Condividi la notizia

Pedaggi autostradali

Aumenti indiscriminati bocciati dal Consiglio di Stato

Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza depositata in data 7.4.2014 risolve la controversia concerne la legittimità del DPCM del 25 giugno 2010, che ha delineato la disciplina transitoria (sino al 31/12/2011) delle maggiorazioni tariffarie sull’esazione nei caselli di autostrade in concessione, interconnesse con strade in diretta gestione ANAS.

E’ pur vero che il decreto impugnato non ha più alcuna efficacia, essendo ormai trascorso il periodo transitorio previsto dal DL 78/2010, peraltro sospeso in via cautelare dal TAR, ed ancor prima, nelle more del giudizio cautelare, dalla stessa ANAS, cionondimeno la sentenza contiene principi importanti che si reputa opportuno di seguito riportare.

Il Consiglio di Stato afferma in primo luogo che il pedaggio si configura quale prestazione commisurata alla richiesta di utilizzo di un tratto stradale e non quale imposizione fiscale, sicchè è necessario, al di la delle pur comprendibili difficoltà realizzative, predisporre un meccanismo che assicuri corrispondenza tra pagamento e fruizione.

La natura straordinaria, sperimentale e transitoria, se può giustificare modalità più gravose di esazione, non può certo considerarsi quale causa di giustificazione di un prelievo svincolato dalla fruizione.

Anche il motivo concernente la necessaria contestualità delle previsioni transitorie e di quelle definitive, è privo di fondamento. Il giudice di prime cure ha correttamente osservato che l’art. 15 del DL 78/2010, pretendendo che l’individuazione delle stazione presso le quali effettuare il prelievo avrebbe dovuto essere fatta con il medesimo DPCM incaricato di stabilire “criteri e modalità” per l’applicazione del pedaggio su strade ed autostrade in gestione diretta ANAS, ha imposto una contestualità istruttoria ed un coordinamento fra disciplina transitoria ed a regime, non altrimenti assicurabile a mezzo dell’autonoma ed esclusiva disciplina della prima.

L’amministrazione appellante censura infine la sentenza anche in relazione alla disapplicazione dell’art. 15 comma 2, operata dal primo Giudice in forza del carattere dettagliato ed incondizionato della direttiva n. 2006/38/CE nella parte in cui la stessa definisce il pedaggio quale somma corrisposta in proporzione alla distanza percorsa.

Il motivo è fondato. La direttiva 2006/38/CE e la sentenza della Corte di Giustizia C-157/02 (emanata nella vigenza della precedente direttiva 1999/62), pure richiamata dal primo giudice, hanno ad oggetto la discriminazione, diretta o indiretta, fondata sulla nazionalità del trasportatore, ovvero sull'origine o sulla destinazione del trasporto, nell'applicazione dei pedaggi e dei diritti d'utenza.

Dalle stesse può ricavarsi il principio per il quale, nei passaggi transfrontalieri, gli utenti che percorrono una minore distanza devono essere ammessi a pagare un pedaggio proporzionalmente ridotto.

Nel caso di specie, tuttavia, non vengono in rilievo percorsi che per il loro carattere transfrontaliero possano provocare discriminazioni indirette basate sull’origine o sulla destinazione del trasporto, sicchè non v’è ragione per applicare la direttiva comunitaria.

Piuttosto viene in rilievo un principio di ragionevolezza, implicito anche nella definizione comunitaria di pedaggio, che impone proporzione tra fruizione e somme da corrispondere: ma tale aspetto è stato già oggetto della valutazione che precede (par. 3.), sulla base della normativa interna interpretata in modo costituzionalmente orientato

Valentina Romani

(7 aprile 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

11 aprile 2016
Ministero Interno | Pedaggi autostradali gratuiti e 40% di sconto, fino a un massimo di 40 euro, sui biglietti Alitalia per i soli elettori residenti all’estero.

 
 
Condividi la notizia

30 dicembre 2014
CGIA di Mestre | L'ufficio studi della CGIA, nella sua analisi sugli interventi normativi in atto, ha pubblicato l'elenco dei prossimi aumenti tariffari.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Osservatorio "Prezzi e Mercati" | I dati pubblicati INDIS-Unioncamere segnalano possibili aumenti delle tariffe: rifiuti (+18,2% tra il 2014 e il 2013), sanità (+6,7%), trasporto ferroviario regionale (+6,8%), trasporto urbano (+6%) e extra-urbano (+7,5%).

 
 
Condividi la notizia

30 luglio 2017
Ministero dei trasporti | Dal 1 agosto in vigore la riduzione del pedaggio autostradale del 30% ma solo per i motociclisti con telepass.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Interventi sociali | Il Crob ottiene dal Consiglio Provinciale di Potenza un alloggio gratuito per i pazienti in terapia oncologica ed i loro familiari.

 
 
Condividi la notizia

3 marzo 2015
Giustizia Amministrativa | Inutili i paragoni con Milano e Londra, ogni amministrazione affronta i problemi del traffico tenendo conto di situazioni differenziate. La sentenza del 3 marzo 2015.

 
 
Condividi la notizia

16 gennaio 2015
TASSE E IMPOSTE | Sfondato il "muro" dei 5 euro per molte delle marche più diffuse. Nell'articolo il tariffario aggiornato pubblicato dai Monopoli di Stato.

 
 
Condividi la notizia

19 settembre 2014
ALIMENTAZIONE | Uno studio pubblicato sulla rivista "Nature" rischia di sconvolgere i convincimenti di quanti allo zucchero preferiscono decisamente aspartame, saccarina e sucralosio: alterano anche la flora batterica intestinale

 
 
Condividi la notizia

7 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Come riporta con un comunicato della CGIA di Mestre, nonostante il prezzo del petrolio sia in continuo ribasso, dal 1° gennaio 2015, ci sarà un aumento delle accise dovute alla "clausola di salvaguardia".

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Giustizia amministrativa | La differente giurisdizione in caso di locazione e di concessione. La sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2016
Antitrust | La sanzione per rincari fino al 1500% per farmaci salvavita e insostituibili per pazienti oncoematologici, soprattutto bambini e anziani.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2015
MEF | Dettagliata calendarizzazione degli adempimenti. Obiettivo evitare aumenti delle tasse e rilanciare investimenti. Le istruzioni della Ragioneria Generale dello Stato.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2014
Ministero della Giustizia | Aumenti sia per la copia cartacea che per i supporti informatici. Si va da euro 306,97 per un compact disc ad euro 3,68 per il diritto di certificato, questi ed altri i nuovi importi stabiliti con decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 18.4.2014

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2014
Stipendi P.A. | Servono 800 milioni di euro per garantire la possibilità di aumenti degli stipendi di polizia e forze armate. L'accordo è vicino secondo i ministri Alfano e Pinotti. Confermato tuttavia lo sciopero del 23 settembre.

 
 
Condividi la notizia

12 maggio 2015
Antitrust | Chef Express e My Chef hanno messo in opera un'intesa orizzontale segreta per ripartirsi i mercati della rete autostradale.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.