Condividi la notizia

Irragionevole durata del processo

Lo Stato paga se il processo in un unico grado dura più di tre anni

Equo compenso da irragionevole durata del processo, la Corte di Cassazione chiarisce qual è la durata per un unico grado e per tre gradi di giudizio che fa scattare la possibilità di chiedere il risarcimento.

Ogni volta che un processo ha una durata eccessiva, in confronto a quanto stabilito dai parametri europei e dall’art. 6 della Convenzione Europea di salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle libertà fondamentali, il soggetto danneggiato ha diritto ad un indennizzo sulla base della legge Pinto, legge n. 89/2001.

Problematica, tuttavia, si pone l’interpretazione delle disposizioni che regolano l’arco temporale che fa scattare il ristoro di un danno ingiusto.

Gli articoli 2 bis e 2 ter della legge recitano rispettivamente:

-       2 bis “si considera rispettato il termine ragionevole di cui al comma 1 (termine ragionevole) se il processo non eccede la durata  di  tre anni  in  primo grado, di due anni in secondo grado,  di  un  anno  nel  giudizio  di legittimità”.

-        2 ter “si considera comunque rispettato il termine ragionevole se il giudizio viene definito in  modo  irrevocabile  in  un  tempo  non superiore a sei anni”.

Se il processo si conclude, per un qualsiasi motivo, in primo grado senza l’appello ed il giudizio di Cassazione, dopo quanto tempo può considerarsi la durata come irragionevole? Dopo 3 anni o dopo 6?

La risposta non è così scontata in quanto sul punto ha dovuto far chiarezza la Corte di Cassazione con la sentenza 23745 del 6 novembre, con riferimento ad un processo durato in unico grado 5 anni.

A seguito della richiesta di ristoro per la durata eccessiva del processo, una donna si era vista negare il proprio diritto in quanto i giudici avevano affermato che la norma sulla conclusione del giudizio nel termine di 6 anni “si pone come norma di chiusura e vale anche per i giudizi svoltisi in unico grado”.

La Cassazione oggi dà ragione alla danneggiata con una pronuncia dalla portata considerevole e, cassando il decreto di rigetto della domanda, afferma “[l’] interpretazione offerta dai giudici di merito finisce col porsi in contrasto, oltre che con la lettera delle disposizioni nel suo complesso, con i principi costantemente affermati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo”.

In sostanza, il comma 2 bis ed il 2 ter vanno letti congiuntamente per cui il termine di 6 anni deve riferirsi solo al processo che si articola in tre gradi. Nel caso di processo esauritosi in grado unico deve essere considerato il termine di 3 anni, superato il quale spetto l’equo compenso da irragionevole durata del processo.

Fonte: Corte di Cassazione 

Luca Tosto

(11 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Legge Pinto | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 3 settembre 2015 n. 17572.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Consiglio di Stato | I riflessi del principio di non aggravio è ragionevole durata del processo nella sentenza del 7.12.2015 n. 5571.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Giustizia - Banca d'Italia | Siglato l'accordo per accelerare i tempi di pagamento in base alla legge Pinto per l'equa riparazione di chi ha subìto un danno patrimoniale e non.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

27 novembre 2018
Concessionario riscossione | La sentenza della Corte di Cassazione del 21 novembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 maggio 2016
Giurisdizione | La Corte di Cassazione ritorna sui criteri di riparto nelle procedure selettive bandite dalle ASL.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.