Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Diffamazione a mezzo di forum in rete e responsabilità penale

Non sempre l'Amministratore di un "forum" in rete è personalmente responsabile del contenuto.

Una minorenne è  stata ritenuta colpevole del reato di diffamazione, aggravata dall'utilizzazione del mezzo di pubblicità attraverso la rete Internet, per avere, comunicando con più persone, diffuso notizie e scritti, utilizzando il proprio nome e cognome, o anche utilizzando uno pseudonimo, su un certo sito internet da lei amministrato, consistenti in una campagna denigratoria nei confronti delle case editrici a pagamento (di cui all'acronimo EAP), campagna denominata "NOEAP", a mezzo della quale ledeva la reputazione in particolare di un amministratore di una casa editrice (pubblicando, in particolare, immagini frutto di montaggio, riferibili alla persona offesa, atte a ridicolizzarla, asserzioni con le quali la casa editrice veniva fatta oggetto di ingiurie e pesanti offese, ecc).

La Corte d'appello ed il primo giudice, evidenziavano, tra l'altro, - oltre alla portata offensiva di gran parte delle affermazioni riportate nel sito in questione - che tale sito, pur non avendo caratteristiche di informazioni ascrivibili alla "stampa", nondimeno costituiva la base per la costruzione di un gruppo settoriale di interesse, composto da scrittori esordienti, o aspiranti tali, mediante la discussione di temi comuni; da ciò derivava che era possibile ricomprendere in esso quella comunicazione con più persone e quella utilizzazione del mezzo della stampa di cui all'art. 595, commi primo, secondo e terzo Cod. pen.; sussisteva, poi, la responsabilità diretta dell'imputata, non mediata dai criteri di cui all'art. 57 Cod. pen., per la disponibilità dell'amministrazione del sito Internet, che la rendeva responsabile di tutti i contenuti di esso accessibili alla rete, sia quelli inseriti da lei stessa, sia quelli inseriti da utenti; l'imputata, inoltre, non si era limitata ad ospitare sul sito in questione gli interventi di altre persone, ma era l'ideatrice, l'ispiratrice e l'animatrice della campagna "NOEAP".

Avverso la sentenza di appello la donna, nel frattempo diventata maggiorenne, proponeva ricorso per cassazione, lamentando in primo luogo che per poter processare e condannare colei che non è l'autrice materiale della diffamazione, ma la titolare del sito, che ha permesso la diffusione di contenuti diffamanti, è stato attribuito un ruolo di garanzia all'imputata, assimilando di fatto la figura del titolare del sito a quella del direttore del giornale, che ex art. 57 c.p. risponde per la mancata vigilanza in ordine ai contenuti degli articoli pubblicati; col secondo motivo, poi, l’imputava eccepiva che risultava contraddittoriamente condannata per un concorso morale con ignoti, mai formalmente contestatole, in mancanza di prova che gli autori materiali delle diffamazioni siano stati certamente ispirati dalla giovane, piuttosto che essi abbiano agito per livore personale verso la persona offesa.

La Suprema Corte, V Sezione penale, con sentenza n. 16751 del 16 aprile 2018, ha accolto il ricorso.

E’ stato preliminarmente osservato, infatti, che solo la testata giornalistica telematica, funzionalmente assimilabile a quella tradizionale in formato cartaceo, rientra nella nozione di "stampa" di cui all'art. 1 della L. 8 febbraio 1948 n. 47. Invero, l'interpretazione evolutiva e costituzionalmente orientata del termine "stampa" non può riguardare tutti in blocco i nuovi mezzi, informatici e telematici, di manifestazione del pensiero (forum, blog, newsletter, newsgroup, mailing list, pagine Facebook), a prescindere dalle caratteristiche specifiche di ciascuno di essi, ma deve rimanere circoscritto a quei soli casi che, per i profili strutturale e finalistico che li connotano, sono riconducibili nel concetto di "stampa" inteso in senso più ampio. Deve tenersi, infatti, ben distinta, l'area dell'informazione di tipo professionale, veicolata per il tramite di una testata giornalistica on line, dal vasto ed eterogeneo ambito della diffusione di notizie ed informazioni da parte di singoli soggetti in modo spontaneo, tra cui: il forum/bacheca telematica, che è un'area di discussione, in cui qualsiasi utente o i soli utenti registrati (forum chiuso) sono liberi di esprimere il proprio pensiero, rendendolo visionabile agli altri soggetti autorizzati ad accedervi, attivando così un confronto libero di idee in una piazza virtuale; il blog (contrazione di weblog, ovvero "diario in rete"), che è una sorta di agenda personale aperta e presente in rete, contenente diversi argomenti ordinati cronologicamente; i social-network che sono un servizio di rete sociale, lanciato nel 2004 e basato su una piattaforma software scritta in vari linguaggi di programmazione; la newsletter, che è un messaggio scritto o per immagini, diffuso periodicamente per posta elettronica e utilizzato frequentemente a scopi pubblicitari; i newsgroup, che sono spazi virtuali in cui gruppi di utenti si trovano a discutere di argomenti di interesse comune; la mailing list, che è un metodo di comunicazione, gestito per lo più da aziende o associazioni, che inviano, tramite posta elettronica, a una lista di destinatari interessati e iscritti informazioni utili, in ordine alle quali si esprime condivisione o si attivano discussioni e commenti. Tutte le forme di comunicazione telematica testé citate sono certamente espressione del diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero (art. 21, primo comma, Cost.), ma non possono godere delle garanzie costituzionali in tema di sequestro della stampa. Rientrano, infatti, nei generici siti Internet che non sono soggetti alle tutele e agli obblighi previsti dalla normativa sulla stampa.

