Condividi la notizia

Andamento delle economie UE

Per i parametri europei, l'Italia non risulta a rischio di gravi squilibri economici complessivi

La Commissione UE ha messo a punto 11 parametri per valutare i rischi macroeconomici dei 28 Paesi membri ed il nostro Paese non da' segnali di pericolo.

Anche oggi  sono arrivate brutte notizie per il nostro Paese, da parte dell’OCSE e dall’agenzia di valutazione del merito del credito (rating) Standard & Poor’s.  L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ha ribadito che l’Italia è l’unico Paese del G7 in recessione.

I dati erano stati in parte anticipati qualche giorno fa ed, infatti, ne avevamo dato notizia con un articolo pubblicato sul Quotidiano della P.A. il 26 agosto scorso. Oggi, tuttavia, il dato risulta ancora più negativo, con un -0,4%, rispetto al + 0,5% stimato solo quattro mesi fa (a maggio).

Sono state, a questo proposito, riviste anche le previsioni per il 2015, passando dall’1,1% previsto in primavera, all’odierno +0,1%. Anche l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha rivisto al ribasso la stima del prodotto interno loro italiano, passando dal + 0,5% di giugno, all’odierno “zero”.

Naturalmente non si è trattato di una sorpresa, dato che tutti i ”fondamentali” dell’economia italiana, negli ultimi mesi, sono progressivamente peggiorati. Il Premier, tuttavia, non demorde e continua a lanciare segnali di speranza e di incoraggiamento nel tentativo di risollevare il morale di un Paese “depresso”.

Va, peraltro, segnalato come il Sole 24 Ore abbia dato notizia di una procedura messa a punto da qualche anno dalla Commissione Europea e di cui, tutto sommato, la grande stampa ha parlato poco o niente. Si tratta del “Macroeconomic imbalance procedure” (Mip), in base al quale sono stati definiti 11 parametri per valutare l’eventuale esistenza di squilibri strutturali fra i Paesi membri dell’Unione Europea e prevenire crisi future.

Una volta ravvisato l’esistenza di un problema (“squilibrio”) viene notificata una “raccomandazione” al Governo interessato, in base alle specifiche previsioni del Trattato Europeo (art. 121.2).

Tanto per fare un esempio, è stato proprio a seguito del superamento di uno di questi 11 parametri -quello del saldo delle partite correnti, che non può avere un attivo superiore al 6% del Pil o un passivo inferiore al 4% del Pil nella media degli ultimi tre anni- che la Germania è stata invitata ad aumentare la domanda interna per riequilibrare “il surplus delle partite correnti superiori al 7%”.

Per la verità, fino ad oggi, Berlino non ha fatto un granchè per allinearsi al parametro “sforato”; ma questo -è di tutta evidenza- dipende dallo straordinario peso politico sul quale può contare il Governo di Angela Merkel.

Ad ogni buon conto, analizzando tutti gli 11 parametri, si ha la sorpresa positiva di verificare che, una volta tanto, l’Italia non sta nell’elenco delle pecore nere. Dall’analisi si scopre che il parametro meno rispettato è quello del debito/pil, tanto che alla fine dell’anno scorso, ben 13 Paesi su 18 dell’Eurozona (e 16 sui 28 della UE) presentavano un rapporto superiore al 60% previsto specificamente dai trattati.

Più in generale, gli Stati membri in testa alla “black list” di chi non rispetta i parametri del c.d. Mip, sono la Spagna, Cipro, la Grecia e l’Irlanda, fuori regola su quattro degli undici parametri fissati dalla Commissione.

Secondo gli esperti, questi indicatori potrebbero essere molto utili per prevenire quello che di negativo è successo in passato. Se, ad esempio, si guarda all’11° parametro (la variazione annua del totale delle passività del settore finanziario), si può notare che nessun Paese, oggi, “sfora” la soglia fissata del 16,5%.

