Condividi la notizia

Abusi edilizi

Domanda di accertamento di conformità: solo in caso di diniego la P.A. deve emettere una nuova ordinanza di demolizione

Il Comune, prima di pronunciarsi sulla domanda e solo all'esito negativo, può applicare le sanzioni previste per l'abuso edilizio. La sentenza del TAR Lazio, Sez. II bis del 6.2.2015.

È giurisprudenza pacifica che, ove sia presentata una domanda di accertamento di conformità di opere abusive, la p.a. “deve prima pronunciarsi su detta domanda e solo all'esito negativo dell'esame della medesima può applicare le sanzioni previste per l'abuso edilizio - imponendo il principio di economicità e coerenza dell'azione amministrativa che si impedisca di previamente sanzionare ciò che potrebbe essere successivamente sanato - con la conseguenza che, in caso di concessione della sanatoria, l'abuso viene meno e, in caso di diniego del richiesto accertamento di conformità, l'amministrazione deve emettere una nuova ordinanza di demolizione con fissazione di nuovi termini per ottemperarvi; pertanto, la presentata richiesta di permesso di costruire in sanatoria, ove pure incidesse solo su di una parte del manufatto, deve essere evasa prima dell'adozione del provvedimento repressivo”.

Sulla base di tale principio il TAR Lazio, Roma,  Sez. II bis, con sentenza del 6.2.2015 n. 2264 ha affermato che se risulta pendente una domanda di condono edilizio, sebbene l’amministrazione intimata abbia comunicato il preavviso di rigetto, ai sensi dell’art. 10 – bis della l. n. 241/90, ma la domanda non risulta ancora definita con un provvedimento espresso, soltanto all’esito di tale procedimento (se verrà confermata la valutazione espressa, in sede di preavviso), potrà essere irrogato un nuovo provvedimento sanzionatorio.

Enrico Michetti 

La Direzione

(6 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Efficacia temporalmente limitata del provvedimento adottato dall'Amministrazione. Le conseguenze nella sentenza del TAR Lazio del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2015
Consiglio di Stato | La sentenza del 5 gennaio 2015 sull'insufficienza della dichiarazione sostitutiva di atto notorietà.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2016
Corte di Cassazione | Legittima la revoca del beneficio se non si adempie entro 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente l'ordine. L'irrilevanza del mancato decorso del termine assegnato nell'ordinanza del Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Solo la parte interessata può attivare il procedimento di accertamento di conformità urbanistica. La sentenza del TAR Campania del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Le conseguenze dell'inottemperanza all'ordine di demolizione nei principi sanciti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 16 luglio 2015, n. 3555.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
Condono edilizio | La sentenza del TAR Potenza del 13.6.2015 sull'interpretazione della Legge n. 326/2003 alla luce della Legge regionale n. 18/2014.

 
 
Condividi la notizia

1 novembre 2016
Corte di Cassazione | L'ordine di ripristino va eseguito dal nuovo proprietario dell'immobile anche se non ha commesso l'abuso, salva la sua facoltà di far valere, sul piano civile, la responsabilità, contrattuale o extracontrattuale, del proprio dante causa.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2014
Consiglio di Stato | I Giudici di Palazzo Spada confermano che il provvedimento di demolizione di abusi edilizi é un atto vincolato per il quale non occorre alcun avviso di avvio del procedimento.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2015
Giustizia amministrativa | Le condizioni che evitano l'acquisizione gratuita al patrimonio comunale nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

10 febbraio 2015
Consiglio di Stato | I principi sanciti nella sentenza del 10 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2014
Abusi edilizi | Nessuna sospensione del termine di 90 giorni per eseguire l'ordinanza di demolizione. L'inottemperanza comporta l'acquisizione al patrimonio comunale.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Abusi edilizi | Il Comune non e' obbligato a rispondere alla segnalazione del confinante che denuncia il vicino per abusi edilizi se lo stesso e' un abusivista.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.