Condividi la notizia

Sanitá ed assistenza

La crisi costringe le famiglie a risparmiare anche sulle spese per la salute

Un rapporto del Censis fotografa una sensibile diminuzione nell'ultimo anno delle spese private per sanitá ed assistenza, che al contrario negli anni precedenti erano aumentate a fronte dei continui tagli di bilancio al welfare pubblico.

Il centro studi Censis ha presentato il rapporto “Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali”, dal quale emerge con evidenza che in tempi di crisi finisce per trovarsi in difficoltà anche il c.d. “welfare privato familiare”.

Dal lavoro del Censis emerge, infatti, una significativa frenata, nell’ultimo anno, della spesa sanitaria privata (-5,7%), con un valore pro-capite su base annua che si è ridotto da 491 euro a 458.  Il che significa, tra l’altro, che le famiglie italiane, loro malgrado, hanno dovuto rinunciare a quasi sette milioni di prestazioni mediche private.

Un’altra conseguenza delle difficoltà economiche è che -per la prima volta- si è registrata una sensibile diminuzione anche del numero delle badanti che assistono gli anziani bisognosi di assistenza. Per la precisione, si tratta di 4.000 in meno rispetto ai 12 mesi precedenti.

E’ una preoccupante inversione di tendenza che modifica un fenomeno che negli ultimi anni si era consolidato ed in base al quale le risorse private delle famiglie hanno in qualche modo “compensato” la costante diminuzione dell’offerta di “welfare pubblico”.

Dando per scontato che si tratta di un tipo di spesa assolutamente prioritario, la sua forte diminuzione finisce per rappresentare la fotografia più significativa dello stato di crisi generalizzata che ha travolto anche la “famiglia media”.

Nei sei anni precedenti la spesa sanitaria pubblica era rimasta, sostanzialmente, sempre la stessa, quale conseguenza dei continui tagli di bilancio. Era aumentata, invece, la spesa delle famiglie : 9,25% tra il 2007 ed il 2012; per poi crollare (-5,7%) nel 2013.

Secondo il Censis, in Italia ci sono 4,1 milioni di persone “portatrici di disabilità, il 6,7% della popolazione; che diventeranno 4,8 nel 2020 e 6,7 nel 2040”. Tanto che la “spesa totale per la disabilità tra il 2003 ed il 2011 ha registrato un aumento del 20% (da 21,2 miliardi di euro a quasi 26)”.

Adnkronos , in merito, riferisce che è cresciuta anche la domanda di assistenza per la popolazione anziana non autosufficiente, per cui le persone che usufruiscono di assistenza domiciliare integrata sono passate da poco meno di 200.000 dei primi anni 2000 (il 2,1% della popolazione anziana), al 4,3%.

La spesa complessiva per questo servizio è pari all’1,7% del PIL, ma -sulla scorta delle proiezioni demografiche- si stima che nel 2050 potrebbe raggiungere il 4% del prodotto interno lordo.

Tuttavia, a fronte di questa situazione, l’intervento pubblico continua a restringersi. Ne deriva che “l’aumento dell’aspettativa di vita, l’invecchiamento della popolazione, le previsioni di incremento della disabilità e del numero di persone non autosufficienti”, finiscono con ampliare a dismisura la platea dei bisognosi di protezione sociale.

Se l’intervento pubblico diminuisce e la domanda di sanità ed assistenza aumenta, succede quello che ha rilevato il Censis; vale a dire che “il 73% dei nuclei familiari -negli ultimi due anni- ha fatto ricorso almeno una volta a visite od esami a pagamento : questo a causa delle lunghissime liste di attesa del servizio pubblico”.

Inoltre, “il 31% ha rinunciato negli ultimi due anni a visite specialistiche, esami o cicli di riabilitazione ed il 72% dichiara che si troverebbe in seria difficoltà se dovesse affrontare spese impegnative”.

