Condividi la notizia

riforma

Omicidio stradale: le novità in sintesi

Le finalità della nuova legge n. 41/2016. I tre livelli di pena. La fascia sanzionatoria per le lesioni stradali.


La nuova legge n. 41 del 23 marzo 2016, in vigore dal 25 marzo scorso, introduce nel codice penale le nuove fattispecie di Omicidio stradale (art. 589-bis cp) e di Lesioni personali stradali gravi e gravissime (art. 590-bis cp).

Lo spirito della legge è quello di punire più severamente chi, alla guida di un veicolo, uccide o cagiona delle lesioni gravi a qualcuno, compiendo quelle infrazioni gravi e tipiche che fanno qualificare l’omicidio o la lesione da colposa a stradale.
Il forte inasprimento di pena può arrivare, per l’omicidio stradale, fino a 18 anni di reclusione in caso di morte di più persone e, per il reato di lesioni stradali, fino a sette anni di reclusione.

Per l’omicidio stradale la riforma prevede tre livelli di pena, che corrispondono a comportamenti di diversa gravità:

  • la pena va da 8 a 12 anni per l'omicidio stradale in stato di ebbrezza superiore a 1,5 grammi per litro e in caso di assunzione di stupefacenti;
  • la pena va da 5 a 10 anni in caso di tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 grammi per litro, eccesso di velocità, attraversamento con il semaforo rosso, circolazione contromano, inversione di marcia in prossimità di incroci curve o dossi, sorpasso con linea continua;
  • la pena va da 2 a 7 anni in tutti gli altri casi.

E’ inoltre prevista una aggravante per chi fugge, in questi casi l’aumento di pena va da un terzo a due terzi; La pena è inoltre aumentata in caso di guida con patente revocata o sospesa e senza assicurazione.
Infine, qualora il conducente cagioni la morte di più persone, ovvero la morte di una o più persone e lesioni a una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni diciotto.


Anche per quanto concerne le Lesioni personali stradali (art. 590-bis cp), la fascia sanzionatoria varia in funzione della gravità della violazione:

  • in caso di ebbrezza superiore a 1,5 grammi per litro e uso di stupefacenti, per le lesioni gravi la pena va da 3 a 5 anni e per quelle gravissime da 4 a 7 anni;
  • in caso di ebbrezza tra 0,8 e 1,5 gr e per comportamenti particolarmente gravi (eccesso di velocità, attraversamento con il semaforo rosso, circolazione contromano, inversione di marcia in prossimità di incroci curve o dossi, sorpasso con linea continua) le lesioni gravi vanno da 1 anno e mezzo a 3 anni e per le gravissime da 2 a 4 anni;
  • negli altri casi le lesioni gravi sono punite da 3 mesi a 1 anno e le gravissime da 1 a 3 anni;

Anche per le lesioni, l'aggravante per la fuga va da un terzo a due terzi, ed in ogni caso la pena non può essere inferiore a 3 anni; se l'evento è conseguenza anche di un comportamento colposo della vittima il giudice può diminuire la pena fino alla metà.

In chiusura occorre osservare come una novità di non poco rilievo è rappresentata anche dal fatto che la nuova legge, oltre a prevedere, per i casi gravi, l’arresto obbligatorio in flagranza, prevede anche pene edittali tali da evitare le limitazioni alla custodia cautelare in carcere, nonostante la riforma in chiave garantista dell’anno scorso.

Luca Petrucci  e Duccio Poggianti

Osservatorio Penale G.A.R.I

La Direzione

(1 aprile 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 ottobre 2014
Corte di Cassazione | La Prima Sezione della Suprema Corte con sentenza n. 43394 del 16 ottobre 2014 supera il contrasto giurisprudenziale in materia di "quasi flagranza" di reato. Niente arresto in "quasi" flagranza se avviene dopo l'acquisizione di informazioni da parte di terzi.

 
 
Condividi la notizia

30 marzo 2016
Approfondimenti | Si pubblica la circolare della Procura della Repubblica di Trento sulla nuova disciplina.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Consiglio dei Ministri | Aumentate le pene del delitto di corruzione propria anche per aumentare i tempi di prescrizione del reato. Migliorato lo strumento della confisca allargata. Patteggiamento solo con restituzione del profitto del reato.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Convalida dell'arresto | Quando la nozione di "inseguimento" ad opera della forza pubblica comprende anche l'arresto di chi è "trattenuto" dal cittadino nella sentenza n. 13001/2016.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Riforma della P.A. | Invito ad eliminare la responsabilità penale dei dirigenti e le azioni per danno all'immagine. I punti principali ed il testo del parere n. 864/2016 sullo schema di decreto.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Cassazione | La Suprema Corte ribadisce il principio secondo cui l'ente risponde anche in mancanza di condanna della persona fisica.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Responsabilità medica | Policlinico Umberto I di Roma, accertata anche dalla Corte dei Conti la colpa grave degli anestesisti che dovranno risarcire l'Università La Sapienza.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

22 aprile 2018
Corte di Cassazione | Non sempre l'Amministratore di un "forum" in rete è personalmente responsabile del contenuto.

 
 
Condividi la notizia

20 settembre 2015
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Suprema Corte in materia di documenti giuridici destinati ad inserirsi nel procedimento amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

10 settembre 2014
Frode assicurativa | In sede penale patteggia la sua pena e questo lo inchioda davanti alla Corte dei Conti che lo condanna per danno all'immagine.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2016
Lavoro in agricoltura | Reclusione fino a sei anni per ogni lavoratore reclutato. Atresto in flagranza di reato. Tutela delle vittime. Molte le modifiche. Approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati il disegno di legge.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2019
CORTE DI CASSAZIONE | Minacce e lesioni dopo la richiesta di esibire il titolo di viaggio.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2016
Corte di Cassazione | Quando una burla diventa PENALE. La sentenza della Suprema Corte n. 24135 del 10.7.2016.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.