Condividi la notizia

Banche centrali a confronto

Nell'intervento di Draghi l'Italia e' il "convitato di pietra"

Nel forum annuale dei banchieri centrali del mondo in corso negli Stati Uniti, il Presidente della Bce ha esposto le sue "ricette" per risolvere la crisi.

Non so se esista un sondaggio di opinione al riguardo, ma non è difficile immaginare che tra la gente comune i banchieri e le banche centrali non stiano proprio ai vertici di una ipotetica classifica della simpatia. Naturalmente, in parte, per tutta una serie di luoghi comuni non facilmente superabili.

Tuttavia,  quello che è successo dal 2007-2008 con la “bolla” partita dagli Stati Uniti e che ha poi messo in ginocchio praticamente tutte le economie occidentali, non potrà essere dimenticato molto in fretta :  in quel grosso guaio, una parte di questi signori c’entrava, eccome!

Ad ogni buon conto, anche se non sono molto “simpatici”, quello che fanno è sempre molto, ma molto importante e, quindi, è sempre meglio seguire i loro incontri e le loro eventuali decisioni (che, peraltro, non sono sempre così chiare e nemmeno “azzeccate”; ma tant’è).

C’era molta attesa per l’annuale forum delle banche centrali che si sta svolgendo a Jackson Hole, sulle Montagne Rocciose del Wyoming (Stati Uniti). Naturalmente, l’economia europea, e non solo, dipendono molto dalle decisioni della Federal Reserve, ma è evidente che gli occhi -almeno dalle nostre parti- erano principalmente puntati su Mario Draghi, il Presidente della Banca Centrale Europea (Bce).

E’ un po’ preoccupante che -a diverse ore di distanza- non si siano sentiti i pareri della politica nostrana, perché invece il Presidente della Bce, pur non citando mai l’Italia, sembra aver chiaramente parlato “a nuora perché suocera intenda”. Sono pronto a scommettere che domani, nel suo consueto editoriale domenicale su Repubblica, il suo buon amico Eugenio Scalfari ce ne  darà “l’interpretazione autentica”.

In sostanza, il numero uno dell’Eurotower ha sostenuto che per combattere la disoccupazione non sono sufficienti le misure monetarie. Per Draghi serve una combinazione che le preveda, ma insieme con “misure fiscali e strutturali”. In particolare, servono “misure strutturali del mercato del lavoro, di quello dei prodotti ed azioni che migliorino nel complesso l’economia”. Lo riferisce TMnews.

In pratica, Draghi si rivolge ai vertici delle istituzioni europee ma, più specificamente, agli Stati membri della UE e, ancora più in particolare, ad alcuni di essi. Per il Presidente italiano della Bce si dovrebbe agire su due piani. In primo luogo, servono “politiche che permettano ai lavoratori che hanno perso il lavoro di ricollocarsi velocemente riducendo il periodo di disoccupazione”.

Questo risultato, secondo l’ex Governatore della Banca d’Italia, si può ottenere “con la contrattazione dei salari decentralizzata a livello locale, in modo da riflettere sia le condizioni locali del mercato del lavoro e sia la produttività”. Ma, soprattutto, serve “flessibilità” nel mercato del lavoro, per raggiungere questi risultati.

A questo punto, Mario Draghi ha fatto un esempio confrontando Irlanda e Spagna, con la prima che si è ripresa molto più rapidamente dalla crisi, soprattutto grazie ad una elevata flessibilità della manodopera, che ha dato margini alle imprese per risparmiare sul costo del lavoro.

La Spagna, al contrario, ha pagato pesantemente lo scotto dell’intoccabilità degli stipendi con una forte diminuzione dell’occupazione , almeno -ha aggiunto Draghi- fino al 2012, quando ha cambiato strada “introducendo flessibilità nel mercato del lavoro”.

Draghi, si diceva, non ha citato il nostro Paese, ma il discorso sembrava proprio tagliato su misura per noi che, al contrario della Spagna, in questo campo, di concreto non abbiamo fatto praticamente nulla. Oltretutto, i pessimi rapporti tra il Premier e le organizzazioni sindacali non sembrano prospettare passi in avanti ; a meno di un cambio di marcia radicale e decisionista da parte del Governo, al momento non ipotizzabile, tuttavia, stando alle diplomatiche dichiarazioni del Ministro del Lavoro Poletti.

