Condividi la notizia

D.lgs n. 158/2015

Reati tributari: la riforma in pillole

Il pagamento del debito tributario ed i suoi effetti estintivi. Le nuove cause di non punibilità.

Il decreto in commento consta di tre titoli: revisione del sistema sanzionatorio penale tributario (Titolo I), revisione del sistema sanzionatorio amministrativo (Titolo II), decorrenza effetti, abrogazioni e disposizioni finanziarie (Titolo III).

In questo ed in successivi interventi si affronteranno le più rilevanti novità del decreto agli effetti penali.

Oggi è la volta del pagamento del debito tributario e dei suoi effetti estintivi o attenuanti.

Il comportamento resipiscente del contribuente che provveda a regolarizzare le proprie pendenze con l’amministrazione finanziaria dà luogo difatti a vere e proprie cause di non punibilità o a circostanze attenuanti speciali ad effetto speciale.

Di fondamentale rilievo risultano, a detto riguardo, le disposizioni contenute nei nuovi articoli 13 e 13 bis d. lgs. n. 74 del 2000 come novellati dalla normativa in questione.

All'art.13, comma 1, viene introdotta la causa di non punibilità dei reati di omesso versamento delle ritenute dovute o certificate (articolo 10 bis d. lgs. 74/2000), di omesso versamento di IVA (articolo 10 ter d. lgs. 74/2000), di indebita compensazione (articolo 10 quater, limitatamente all’ipotesi di cui al comma 1), qualora i debiti tributari, comprensivi di sanzioni e interessi, siano stati integralmente pagati prima dell’apertura del dibattimento.

Al comma 2, si prevede la non punibilità dei reati di dichiarazione infedele (articolo 4 d. lgs. 74/2000) e di omessa dichiarazione (articolo 5 d. lgs. 74/2000) qualora i debiti tributari, comprensivi di sanzioni e interessi, siano stati pagati – nella prima ipotesi - ovvero qualora la dichiarazione omessa sia stata presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta successivo – nella seconda ipotesi -; il pagamento o la presentazione devono però intervenire prima che l’autore del reato abbia avuto formale conoscenza diaccessi, ispezioni, verifiche o dell’inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali.

Il comma 3, infine, disciplina le modalità del pagamento del debito tributario, con la previsione di cause estintive.

Se il pagamento è in corso mediante rateizzazione prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado: è dato (obbligatoriamente) un termine di tre mesi per il pagamento del debito residuo; il giudice comunque ha facoltà diprorogare tale termine una sola volta per non oltre tre mesi qualora lo ritenga necessario, in ogni caso la prescrizione resta sospesa.

L’articolo 13 bis, invece, prevede, per i delitti ex d. lgs. 74/2000, rispetto i quali non è applicabile la causa estintiva di cui all’articolo 13, una circostanza attenuante speciale, con riduzione della pena fino alla metà, correlata al pagamento dei debiti tributari, comprese sanzioni amministrative e interessi, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento.

Giovanni Tartaglia Polcini

(29 ottobre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | L'ordinanza della Suprema Corte n. 27276 del 4 luglio 2016 sull'applicazione dell'art. 131 bis del codice penale per tenuità del fatto.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2018
Giustizia | Il diritto di critica nell'esercizio del diritto di difesa. La causa di non punibilità di cui all'art. 598 codice penale.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Imu, TASI, ritenute Irpef, acconto IVA, tutte le entrate tributarie che affluiscono al bilancio dello Stato nel mese di dicembre rappresentano circa l'11% del totale annuo.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2014
dipartimento delle finanze | I dati dell'Osservatorio sulle partite Iva aggiornati ad agosto 2014

 
 
Condividi la notizia

14 aprile 2015
Fisco | Il meccanismo della scissione dei pagamenti Iva trova nuovi chiarimenti nella circolare n. 15/E.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
Economia | 38.607 nuove partite IVA, 9.312 soggetti hanno aderito al regime fiscale di vantaggio.

 
 
Condividi la notizia

25 agosto 2016
CdM | Stanziati 50 milioni di euro. Via libera ad un decreto MEF per il differimento dei tributi. Affrontati argomenti sulla Riforma della Pubblica Amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2016
Agenzia delle Entrate | La circolare sull'aliquota Iva ridotta, l'esenzione per le onlus e la decorrenza della nuova disciplina.

 
 
Condividi la notizia

14 marzo 2015
Unione Europea | Due sentenze stabiliscono che Francia e Lussemburgo non possono applicare un'aliquota IVA ridotta ai libri elettronici. Dal 1 gennaio 2015 anche l'Italia ha previsto l'aliquota super ridotta.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Agenzia delle entrate | La nuova “marca servizi” funziona allo stesso modo della comune marca da bollo. Può essere utilizzata per i tributi relativi alle operazioni di visura, ispezione, rilascio di copie e certificazioni, volture catastali.

 
 
Condividi la notizia

21 marzo 2016
Tributi Locali | Superato il contrasto giurisprudenziale. Il principio sancito dalle Sezioni Unite nelle sentenza n. 5078 del 15.3.2016.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Agenzia delle Entrate | Con i provvedimenti del 15 gennaio 2015 sono stati approvati i modelli e le istruzioni del 730, dell’Iva, del 770 Ordinario e Semplificato e della Certificazione unica.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
Funzione Pubblica | Renzi:"Madia mi ha portato il report delle consultazioni sulla riforma della P.A.". "Ci siamo"

 
 
Condividi la notizia

3 settembre 2014
Corte di cassazione | La pronuncia della Suprema Corte: per un privato cedere beni ed effettuare opere di urbabizzazione al posto del pagamento in denaro per il rilascio di provvedimenti comunali non è considerata "operazione permutativa" soggetta al pagamento dell'IVA.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforma della P.A. | In discesa la strada del decreto sulla riforma della P.A. e la crescita. Ora la palla passa al Parlamento.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.