Condividi la notizia

Trattamento dei dati personali

La Cassazione garantisce la privacy al dipendente pubblico che si prostituisce con annunci a luce rosse sul web

Su segnalazione anonima che un dipendente fa attività di escort, l'Amministrazione apre un procedimento disciplinare e acquisisce on line le pubblicazioni dell'attività di prostituzione. Il Garante della Privacy arriva fino alla Suprema Corte.

Nel palazzo della Provincia era arrivata una segnalazione anonima: un dipendente svolgeva l’attività di escort. La notizia non bastava per applicare una sanzione, occorrevano le prove.

L’Amministrazione procedeva alla verifica della segnalazione mediante accesso ai siti web “a luci rosse” e con i dati raccolti promuoveva un procedimento disciplinare nei confronti del dipendente che terminava con la sanzione della destituzione (cessazione del rapporto d’impiego).

La vicenda giudiziaria prende le mosse dal provvedimento adottato dal Garante della Privacy di divieto di trattare ulteriormente i dati relativi alla vita sessuale del dipendente che viene impugnato dalla Provincia e annullato dal tribunale.

In particolare il Giudice di primo grado accoglieva il ricorso contro il provvedimento del Garante dopo aver precisato che la sanzione si riferiva esclusivamente agli annunci pubblicati su tali siti e non anche alle inserzioni pubblicate su siti di contenuto sociali rivolti prevalentemente a persone omosessuali e bisessuali.

La sentenza di primo grado aveva escluso l’applicazione della legge sulla Privacy in questa vicenda, in quanto  “la raccolta dei dati era volta ad acquisire non già elementi relativi all’orientamento sessuale del dipendente, ma la prova della denunciata pubblicazione dell’attività di prostituzione, che per le modalità scelte era stata ritenuta lesiva dell’immagine dell’Ente.

Ma ciò è inammissibile per il Garante, il quale propone ricorso alla Suprema Corte che con la sentenza n. 21107 (depositata il 7 ottobre 2014) mette “le cose in chiaro".

I soggetti pubblici – affermano i giudici di legittimità – possono trattare i dati personali ma solo nello svolgimento delle funzioni istituzionali dell’ente. Secondo l’art. 18 della legge sulla Privacy (D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196), il  soggetto pubblico, in questa vicenda la Provincia, deve rispettare i presupposti e i limiti della legge.

In particolare sui dati sensibili relativi allo stato di salute e alla vita sessuale dell’interessato, una norma, l’art. 20 chiarisce che, in questi casi, il trattamento è consentito “solo se autorizzato da un’espressa disposizione di legge, in cui devono essere specificati i tipi di dati che possono essere trattati ed i tipi di operazioni eseguibili, nonché le finalità di rilevante interesse pubblico perseguite”.

Pertanto, i dati sensibili, inerenti la vita sessuale delle persone, non possono essere utilizzati senza tener conto di tali norme.  Ma anzi questa tipologia di dati “esige in ragione dei valori costituzionali posti a presidio (art. 3 Cost.), una protezione rafforzata la quale trova espressione anche nelle garanzie previste per il trattamento effettuato dai soggetti pubblici”.

In particolare, precisa la Cassazione che in tema di trattamento dei dati personali da parte di un soggetto pubblico per l’accertamento, nell’ambito di un rapporto di lavoro, di responsabilità disciplinari, l’espressa inclusione della riportata finalità tra quelle di pubblico interesse non è, di per sé, sufficiente ad escludere la necessità del consenso scritto dell’interessato e dell’autorizzazione del Garante, occorrendo, a tale scopo, anche l’indicazione dei tipi di dati sensibili che possono essere trattati e delle operazioni eseguibili sugli stessi, da parte del medesimo soggetto pubblico o, su sua richiesta, dell’Autorità garante, esigendo la particolare natura dei primi, e, segnatamente di quelli riguardanti la salute e la vita sessuale della persona, una protezione rafforzata in ragione dei valori costituzionali posti a loro presidio.

La Cassazione ha affermato quindi l’illegittimità dell’operazione posta in essere dall’Amministrazione, la quale doveva attenersi alla disciplina sul trattamento dei dati personali.

La sentenza di primo grado che aveva dato ragione alla Provincia é stata cassata e, peraltro, non risultando necessari ulteriori accertamenti, la Suprema Corte ha ritenuto di entrare direttamente nel merito rigettando il ricorso a suo tempo proposto dalla Provincia contro il provvedimento del Garante.

Fonte: Corte di Cassazione

Gianmarco Sadutto

(10 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Smartphone e social network | Vademecum del Garante per proteggere la privacy propria e altrui durante le vacanze estive.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2014
Sicurezza Nazionale | I Garanti europei della privacy, riunitisi a Bruxelles, chiedono ai Governi maggiore trasparenza

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

17 maggio 2016
Giurisdizione | La Corte di Cassazione ritorna sui criteri di riparto nelle procedure selettive bandite dalle ASL.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione della Corte di Cassazione n. 18057/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.