Il discorso di Mario Draghi a Jackson Hone ha toccato poi la “seconda ricetta”, vale a dire la “combinazione di competitività sui costi con la specializzazione in attività ad alto valore aggiunto per aumentare le competenze”. Diversi anni fa, con un discorso del genere si sarebbe pensato all’Italia, che grazie al livello del suo settore manifatturiero ed all’eccellenza dei suoi prodotti, stava conquistando sempre più mercati. Ora, però, non è più così; e il Presidente della Bce ha, invece, citato la Germania, per i grandi successi raggiunti in questo settore.

Draghi ha poi spiegato che l’aumento della professionalità della forza lavoro “rende meno intensi i periodi di disoccupazione”. Il presidente della Bce ha evidenziato che questo “si riscontra nel fenomeno della disoccupazione giovanile (15-24 anni), passata dal 15% del 2007 al 24% del 2013. Nei fatti, i giovani meno qualificati rischiano di perdere l’accesso al mercato del lavoro”, ha concluso Mario Draghi.

Anche qui, nessun accenno all’Italia; che però, sostanzialmente, nello scenario rappresentato dal numero uno dell’Eurotower, sembra essere stata una sorta di “convitato di pietra” : in sostanza, un soggetto assente, al quale tutti pensavano, ma senza che nessuno osasse nominarlo direttamente.

 

 

 

 

 

Moreno Morando

(23 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 agosto 2014
Crisi economica | L'Istituto di Statistica ha certificato una diminuzione del livello generale dei prezzi, che fa seguito all'entrata in "recessione tecnica"

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2014
Economia | Mario Draghi annuncia nuove misure per contrastare la deflazione in Europa. Scende allo 0,15% il tasso principale della BCE. In cantiere nuove aste di liquidità a lungo termine e operazioni per il rilancio del credito bancario.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Economia dell'eurozona | Dopo la riunione del vertice della Banca Centrale, il Presidente Mario Draghi ha comunicato un serie di interventi per scongiurare lo spettro della deflazione ed aumentare la competitivita' delle imprese dell'eurozona

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2014
La Giornata del Premier | Giro vorticoso di incontri per il Presidente del Consiglio che deve far fronte a una situazione sempre piu' preoccupante

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2014
Economia reale | Si tratta del Tltro, un credito agevolato alle banche a condizione che i soldi siano "girati" alle imprese. In Italia arriveranno 52 miliardi

 
 
Condividi la notizia

10 agosto 2014
Riforme e recessione | Nelle sue interviste a La Stampa e al Financial Times il Premier ribadisce che sara' lui a decidere sulle riforme.

 
 
Condividi la notizia

26 agosto 2014
Dati dell'OCSE | L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) ha comunicato i dati del secondo semestre e l'Italia e' la peggiore, fra le grandi economie (G7)

 
 
Condividi la notizia

24 agosto 2014
Il Premier sulla UE | Il Presidente del Consiglio ha invocato "aria nuova" per il Paese ed ha poi richiesto all'Unione Europea maggiore flessibilità.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2015
Tribunale UE | Il danno patito nel 2012 dai detentori di titoli di credito greci nel quadro della ristrutturazione del debito pubblico dello Stato ellenico non è imputabile alla Banca Centrale Europea.

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2015
Banca Centrale Europea | Ne dà notizia la Banca d'Italia, sul sito istituzionale. La scadenza delle domande è fissata per il prossimo 15 settembre.

 
 
Condividi la notizia

31 marzo 2015
Lavoro | Dopo la crescita di dicembre ed il dato stabile di gennaio, nel mese scorso diminuiscono gli occupati dello 0,2% (-44.000 unita').

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Istat | I dati forniti oggi dall'Istat fotografano una diminuzione del valore aggiunto in tutti e tre i grandi comparti di attivita' economica.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2014
Istat | Senza lavoro 3,5 milioni di italiani . Disoccupazione ai massimi per i giovani e aumenta il numero degli “scoraggiati”.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2014
Andamento delle economie UE | La Commissione UE ha messo a punto 11 parametri per valutare i rischi macroeconomici dei 28 Paesi membri ed il nostro Paese non da' segnali di pericolo.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2014
Riforme | La tesi del Presidente della Bce sembra molto simile a quella di Eugenio Scalfari, secondo cui l'Italia dovrebbe affidarsi alla "troika", cioe' UE, Bce e Fmi.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.