In altre Nazioni si è preferito “percorrere la via del ricorso ad assicurazioni integrative o ad altri strumenti simili”. In particolare, Censis segnala che questo succede per il 76,5% del totale della spesa sanitaria privata negli Stati Uniti, per il 65,8% in Francia ed il 43% in Germania; mentre in Italia la percentuale per questo tipo di spesa arriva solo al 13,4%.

Per il Censis “l’Italia è  anche il Paese dell’area OCSE con la percentuale più alta di familiari che assistono direttamente persone anziane o disabili in modo continuativo (il 16,2% della popolazione; il doppio della Svezia)”. Tuttavia, la maggior parte deve ricorrere a badanti reclutate autonomamente, spesso “con forme di irregolarità lavorativa e senza alcuna garanzia di professionalità e affidabilità”.

Alla domanda su “come si pensi di affrontare in futuro la vecchiaia ed eventuali malattie, il 54% degli italiani mostra un atteggiamento fatalista, nel senso che non ci pensa o rinvia il problema; il 26% conta sui propri risparmi”; poi c’è chi spera nel welfare pubblico o sui familiari; mentre solo “il 4% ha stipulato polizze assicurative”.

 

Moreno Morando

(10 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 luglio 2014
Servizio Sanitario Nazionale | Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha illustrato con grande soddisfazione i "pilastri fondanti" del nuovo Patto per il Servizio Sanitario Nazionale.

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Sanita' | Sono sempre di piu' i pazienti costretti a rivolgersi alla sanita' privata, a causa delle lunghe attese e dei ticket ritenuti troppo alti

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2015
Gazzetta Ufficiale | Assunzioni con contratto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2014
Speculazioni nella Sanità | Cassino, al San Raffaele accertato un danno erariale di €euro 41.492.909,13 per il Servizio Sanitario Nazionale e il Servizio Sanitario Regionale - A.u.s.l. di Frosinone.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Patto salute | In tre anni stop alle convenzione per le minicliniche e ticket sanitari legati al reddito e alle patologie entro fine anno.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2016
consultazione on line | L'Anac intende acquisire da parte di tutti i soggetti interessati ogni osservazione ed elemento utile per la elaborazione del documento definitivo.

 
 
Condividi la notizia

28 giugno 2014
Ministero del Lavoro e Politiche sociali | Il servizio sanitario nazionale assolve i propri pagamenti e possono svolgere appalti dei servizi solo se si certifica la regolarità contributiva con l'Empam.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2015
Diritto alla riservatezza | Lo ha chiarito il Garante Privacy rispondendo ai quesiti posti da due Regioni alle quali erano state richieste informazioni contenute nel sistema informatico regionale.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2015
Agenzia delle Entrate | In particolare, la Ris. n. 98/E 2015 riguarda i dottori di medicina generale operanti con il Servizio Sanitario Nazionale, che si collocano in una posizione intermedia fra quella professionale e quella parasubordinata.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2014
Finanziamenti alla Sanità | Sono 134.747 i lavoratori stranieri occupati irregolarmente in Italia che nel corso del 2012 hanno usufruito della procedura di emersione e relativamente ai quali il Ministero del Lavoro ha provveduto a distribuire alle Regioni nuovi finanziamenti alla Sanità

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2014
CAOS A MILANO | Domenica d'inferno: garantite le corse solo per disabili, anziani e donne in dolce attesa. Mercoledì l'incontro con il ministro Lupi

 
 
Condividi la notizia

5 febbraio 2017
Ministero del lavoro | Prosegue il percorso di attuazione del SIA (Sostegno per l'inclusione attiva).

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Approvati i fondi PAC all'infanzia che interesseranno circa 23.000 bambini e offriranno 5.208.734 ore di assistenza agli anziani non autosufficienti.

 
 
Condividi la notizia

30 luglio 2014
Riforma della P.A. | L'Anaao Assomed, il principale sindacato della dirigenza medica, segnala il pericolo che entro 10 anni manchino " all'appello 15.000 medici specialisti nel Ssn"

 
 
Condividi la notizia

23 dicembre 2015
Politiche sociali | La circolare n. 34 del 23 dicembre 2015 emanata dal Ministero del Lavoro sul D.Lgs. n. 150/2015.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.