOLUZIONE PAGAMENTI | Dopo il rinvio di dicembre entra in vigore l'obbligo di dotarsi di Pos per carte e bancomat. I pro e i contro nell'analisi della Cgia di Mestre.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
CGIA di Mestre | Tra imposte, tributi, contributi e tasse, i contribuenti italiani nel 2013 hanno lavorato 158 giorni per onorare il fisco. Eguagliato il record storico del 2012. Peggio di noi solo francesi con 174 giorni, belgi con 172 e finlandesi con 161.

 
 
Condividi la notizia

30 dicembre 2014
CGIA di Mestre | L'ufficio studi della CGIA, nella sua analisi sugli interventi normativi in atto, ha pubblicato l'elenco dei prossimi aumenti tariffari.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2014
Fisco e famiglia | La Cgia di Mestre ha proposto di applicare il "metodo francese" che prevede l'applicazione dell'imposta sul reddito in base al nucleo familiare

 
 
Condividi la notizia

7 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Come riporta con un comunicato della CGIA di Mestre, nonostante il prezzo del petrolio sia in continuo ribasso, dal 1° gennaio 2015, ci sarà un aumento delle accise dovute alla "clausola di salvaguardia".

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2014
Crisi economica | Il Centro Studi di Unimpresa ha aggiunto ai disoccupati tutte le persone con prospettive incerte. Intanto, la Cgia di Mestre prevede che lo sconto sui costi dell'elettricita' non interessera' gran parte delle imprese e dei lavoratori autonomi

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2014
Burocrazia | La Cgia di Mestre ha calcolato che il peso della burocrazia costa alle piccole medie imprese 30 giorni di lavoro in piu' all'anno : in pratica, in 30 anni sono due anni e mezzo passati in fila agli sportelli degli uffici pubblici

 
 
Condividi la notizia

4 marzo 2019
CONSIGLIO DI STATO | La fusione per incorporazione di una societá in debito col Fisco non mette al riparo dalla sanzione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.