Condividi la notizia

licenziamento e reintegrazione

Art. 18 Statuto dei Lavoratori: i chiarimenti della Cassazione sulla Riforma Fornero

La Suprema Corte con sentenza n. 23669/2014 indica i nuovi regimi di tutela del lavoratore illegittimamente licenziato.

Abitualmente e ripetutamente i dipendenti della filiale durante l'orario di lavoro andavano su richiesta del direttore a fare la spesa per suo conto, acquistavano il pesce in un Comune vicino e timbravano l'entrata in servizio a nome sempre dello stesso direttore. Il direttore avrebbe anche consegnato le chiavi e password di accesso alla filiale ad un dipendente.

Queste le condotte contestate ad un direttore di Banca che veniva licenziato ai sensi dell'art. 18 comma 4 dello Statuto dei Lavoratori (Legge n. 300/70), poi reintegrato dalla Corte di Appello di Venezia.

La mancanza della prova dell'abitualità della condotta, l'esposizione generica della contestazione priva di indicazioni temporali puntuali, l'insufficienza delle prove acquisite sono alla base della condanna disposta dalla Corte di Appello della Banca alla reintegrazione del direttore nel posto di lavoro, mentre per la determinazione del risarcimento del danno, veniva disposta la prosecuzione del giudizio.

La vicenda giunge ora all'esame della Suprema Corte di Cassazione la quale con sentenza n. 23669 del 6 novembre ha chiarito i regimi di tutela, introdotti dalla Riforma Fornero (legge n. 92/2012), per le ipotesi in cui il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo sia stato dichiarato illegittimo.

In primo luogo la Corte ha precisato che "il nuovo articolo 18 ha tenuto distinta (...) dal fatto materiale la sua qualificazione come giusta causa o giustificato motivo" con la conseguenza che ai fini della reintegrazione occorre verificare la sussistenza o insussistenza del fatto materiale posto a fondamento del licenziamento senza che possano essere operate valutazioni sulla proporzionalità della sanzione rispetto alla gravità del comportamento addebitato.

Il quarto comma dell'art. 18 della Legge 300/70 accomuna le ipotesi di giusta causa e giustificato motivo escludendone gli estremi per insussistenza del fatto contestato ovvero perché il fatto rientra tra le condotte punibili con una sanzione conservativa in base alle previsioni dei contratti collettivi o dei codici disciplinari applicabili.

Nelle altre ipotesi in cui venga accertato che non ricorrono gli estremi del giustificato motivo soggettivo o della giusta causa il quinto comma dell'art. 18 prevede la risoluzione del rapporto di lavoro con effetto dalla data del licenziamento e la condanna del datore di lavoro al pagamento di un'indennità risarcitoria omnicomprensiva, determinata tra un minimo di 12 e un massimo di 24 mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto, in relazione all'anzianità del lavoratore e tenuto conto dei dipendenti occupati, delle dimensioni dell'attività economica, del comportamento e delle condizioni delle parti, con onere di specifica motivazione.

Il legislatore della riforma in sostanza - precisa la Cassazione - ha introdotto due distinti regimi di tutela per ipotesi di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo dichiarato illegittimo. 

Il PRIMO REGIME viene in considerazione nelle sole tassative ipotesi sopra indicate in cui giudice accerti che il fatto (che ha dato causa al licenziamento) non sussiste, ovvero nel caso in cui ritenga che il fatto rientra tra le condotte punibili con una sanzione conservativa in base alle previsioni dei contratti collettivi o dei codici disciplinari applicabili alla vicenda in esame. In tali ipotesi continua ad applicarsi la TUTELA REINTEGRATORIA e RISARCITORIA.

Il SECONDO REGIME, al quale è applicabile la sola TUTELA  RISARCITORIA, è stato introdotto dal nuovo comma 5 dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori che si applica nelle "altre ipotesi" in cui emerge in giudizio che non vi sono gli estremi integranti la giusta causa o il giustificato motivo soggettivo, con esclusione delle ipotesi di licenziamento adottato in violazione delle regole procedurali previste dall'art. 7 della legge n. 300/70.

Da ultimo la Cassazione individua un TERZO REGIME, per il quale vige la sola TUTELA RISARCITORIA, che viene in considerazione in caso di violazione delle regole procedurali previste dall'art. 7 della legge n. 300/70.

La vicenda del Direttore di Banca, precisa la Corte di Cassazione, rientra nel primo regime e, pertanto, è stato rigettato il ricorso della Banca che censurava la sentenza della Corte di Appello, ritenendo erroneamente che il giudice, una volta accertata l'insussitenza del fatto contestato, avrebbe dovuto rilevare quanto meno la sussistenza parziale del fatto che giustificava la condanna all'indennità risarcitoria omnicomorensiva tra un minimo di 12 e un massimo di 24 mensilità. 

Fonte: Corte di Cassazione

Enrico Michetti

La Direzione

(29 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Licenziamento ritorsivo. La diffusione sul web. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Sezione Lavoro nella sentenza n. 10842 del 25.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2017
Responsabilità  del custode | Il principio, ribadito dalla Corte di Cassazione , interrompe il nesso di causalità ed esclude la responsabilità del custode

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
responsabilità Professionale | Per il "consenso informato" "occhio" ai moduli da far sottoscrivere ai pazienti. La sentenza della Corte di Cassazione n. 2177/2016.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Prevenzione e sicurezza | Il principio sancito dalla Corte di Cassazione sul rischio nuovo od esorbitante.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2016
Corte di Cassazione | Confermato il divieto, per le pubbliche amministrazioni, di trasformare il contratto di lavoro da tempo determinato ad indeterminato. Stabilita la misura dell'indennità risarcitoria di diritto e la prova per i danni ulteriori.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Corte di Cassazione | No al file-sharing, al porno e all’utilizzo della posta elettronica per scopi personali. Gli ermellini chiariscono definitivamente la vicenda di un licenziamento disciplinare.

 
 
Condividi la notizia

11 novembre 2014
Irragionevole durata del processo | Equo compenso da irragionevole durata del processo, la Corte di Cassazione chiarisce qual è la durata per un unico grado e per tre gradi di giudizio che fa scattare la possibilità di chiedere il risarcimento.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Prevenzione infortuni | La sentenza della Corte di Cassazione sulla posizione di garanzia di chi ha commissionato il lavoro. Le regole e le condizioni che estendono la responsabilità.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2016
Sanzioni disciplinari | Il caso di un dipendente comunale licenziato per due giorni di assenza non giustificata. La proporzionalità nella sentenza n. 17355 del 25 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.