Tuttavia, si evidenzia che nel 2007 -vale a dire poco prima che scoppiasse la crisi- tutti i Paesi poi collassati e finiti sotto il controllo della Commissione UE, della Bce e del Fondo Monetario (la c.d. “troika”) -vale a dire : Cipro, Grecia, Spagna e Irlanda- avevano superato i limiti stabiliti.

Ciò significa, evidentemente, che i parametri messi a punto dalla Commissione UE possono certamente agire come un segnale premonitore, in alcuni casi assai utile per mettere in atto tutte le necessarie misure per rimettere sulla “retta via” chi ha perso la rotta e sta andando verso il dirupo.

Da questo punto di vista, il Sole 24 Ore segnala che -escluso il rapporto debito/Pil, che vede l’Italia oltre il 133%, anziché il previsto limite del 60%-  rispetto agli altri parametri, come la posizione finanziaria netta ed il debito privato/pil -che la Mip indica come i due punti più sensibili per i prossimi anni- il nostro Paese non è, al momento, considerato in “zona pericolo”.

 

 

Moreno Morando

(15 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 agosto 2014
Crisi economica | L'Istituto di Statistica ha certificato una diminuzione del livello generale dei prezzi, che fa seguito all'entrata in "recessione tecnica"

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2016
Presidenza italiana | Il Ministro della giustizia italiano, On.le Andrea Orlando, presiederà domani la Conferenza Ministeriale OCSE anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | I dati pubblicati su Twitter con l’hashtag #prideandprejudice. La dinamica del debito in Italia è condizionata dalla bassa crescita e non dal rapporto tra spesa ed entrate.

 
 
Condividi la notizia

26 agosto 2014
Dati dell'OCSE | L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) ha comunicato i dati del secondo semestre e l'Italia e' la peggiore, fra le grandi economie (G7)

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Istat | I dati forniti oggi dall'Istat fotografano una diminuzione del valore aggiunto in tutti e tre i grandi comparti di attivita' economica.

 
 
Condividi la notizia

4 gennaio 2016
Mef | Miglioramento di 15 miliardi rispetto al 2014 per maggiori incassi fiscali e minori interessi sul debito pubblico.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2015
Mef | La Commissione Finanze della Camera, nell'ambito dell'indagine conoscitiva, ha ascoltato in audizione la dottoressa Maria Cannata, Capo della Direzione Debito pubblico.

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2014
La Giornata del Premier | Giro vorticoso di incontri per il Presidente del Consiglio che deve far fronte a una situazione sempre piu' preoccupante

 
 
Condividi la notizia

22 marzo 2016
Corruzione internazionale | All'esito della Conferenza ministeriale è stata pubblicata la dichiarazione ufficiale adottata dai Capi delegazione.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2015
Tribunale UE | Il danno patito nel 2012 dai detentori di titoli di credito greci nel quadro della ristrutturazione del debito pubblico dello Stato ellenico non è imputabile alla Banca Centrale Europea.

 
 
Condividi la notizia

19 agosto 2014
Governo Renzi e conti pubblici | Il Presidente del Consiglio stenta ad imporre i suoi ritmi e la sua linea nelle grigie stanze delle Cancellerie europee e mondiali.

 
 
Condividi la notizia

23 agosto 2014
Banche centrali a confronto | Nel forum annuale dei banchieri centrali del mondo in corso negli Stati Uniti, il Presidente della Bce ha esposto le sue "ricette" per risolvere la crisi.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2014
Il Premier in aiuto di Hollande | In visita a Londra (nella foto con il Primo Ministro Britannico Cameron), dichiara di rispettare la decisione francese di sforare il tetto del 3% tra deficit e pil

 
 
Condividi la notizia

17 marzo 2016
Anticorruzione | Anche il Presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, interviene nel corso dei lavori.

 
 
Condividi la notizia

21 ottobre 2015
Oecd integrity week 2016 | È stata fissata la settimana dal 18 al 22 aprile 2016 per la raccolta e diffusione di nuove idee per combattere la corruzione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.