Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Abusi edilizi fronte mare: quando l'appello è ... l'ultima spiaggia

Inutile la comunicazione di avvio del procedimento per annullare il nulla osta paesaggistico.

Due cittadini pugliesi hanno edificato un immobile senza permesso di costruire in zona paesaggisticamente tutelata e, ai sensi della seconda legge sul condono edilizio (L. n. 724 del 1994), hanno chiesto la sanatoria. Il Comune si mostra favorevole al condono e rilascia il nulla osta paesaggistico, quale ente delegato, anche se l’abuso insiste invero su area ubicata a meno di 300 metri dalla fascia costiera.

La Soprintendenza interviene annullando il nulla osta, ritenendolo assunto in violazione dell’art. 51 lett. f) della legge regionale della Puglia 31 maggio 1980 n. 56, che prevede il divieto di edificazione assoluta entro la fascia di 300 metri dal mare.

Inevitabile il giudizio instaurato dinanzi ai giudici amministrativi.

Il Tribunale amministrativo pugliese ha respinto il ricorso, ritenendo infondata la censura di violazione delle garanzie partecipative, sulla considerazione che al momento della presentazione della domanda di concessione in sanatoria vigeva il divieto assoluto di qualsiasi opera di edificazione entro la fascia di 300 metri dal confine del demanio marittimo, o dal ciglio più elevato dal mare, posto dall’art. 51 lett. f) della suddetta legge regionale, divieto che costituisce un vincolo assoluto di inedificabilità e che, quindi, comporta l’applicazione dell’art. 33 della legge 28 febbraio 1985 n. 47.

E’ il caso di dire che quella del Consiglio di Stato costituiva, per i due abusivi, l’ultima “spiaggia”.

La sentenza del TAR è stata confermata in pieno dalla decisione n. 2509 del 18 maggio 2015 resa dalla Sesta sezione.

I giudici del gravame hanno ritenuto palesemente infondata la censura relativa alla violazione dell’obbligo di comunicazione dell’avvio del procedimento, obbligo che non deve essere inteso in senso formalistico, ma risponde all’esigenza di apportare l’apporto collaborativo da parte dell’interessato. E’ evidente, infatti, che tale obbligo viene meno (e si risolve in un aggravio procedimentale) qualora nessuna effettiva influenza potrebbe avere la partecipazione del privato rispetto alla portata non discrezionale del provvedimento finale, come del resto prevede l’art. 21 octies comma 2 della L. n. 241 del 1990.

Nel caso di specie, quindi, l’apporto dei due proprietari non avrebbe potuto condurre ad un esito diverso da quello che la Soprintendenza ha poi adottato, visto l’inequivoco tenore letterale della normativa che impediva di condurre a legittimità l’abuso realizzato.

Rodolfo Murra

(18 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

6 febbraio 2018
Consiglio di Stato | Secondo i giudici di Palazzo Spada non è neppure necessario acquisire il parere della Soprintendenza.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Abusi edilizi | Il Consiglio di Stato ribalta la decisione del TAR e dà  ragione alla Soprintendenza che aveva negato il condono.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Le conseguenze dell'inottemperanza all'ordine di demolizione nei principi sanciti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 16 luglio 2015, n. 3555.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2015
Giustizia amministrativa | Le condizioni che evitano l'acquisizione gratuita al patrimonio comunale nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2015
Abusivismo | Il Consiglio di Stato spiega come si può impedire l'acquisizione dell'immobile al patrimonio comunale.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2015
Consiglio di Stato | La sentenza del 5 gennaio 2015 sull'insufficienza della dichiarazione sostitutiva di atto notorietà.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2018
TAR Lombardia | I giudici milanesi affrontano il tema della "precarietà" dell'opera edilizia.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.