Condividi la notizia

Lavori pubblici

Bandi di gara: la scure di Cantone sulle clausole di pagamento legate ai finanziamenti comunitari

Monito sulla copertura finanziaria. Necessità di una verifica ex ante della sostenibilità economica degli interventi da realizzare. Niente spese senza impegno contabile. Al bando le clausole di stile sulla necessità del rispetto del patto di stabilità.

E’ stato pubblicato, sul sito istituzionale dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, il Comunicato del 6 ottobre 2015 del Presidente Raffaele Cantone, in tema di clausole relative alle modalità di pagamento dei lavori pubblici finanziati in tutto o in parte da soggetti esterni.

In particolare, nella nota si precisa che è stata segnalata all’Autorità la circostanza che, in diversi bandi di gara relativi all’affidamento di lavori pubblici, viene inserita una clausola che subordina i pagamenti dovuti all’impresa esecutrice all’ottenimento di finanziamenti da parte di soggetti terzi (es. finanziamenti derivanti da fondi europei) ovvero a risorse non ancora a disposizione - quanto meno in termini di cassa - da parte della stazione appaltante.

Raffaele Cantone, nel Comunicato in esame, evidenzia che il principio di buon andamento di cui all’art. 97 Cost. unitamente alle previsioni dell’art. 81 Cost., impone che i provvedimenti comportanti una spesa siano adottati soltanto in presenza di idonea copertura finanziaria.

In attuazione di tali principi, ad esempio, il d.lgs. 267/2000, Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, prevede che «gli enti locali possono effettuare spese solo se sussiste l'impegno contabile registrato sul competente programma del bilancio di previsione e l'attestazione della copertura finanziaria di cui all'articolo 153, comma 5 (art. 191, comma 1)».

Pertanto, la stazione appaltante ha l’onere di verificare ex ante la sostenibilità finanziaria degli interventi che intende realizzare, anche in considerazione dei limiti posti dal patto di stabilità, garantendone la permanenza anche in fase di esecuzione, coerentemente a quanto previsto nel bando di gara che, a norma dell’art. 64 d.lgs. 163/2006, deve contenere, tra l’altro, le informazioni di cui all’allegato IX A del Codice dei contratti pubblici, ivi incluse quelle relative alle modalità essenziali di finanziamento e di pagamento e/o riferimenti alle disposizioni in materia.

Su tale ultimo punto, l’Autorità precisa che la specifica disciplina dei termini e delle modalità di pagamento previste nella lex specialis deve essere conforme alle prescrizioni normative di cui al d.lgs. 9.10.2002 n. 231, come modificato dal d.lgs. 9.11.2012 n. 192.

L’A.N.AC. richiama in merito la determinazione dell’Autorità n. 4 del 7.7.2010, nella quale è indicato che «non può ritenersi sufficiente che la stazione appaltante, per derogare alla suddetta normativa puntuale, faccia in sede di bando di gara un generico richiamo alla necessità del rispetto del patto di stabilità interno.

Eventualmente, in via del tutto eccezionale, il bando potrà indicare quelle condizioni oggettive, specificamente individuate, che impediscono alla stazione appaltante di rispettare le condizioni di pagamento imposte dalle norme, purché le stesse non siano imputabili alla violazione del dovere generale che grava sulle amministrazioni pubbliche di verificare la compatibilità del programma dei pagamenti con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica».

Nel Comunicato in esame, il Presidente Cantone rileva, infine, che la previsione di termini e modalità di pagamento incerti, in quanto legati a finanziamenti ottenuti ma non ancora erogati, oltre a non poter garantire la tassatività dei termini di pagamento prescritta dal diritto comunitario e nazionale, genera problematiche connesse alla sostenibilità della partecipazione alle gare stesse da parte dei soggetti privati, riducendone gli incentivi ed alterando, in tal modo, le condizioni di concorrenza sul mercato.

Fonte: A.N.AC.

 

Moreno Morando

(6 ottobre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 maggio 2018
TAR LAZIO | Può la stazione appaltante scegliere una delle due offerte?

 
 
Condividi la notizia

14 aprile 2015
Consiglio di Stato | La valenza delle delucidazione fornite prima della scadenza del termine di presentazione delle offerte nei principi sanciti nella sentenza della Quarta Sezione del 14.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

27 febbraio 2018
TAR PUGLIA | Il dipendente della stazione appaltante non può far parte del board di una cooperativa sociale.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2015
Fiscalità | Pubblicato il Decreto contenente l'elenco dei Comuni che nel 2014 non hanno rispettato il patto di stabilità. Nell'Allegato al decreto sono indicate le sanzioni per ciacun Ente Locale.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2016
Contratti pubblici | Il parere reso dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato sullo schema di decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Appalti | Per il Consiglio di Stato se i modelli predisposti dalla stazione appaltante hanno indotto in errore, il concorrente va comunque escluso dalla gara se ha reso dichiarazioni incomplete sui requisiti di partecipazione

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2015
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA | La "piena conoscenza degli atti di gara" nei principi richiamati dal TAR Potenza.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2014
Ragioneria dello Stato | I Comuni sopra i 1000 abitanti dovranno trasmettere al Mef le informazioni per il monitoraggio semestrale del patto di stabilità. Primo invio entro il 31 luglio.

 
 
Condividi la notizia

16 marzo 2015
Ragioneria Generale dello Stato | L'omessa trasmissione comporta, a prescindere dal rispetto o meno del patto di stabilità interno, il divieto di assunzione di personale.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2015
A.N.AC. | In particolare, la n. 10/2015 contiene le linee guida per l'affidamento delle concessioni di lavori pubblici e di servizi ai sensi del D. Lgs. n. 163/2006.

 
 
Condividi la notizia

20 gennaio 2015
Fiscalità Enti Locali | In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, la Ragioneria Generale dello Stato ha diffuso il decreto MEF sulla riduzione degli obiettivi del patto di stabilità interno per l'anno 2014 dei comuni.

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2016
ANAC | Il Comunicato sull'attivazione delle nuove modalità informatiche per il Codice Identificativo Gara.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2018
CONSIGLIO DI STATO | Quando i "chiarimenti" resi dalla stazione appaltante sono legittimi e non pregiudicano i concorrenti.

 
 
Condividi la notizia

28 novembre 2014
Commissione Europea | Apprezzamento dell'Ue, ma resta il rischio di non conformità con i requisiti del Patto di Stabilità e Crescita. A marzo valutazione sui progressi.

 
 
Condividi la notizia

26 gennaio 2016
Ragioneria generale dello Stato | Disponibile il decreto sul riparto degli spazi finanziati tra i comuni per i pagamenti sostenuti, con risorse proprie in cofinanziamento.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.