Tanto precisato, i giudici di legittimità hanno osservato che non potendo per le ragioni suddette assimilarsi l'amministratore di un sito internet ad alcuna delle specifiche figure di soggetti responsabili dei reati commessi col mezzo della stampa (art. 57 Cod. pen.), quali il direttore o vice-direttore responsabile, occorre individuare a quale titolo l'amministratore del sito internet può rispondere del reato di diffamazione.

Sul punto, in mancanza di norme - come per i reati commessi con la stampa periodica - il reato di diffamazione può essere ascritto all'amministratore del sito in base alla previsione secondo le regole comuni o perché autore della stessa o quale concorrente dell'autore materiale.

La sentenza di primo grado, dopo aver formalmente escluso l'attribuzione all'imputata della responsabilità mediata dai criteri di cui all'art. 57 Cod. pen., ha erroneamente concluso nel senso che la disponibilità dell'amministrazione del sito internet rendeva l'imputata responsabile di tutti i contenuti di essi accessibili dalla rete, sia quelli inseriti da lei stessa, sia quelli inseriti dall'utente, non essendo idonea ad escludere la responsabilità penale dell'imputata la clausola di attribuzione esclusiva di responsabilità agli autori dei commenti, contenuta nel regolamento di natura esclusivamente privata per l'utilizzazione del sito; la sentenza impugnata, invece, dopo aver condiviso con il primo giudice la natura offensiva delle affermazioni ricorrenti sul sito amministrato dall'imputata ed aver dato atto del "sentiero alquanto contorto” quello indicato dal primo giudice, ha poi ambiguamente evidenziato come l'imputata non potesse sottrarsi alle sue responsabilità in ordine alla diffamazione tramite Internet commessa in danno della persona offesa, in quanto era lei ad essere ideatrice di quella campagna "NOEAP" contro le case editrici a pagamento (e contro quella della stessa persona offesa), nonché era lei ad amministrare un forum del quale risultava essere l'ispiratrice ed animatrice.

Dal suddetto argomentare, tuttavia, ad avviso dei giudici di Piazza Cavour non si comprende all'evidenza di quali affermazioni ingiuriose nei confronti della persona offesa l'imputata sia autrice, né da quali elementi possa specificamente dedursi la sua responsabilità concorsuale con gli autori materiali della diffamazione (allo stato rimasti ignoti), non potendo l'animazione di un forum in sé determinare la corresponsabilità penale per le frasi o scritti ad altri materialmente riferibili, in assenza di elementi specificamente enunciati che denotino la sua coscienza e volontà nell'attività diffamatoria.

Da ciò è conseguita la statuizione di annullamento con rinvio.

Rodolfo Murra

(22 aprile 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 febbraio 2016
Polizia di Stato | Sotto l'egida dell'Europol, raccoglie tutte le informazioni dei ricercati più pericolosi in UE. Tra le funzionalità c'è la segnalazione anche in forma anonima.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2015
Gare pubbliche | TAR Sardegna: non è necessaria la comunicazione individuale se il portale funziona.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 8275/2016.

 
 
Condividi la notizia

27 ottobre 2014
Delitti contro l'onore | La Cassazione salva intervistato e giornalista. I giudici di legittimità chiariscono, in questa vicenda, gli effetti della remissione della querela nei delitti contro l'onore.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2014
Nuovo portale | On line il nuovo sito internet per soddisfare le esigenze dei contribuenti anche attraverso la possibilità di richiedere online il piano di rateazione.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2015
Antitrust | Il Provvedimento dell'AGCM riguarda le informazioni fornite ai consumatori dai consorzi affidatari, poste sui cassonetti gialli e pubblicate nel sito internet dell'AMA.

 
 
Condividi la notizia

10 novembre 2015
Autorità Anticorruzione | La Banca d'Italia, con nota del 30 settembre 2015, ha informato l'A.N.AC. sulle modifiche recentemente introdotte nel proprio sito internet nella parte relativa alle finanziarie per tener conto del mutato quadro normativo.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Cassazione Penale | La Suprema Corte equipara gli utenti dei social media a giornalisti.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2018
Corte di cassazione | La Corte evidenzia l'infondatezza degli indizi a fronte dell'omessa individuazione dell'indirizzo IP.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Offesa all'onore di consiglieri comunali. La scriminante dell'esercizio del diritto di critica politica. La sentenza della Suprema Corte del 10.2.2017.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2017
Corte di Cassazione | L'esercizio del diritto di critica richiede la verità del fatto. La sentenza della Suprema Corte.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2014
Corte di Cassazione | Non e' solo la descrizione poco lusinghiera "Mangio solo cibi spazzatura e bevo birra...quando mi ubriaco vado fuori giri" ad integrare il reato, quanto l'utilizzo dei servizi del sito con la falsa identità.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
Giustizia Europea | La Corte di Giustizia Europea sul problema della violazione del diritto d'autore nell'ambito dei siti internet.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Camera dei deputati | Per la prima volta in Italia si istituisce in sede parlamentare una Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet.

 
 
Condividi la notizia

30 ottobre 2014
digitalizzazione | Le proteste dei cittadini non si fermano per il progetto di legge "internet tax" da molti giudicato "antidemocratico".

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.