Condividi la notizia

Ministero della Giustizia

Giustizia civile: piano straordinario per lo smaltimento dell'arretrato ultratriennale

Presentato il Programma Strasburgo 2. Ridurre ad un anno la durata massima delle cause civili commerciali ed a meno di tre anni le altre cause di primo grado dimezzando al contempo l’arretrato e dando priorità processuale alle cause di imprese e famiglie.

Ridurre ad un anno la durata massima delle cause civili commerciali e a meno di tre anni le altre cause di primo grado dimezzando al contempo l’arretrato e dando priorità processuale alle cause di imprese e famiglie. Sono gli obiettivi del progetto Arretrato civile ultratriennale – Programma Strasburgo 2, il piano straordinario varato dal Ministero della Giustizia per rimediare alla situazione della giustizia civile ed affiancare, sul piano organizzativo, le riforme legislative promosse dal Governo.

Questo il contenuto del comunicato diramato in data odierna dal Ministero della Giustizia con il quale viene reso noto l’intervento, presentato oggi nel corso di una conferenza stampa in Via Arenula dal guardasigilli Andrea Orlando e dal capo del Dipartimento dell'Organizzazione Giudiziaria Mario Barbuto, con il quale si propone di affrontare l’emergenza dell’arretrato ultratriennale con misure organizzative a costo zero, puntando ad azzerare il fardello di vecchi procedimenti che condiziona i tempi del lavoro negli uffici giudiziari.

Il piano organizzativo è mutuato dal “decalogo Strasburgo”, già sperimentato con successo fin dal 2001 nel tribunale di Torino dal presidente Mario Barbuto che ora, chiamato a dirigere il DOG, propone la best practice a tutti gli uffici giudiziari del Paese.

Il progetto prevede tre fasi.

Prima fase: acquisizione delle statistiche aggiornate dell’arretrato esistente, fase già esaurita nel novembre scorso con il Censimento speciale di tipo selettivo sulla giustizia civile, realizzato dal Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria tramite la Direzione Generale di Statistica utilizzando un programma informatico apposito (il data-warehouse); il Censimento ha permesso l’identificazione in ogni tribunale e corte d’appello della reale entità di cause fisiologicamente giacenti (poco più di 2,6 milioni), distinguendole dal patologico arretrato ultratriennale.

Seconda fase: azzeramento in tempi brevissimi di parte dell’arretrato, secondo il cosiddetto principio Fifo (first in, first out – cioè la prima causa che entra è la prima ad uscire) in cui è consigliato il cosiddetto decalogo Strasburgo o altra best practice analoga:
entro 6 mesi, gli affari contenziosi iscritti a ruolo fino all’anno 2000 (86.283 affari);
entro 9 mesi, gli affari contenziosi iscritti a ruolo fino all’anno 2005 (127.146 affari).

Terza fase: gestione ordinaria dell’arretrato residuo (affari iscritti a ruolo negli anni 2006-2010, 835.190 affari) nonché delle giacenze infra-triennali (affari iscritti a ruolo negli anni 2011-2013, 2.692.504 affari): nel rispetto del principio Fifo, l’obiettivo è di portare la durata effettiva di ogni singolo processo sotto ai tre anni, tendenzialmente verso il biennio, con l’ambizione di ridurre la durata a 12 mesi (quantomeno per le cause commerciali) nel momento in cui entrerà in vigore la riforma del codice di procedura civile.

Il Programma Strasburgo 2 si affianca alle risorse di natura economica già previste nella legge di stabilità con l’istituzione di un fondo presso il Ministero della Giustizia per l’efficienza del sistema giudiziario (50 milioni per il 2015, 90 per il 2016 e 120 dal 2017). A queste vanno aggiunti gli interventi per il reclutamento di risorse umane da destinare agli uffici giudiziari: 1.031 posti di personale amministrativo (su 9mila vacanti) saranno coperti con l’imminente bando di mobilità volontaria esterna, altre 71 unità sono già state trasferite da altri ministeri grazie alla mobilità compartimentale e 144 unità sono in corso di assunzione mediante utilizzazione di graduatorie rimaste parzialmente inutilizzate da parte di altre amministrazioni. Le nuove risorse finanziarie saranno assegnate dal Ministero secondo un criterio meritocratico, e cioè prioritariamente agli uffici che fin qui hanno saputo utilizzare meglio quelle loro già assegnate in precedenza, soprattutto se scarse.

