Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Cura Di Bella: la multiterapia non può essere posta a carico del Servizio Sanitario Nazionale

L'eventuale efficacia individuale di una terapia, per la quale non esistano obiettive evidenze scientifiche, non giustifica l'accollo alla collettività della relativa spesa.

Si era sottoposta al c.d. Multitrattamento Di Bella ed, in considerazione dei positivi risultati conseguiti, aveva agito in Tribunale per ottenere che la somministrazione del trattamento venisse posta a carico del Servizio Sanitario Nazionale. 

La domanda, accolta in primo grado, veniva però rigettata dalla Corte d'appello. La questione è giunta ora all’attenzione della Suprema Corte di Cassazione in quanto la ricorrente si duole, tra l’altro,  di non avere la Corte di merito ritenuto che l'acclarata efficacia, nei suoi confronti, della terapia valesse ad attrarre quest'ultima nell'ambito dei trattamenti alternativi che, ai sensi dell'art. 1, comma 4, d.l. n. 536/1996, debbono essere posti a carico del Servizio Sanitario Nazionale. 

La Corte di Cassazione con ordinanza del 5 novembre 2019 ha rigettato il ricorso essendosi consolidato il principio di diritto secondo cui, prevedendo la disposizione citata “l'erogabilità a carico del servizio sanitario nazionale di farmaci non ancora autorizzati ma sottoposti a sperimentazione clinica e di farmaci da impiegare per una indicazione terapeutica diversa da quella autorizzata, sempre che non esista valida alternativa terapeutica, e avendo l'Istituto Superiore della Sanità, con comunicazioni in data 28.7.1998 e 13.11.1998, reso nota l'assenza di risposte favorevoli in ordine alla verifica dell'attività antitumorale del trattamento in parola, la sperimentazione effettuata e ormai conclusa deve ritenersi che abbia escluso che il c.d. multitrattamento Di Bella possa costituire una valida alternativa terapeutica, secondo la formula usata dall'art. 1, comma 4, cit., rispetto a quella tradizionale“. 

Ad avviso della Corte argomentare diversamente equivarrebbe a sostenere che un trattamento medico-farmacologico debba essere posto a carico della collettività laddove sussista una qualsiasi "speranza terapeutica", in contrasto con il consolidato principio secondo cui, al fine del riconoscimento del diritto alla erogazione da parte del Servizio Sanitario Nazionale di cure tempestive non erogabili dal servizio pubblico, l'evidenza scientifica dei benefici apportati alla salute dalla terapia o cura richiesta costituisce requisito imprescindibile della domanda, l'adeguatezza della terapia rispetto al singolo caso potendo venire in rilievo solo per escludere che terapie corroborate scientificamente possano comunque essere concesse.

Da ultimo la Corte non ha mancato di ribadire che l'eventuale efficacia meramente individuale di una terapia per la quale non esistano obiettive evidenze scientifiche non può giustificare l'accollo alla collettività della relativa spesa.

Paolo Romani

Per approfondire vai al testo integrale dell’ordinanza 

Fonte: Banca Dati G.A.R.I.

 

La Direzione

(8 novembre 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 settembre 2014
Speculazioni nella Sanità | Cassino, al San Raffaele accertato un danno erariale di €euro 41.492.909,13 per il Servizio Sanitario Nazionale e il Servizio Sanitario Regionale - A.u.s.l. di Frosinone.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2014
Servizio Sanitario Nazionale | Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha illustrato con grande soddisfazione i "pilastri fondanti" del nuovo Patto per il Servizio Sanitario Nazionale.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2016
Alimentazione e Salute | Su richiesta del Ministero elaborato un parere sulle conseguenze per la salute dell'utilizzo dell'olio di palma come ingrediente alimentare.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2016
consultazione on line | L'Anac intende acquisire da parte di tutti i soggetti interessati ogni osservazione ed elemento utile per la elaborazione del documento definitivo.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2016
AgID | L’infrastruttura – una volta a regime - permetterà ai cittadini di fruire dei servizi offerti dal proprio fascicolo sanitario elettronico regionale su tutto il territorio nazionale.

 
 
Condividi la notizia

17 maggio 2016
Giurisdizione | La Corte di Cassazione ritorna sui criteri di riparto nelle procedure selettive bandite dalle ASL.

 
 
Condividi la notizia

29 maggio 2014
SANITA' | Un miliardo e 200 milioni per aver danneggiato il Sistema sanitario nazionale con un accordo per commercializzare un farmaco costoso al posto di uno più economico

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2015
Agenzia delle Entrate | In particolare, la Ris. n. 98/E 2015 riguarda i dottori di medicina generale operanti con il Servizio Sanitario Nazionale, che si collocano in una posizione intermedia fra quella professionale e quella parasubordinata.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2017
Sanità | Le FAQ predisposte dal Ministero della Salute, Istituto superiore di sanità (ISS) e Agenzia italiana del farmaco (AIFA).

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

24 novembre 2015
Ministero della Salute | il Ministro Beatrice Lorenzin, commentando i dati, ha evidenziato la necessità di focalizzare il lavoro sul rispetto dei Livelli essenziali di assistenza nel Centro Sud”.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
PCM | In tale giornata le amministrazioni pubbliche promuoveranno iniziative di comunicazione e sensibilizzazione sul tema.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2014
Sanitá ed assistenza | Un rapporto del Censis fotografa una sensibile diminuzione nell'ultimo anno delle spese private per sanitá ed assistenza, che al contrario negli anni precedenti erano aumentate a fronte dei continui tagli di bilancio al welfare pubblico.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2016
Reati contro la P.A. | La differenza tra peculato ordinario ed il reato più lieve di peculato d'uso. La sentenza n. 13038/2016,

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.