Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Il maltrattamento di animali può essere commesso anche solo esponendoli ad un pericolo

Basta il dolo indiretto per rispondere del delitto di cui all'art.544 ter c.p. quando, senza necessità, si provocano lesioni.

La fattispecie di reato di “maltrattamento di animali” prevista e punita dall’art. 544ter del codice penale, configura un reato a “dolo specifico” nel caso in cui la condotta lesiva della integrità e della vita dell’animale è tenuta per “crudeltà”, mentre configura un reato a “dolo indiretto” quando la condotta è tenuta “senza necessità” .

E’ questo il principio di diritto sancito dalla Suprema Corte nella sentenza in commento.    

Il delitto di cui discutiamo punisce  “ chiunque per crudeltà o senza necessità , cagiona una lesione ad un animale….”.

Nel caso specifico, con sentenza n. 17012/2015, la Corte di Cassazione, ha affermato che integra il reato di maltrattamento di animali la condotta dell’agente che, esercitando in modo abusivo la caccia ed installando, in particolare, trappole illegali, provochi lesioni ad un animale.

In pratica, si è in presenza di un dolo specifico quando il soggetto agente pone in essere la condotta  con la precisa volontà che da essa scaturisca proprio un determinato evento (lancio la freccia affinché si conficchi nel bersaglio prescelto).

 Si avrà dolo indiretto quando l’agente pone in essere una  condotta  avendo  piena coscienza che da essa potranno prodursi, con significativa probabilità, eventi dannosi che pur non costituendo la vera ragione  della condotta stessa, sono accettati come possibilità senza che questa eventualità lo induca a desistere. 

Ma la ragione di interesse della sentenza in commento è da rinvenire proprio nel chiarimento della  distinzione operata dalla Suprema Corte tra maltrattamenti per “crudeltà” e maltrattamenti posti in essere “senza necessità”, pur dovendo aver presente che  “il bene della vita”, che l’ordinamento intende tutelare, è sempre lo stesso : il sentimento per gli animali.

Con un esempio, non di scuola ma pratico, se un soggetto lascia incustodito e dunque abbandona, sia pure temporaneamente, il proprio cane, poniamo di piccola taglia, tenendolo legato ad un albero di un parco pubblico frequentato da altri cani, anche randagi, di grossa taglia ed aggressivi, potrà essere ritenuto responsabile del delitto di “maltrattamento” laddove il proprio cane sia assalito e ferito.  

Alla luce del principio enunciato dalla Corte di Cassazione tutti noi siamo chiamati ad una maggiore attenzione nei confronti degli animali. 

Luigi Marcelli

(25 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 marzo 2015
Riforme | Il testo della norma appena pubblicata sulla G.U. prevede la non punibilità nei reati per i quali è prevista una pena non superiore a 5 anni, ma con importanti eccezioni.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | L'ordinanza della Suprema Corte n. 27276 del 4 luglio 2016 sull'applicazione dell'art. 131 bis del codice penale per tenuità del fatto.

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2014
Delfinario di Rimini | La Corte di Cassazione ha affermato che integra il reato di “maltrattamento di animali”, il mantenimento in cattività dei delfini, in vasche con dimensioni e caratteristiche tecniche non conformi alle prescrizioni del D.M.469/2001.

 
 
Condividi la notizia

3 maggio 2014
Riforma | Atti osceni, immigrazione clandestina, falsità in atti, danneggiamento e molti altri delitti diventeranno semplici illeciti amministrativi, in Gazzetta Ufficiale la legge per trasformare i reati in sanzioni e messa in prova degli imputati.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2015
Depenalizzazione | A distanza di un mese dall'entrata in vigore già tre questioni interpretative.

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2014
Depenalizzazione | Approvato dal Consiglio dei Ministri lo schema di decreto legislativo per la chiusura dei procedimenti con l'archiviazione o assoluzione dei soggetti che hanno commesso fatti di rilievo penale caratterizzati da una complessiva tenuità del fatto.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Codice Penale | Entra in vigore il 18 aprile il nuovo art. 416-ter del codice penale

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
D.lgs n. 158/2015 | Il pagamento del debito tributario ed i suoi effetti estintivi. Le nuove cause di non punibilità.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Particolare tenuità del fatto | La Suprema Corte riconosce l'applicabilità della nuova figura deflattiva al reato ex art.186 del codice della strada.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2016
Riforma | La Camera dei deputati ha approvato in via definitiva i nuovi delitti.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Depenalizzazione | Nessuna applicazione a molti dei reati rientranti nella cornice edittale massima di 5 anni. Per esempio: maltrattamenti in famiglia, violazione degli obblighi di assistenza famigliare, Stalking, furto in abitazione e furto con strappo ecc..

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Ecoreati | Il Senato ha approvato in via definitiva la norma che introduce nel codice penale il Titolo VI-bis sui delitti contro l'ambiente.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Parlamento | Introdotti gli arti.589 bis e 590 bis del codice penale. Sì definitivo al Senato con con 149 voti favorevoli, 3 contrari e 15 astenuti.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Vittime della strada | Il vice-ministro Nencini si dichiara favorevole alla modifica del codice penale e del codice della strada per impedire che "chi ha provocato la morte di qualcuno sotto l'effetto di alcol o droga non passi neanche un giorno nelle patrie galere".

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.