Il Ministero della Giustizia mette in campo quindi un altro fondamentale tassello per restituire slancio e vigore al settore civile, la cui pessima condizione grava da anni sul sistema economico del Paese, rallentando gli investimenti stranieri e la crescita del Pil e, al tempo stesso, esponendo lo Stato a condanne giudiziali ai sensi della legge Pinto che il Ministero delle Finanze ipotizza possano toccare i 500 milioni di euro l’anno.

Al tempo stesso, dopo la sforzo compiuto con il censimento selettivo (per anno, per materie, per aree geografiche), il Ministero vuole raccogliere i frutti dell’ingente investimento nella creazione del data-warehouse e presentarsi in ambito internazionale con una immagine migliore e, soprattutto, dati più veritieri sulla reale situazione di arretrato (ben diversi da quelli del cd. “allarme giustizia incivile con un arretrato di 5,2 milioni di cause”). Il Programma Strasburgo 2 renderà possibili, fin dai prossimi censimenti parziali programmati a breve, sensibili miglioramenti nella ‘targatura degli affari civili’, con una tendenza verso l’azzeramento degli affari iscritti a ruolo fino all’anno 2010.

La Direzione

(14 gennaio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 novembre 2014
Analisi statistiche | Uno studio commissionato dal Ministero della Giustizia mette sotto la lente, con dovizia di particolari e di numeri, il carico nazionale degli affari civili pendenti.

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2019
Concorsi | Scadenza per la presentazione delle domande il 9 settembre 2019.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2018
OPPORTUNITA’ DI LAVORO | Nell’articolo tutti i dettagli, le procedure e i link per partecipare al bando di concorso.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Depenalizzazione | Nessuna applicazione a molti dei reati rientranti nella cornice edittale massima di 5 anni. Per esempio: maltrattamenti in famiglia, violazione degli obblighi di assistenza famigliare, Stalking, furto in abitazione e furto con strappo ecc..

 
 
Condividi la notizia

23 dicembre 2014
MEF | Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato il Rapporto trimestrale del contenzioso tributario con le appendici statistiche.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
Agenda digitale | Sinergia tra il Ministero della Giustizia e quello dello Sviluppo Economico per semplificare e migliorare la tenuta del registro delle imprese.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2014
Ministero della Giustizia | Avvio spedito dell'obbligatorietà dei depositi telematici.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2014
Consiglio di Stato | I giudici di Palazzo Spada accolgono l'appello del Ministero della Giustizia e rinviano per la discussione al 1° luglio.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
Dichiarazione dei redditi | Il Ministero della Giustizia comunicherà all’interessato entro il 30 aprile, l’importo del credito d’imposta riconosciuto.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
ministero della Giustizia | Sulla G.U. n. 279 del 1.12.2014 è stato pubblicato il decreto del Ministero della Giustizia. Nell'articolo le liste degli uffici mantenuti e soppressi.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2016
OCSE | Inaugurata a Parigi una conferenza internazionale sulla lotta al malaffare nella pubblica amministrazione. Presenti i nostri rappresentanti del Ministero della Giustizia e dell'ANAC

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Volontariato | Pubblicato l'avviso per lo svolgimento del servizio civile nazionale inserito nel programma Garanzia Giovani

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Giovani e politiche giovanili | Reclutamento dal prossimo ottobre di 37000 giovani per un innovato impegno nel servizio civile (con rimborso).

 
 
Condividi la notizia

24 febbraio 2015
Camera dei deputati | Approvata la proposta di legge sulla disciplina della responsabilità civile dei magistrati.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2017
Riforma | L'obiettivo è rafforzare il servizio civile quale strumento di difesa non armata della Patria, di educazione alla pace e di promozione dei valori fondativi della Repubblica.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.